Luglio 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

“Totalmente inaccettabile”: il segretario alla Difesa Richard Marles condanna la profanazione del monumento ai caduti di Montrose nel Giorno della Memoria

“Totalmente inaccettabile”: il segretario alla Difesa Richard Marles condanna la profanazione del monumento ai caduti di Montrose nel Giorno della Memoria

Il ministro della Difesa Richard Marles ha denunciato la profanazione del Memoriale di guerra di Melbourne, coperto di graffiti filo-palestinesi la notte prima del Giorno della Memoria.

I residenti di Montrose, nella periferia est di Melbourne, si sono svegliati nel Giorno della Memoria per vedere il loro memoriale della Prima Guerra Mondiale coperto di graffiti, con slogan tra cui “Vergogna a Israele, Stati Uniti, Regno Unito e Australia”, “Palestina libera”, “Fermate il genocidio a Gaza”. ” e “Fermare il genocidio a Gaza”. Fermare il genocidio a Gaza. Cessate il fuoco adesso”.

In risposta alla notizia nell’agenda di Sky News Australia di domenica, il ministro della Difesa ha detto che, sebbene gli australiani abbiano il diritto di protestare, deturpare il monumento ai caduti è “totalmente inaccettabile”.

“Viviamo in un paese in cui esiste la libertà di espressione… ma le persone devono assumersi la responsabilità di come ciò accade”, ha detto il ministro Marles nel programma di domenica.

“Deturpare il monumento ai caduti non fa nulla per promuovere la causa di ciò che sta accadendo a Gaza, né per promuovere la questione della situazione umanitaria che affligge la popolazione di Gaza.

“Ciò che fa è aggiungere enorme sofferenza alle persone che cercano di commemorare questo momento molto sacro nella storia del nostro Paese”.

Marles ha affermato che il Giorno della Memoria è un “giorno molto sacro” nel calendario della nostra nazione ed è importante che gli australiani possano “riconoscere i 103.000 australiani che hanno perso la vita indossando l’uniforme della nostra nazione”.

Ha aggiunto: “Questo è un lavoro molto sacro nel contesto della nostra società, e dobbiamo essere in grado di svolgerlo alle sue condizioni”.

READ  Centinaia di migliaia manifestano in tutto il mondo per Gaza alla vigilia di 100 giorni di guerra Notizie della guerra israeliana a Gaza

Il vice primo ministro ha anche commentato le scene di violenza avvenute venerdì notte nel sobborgo di Caulfield a Melbourne, che hanno visto la polizia utilizzare spray al peperoncino per disperdere gruppi rivali di manifestanti.

Marles ha dichiarato: “Questa manifestazione a nome della Palestina nel cuore della comunità ebraica è inaccettabile, ed è positivo che il Movimento per la Palestina Libera ammetta che si è trattato di un errore”.

“È chiaro che le persone hanno il diritto di protestare contro ciò che sta accadendo in Medio Oriente. Ciò che sta accadendo in Medio Oriente è una tragedia in atto. Le persone hanno il diritto di fare pressione sul governo del Paese”.

“Ma non dovrebbero esserci manifestazioni che prendano di mira altri membri della comunità”.

Il ministro Marles ha detto di essere “preoccupato” per la crescente divisione nella società su ciò che sta accadendo a Gaza, e che i leader della comunità devono usare la loro voce per “abbassare la temperatura”.

“La coesione sociale deve essere di fondamentale importanza”, ha affermato il vice primo ministro.

“Ho parlato molto con gli ebrei australiani, ho parlato molto con gli australiani musulmani, anche nella mia stessa comunità, e ciò che tutti hanno in comune è il desiderio di vivere in un paese in pace e dove ci riuniamo .” Abbiamo coesione sociale e non possiamo darla per scontata.

“Penso che sia giusto dire che gli ebrei australiani non si sono mai sentiti meno sicuri adesso. Questo è un problema reale e dobbiamo agire per risolverlo. È chiaro che l’antisemitismo non trova posto nel nostro Paese.

READ  I ricchi e famosi in India stanno fuggendo dall'epidemia di COVID-19 a bordo di jet privati

“(E) so che ci sono australiani musulmani… che si sentono isolati in questo momento. Anche questo è inaccettabile.

“Abbiamo davvero bisogno di stare al fianco di tutte le persone di ogni fede in questo momento, semplicemente sulla base del fatto che siamo australiani e che ci prendiamo cura gli uni degli altri esprimendo al tempo stesso le nostre legittime opinioni su ciò che sta accadendo all’estero”.