Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Entrano in vigore i nuovi controlli alle frontiere post Brexit

Entrano in vigore i nuovi controlli alle frontiere post Brexit

Fonte immagine, Immagini Getty

  • autore, Michael Reese
  • Ruolo, Corrispondente d'affari, BBC News

Carne, latticini, piante e sementi rientrano tra le merci soggette a ispezione fisica se importate in Gran Bretagna dall'Unione Europea a partire da martedì.

La seconda fase dei controlli alle frontiere è iniziata a mezzanotte ed è stata introdotta nell’ambito dell’accordo commerciale Brexit.

Ma le aziende hanno avvertito che i controlli commerciali, che faranno aumentare immediatamente i costi di importazione, dovrebbero colpire più duramente le piccole imprese e comportare un aumento dei prezzi sui clienti per alcuni prodotti.

Il governo ha affermato che il nuovo modello di frontiera “migliorerà la nostra biosicurezza”, aggiungendo che i costi per le aziende sarebbero “trascurabili rispetto all’impatto di un’epidemia su larga scala di una malattia vegetale o animale”, come l’afta epizootica. .

Il Regno Unito ha ufficialmente lasciato l’UE quattro anni fa, ma ci è voluto del tempo prima che le nuove regole commerciali – richieste legalmente dall’accordo Brexit – per le merci che viaggiano dal blocco verso le isole britanniche venissero implementate.

A gennaio sono stati introdotti i certificati sanitari sulle merci dell'UE, dai fiori freschi recisi ai prodotti freschi tra cui carne, frutta e verdura, ma martedì sono entrati in vigore i controlli fisici sulle merci.

Gli esportatori britannici che commerciano nella direzione opposta si trovano già ad affrontare da tre anni una crescente burocrazia. Imporre tali controlli alle frontiere nel Regno Unito invertirebbe il libero flusso di tali merci, consentito dal mercato unico dell’UE dal 1993.

Verranno sottoposti a screening anche i prodotti che presentano un rischio moderato di biosicurezza, mentre i prodotti a basso rischio, come la carne in scatola, non richiederanno alcuno screening.

I nuovi controlli non sono ancora stati applicati alle merci provenienti dalla Repubblica d’Irlanda, che è il principale fornitore di prodotti alimentari del Regno Unito.

Il governo britannico afferma che le ispezioni sulle merci irlandesi non avranno luogo prima di novembre.

Ma le imprese, soprattutto quelle piccole, hanno espresso preoccupazione sul fatto che i nuovi controlli potrebbero interrompere le catene di approvvigionamento e aumentare i costi, con gli importatori che dovranno pagare 29 sterline per spedizione di determinati prodotti.

Se più tipi di prodotti vengono importati da un’azienda, come carne, pesce e formaggio, l’azienda dovrà pagare £ 29 per categoria, fino a un massimo di £ 145 per spedizione. Il governo prevedeva che queste tasse sarebbero costate alle aziende britanniche circa 330 milioni di sterline all'anno.

John Davidson, comproprietario dell'azienda di fiori Tom Brown Wholesale, ha affermato di aspettarsi che gli assegni costeranno alla sua azienda tra le 200.000 e le 225.000 sterline all'anno.

“Normalmente cerchiamo di assorbire quanto più possiamo, ma questo tipo di costi… [it’s] “Non è possibile accogliere tutto”, ha detto.

Commenta la foto, John Davidson ha notato che i prezzi aumenteranno per i clienti della sua azienda di fiori

Ha detto alla BBC Breakfast che la sua “più grande preoccupazione” era come sarebbero stati condotti nella pratica i controlli fisici.

“Questi prodotti sono già stati ispezionati nei Paesi Bassi. Dal punto di vista del settore, mancava già la comunicazione.

Anche se i controlli entreranno in vigore martedì, resta inteso che il loro numero sarà inizialmente molto basso man mano che i trader si abitueranno alle nuove regole.

Il governo ha riconosciuto che la burocrazia e i controlli aggiuntivi porteranno a un aumento dei prezzi dei prodotti alimentari, ma non nella misura a cui abbiamo assistito di recente. Si prevedeva che i controlli avrebbero portato ad un aumento dell’inflazione di 0,2 punti percentuali in tre anni.

Ma Lucy Neville-Rolfe, ministro del Cabinet Office, ha affermato che i nuovi controlli sono necessari per migliorare la biosicurezza nel Regno Unito.

“Non possiamo continuare con misure temporanee che lasciano il Regno Unito vulnerabile alle minacce di malattie e potrebbero causare danni significativi ai nostri mezzi di sussistenza, all’economia e all’industria agricola”, ha affermato.

Tom Bradshaw, presidente della National Farmers' Union, ha affermato che il sindacato ha accolto con favore i controlli “come un modo per proteggere la sicurezza alimentare nel paese”.

“Gli agricoltori e i coltivatori britannici hanno bisogno che i controlli su tutte le importazioni, non solo su quelle provenienti dall’UE, siano efficaci, biosicuri ed efficaci. Ciò sembra diverso per i singoli settori dell’agricoltura, a seconda delle esigenze dell’azienda”.

Secondo la British Meat Manufacturers Association, la Gran Bretagna importa il 22% di carne bovina, il 21% di carne ovina e il 49% di carne suina, e fa affidamento sull’Unione Europea per la maggior parte di tali importazioni, a causa della domanda dei consumatori che supera l’offerta.

Ha affermato di sospettare che i grandi importatori non sarebbero influenzati negativamente, ma ha avvertito che lo sarebbero stati i piccoli importatori.

Jamie Collins, del rivenditore di generi alimentari a conduzione familiare Hamish Johnston di Londra, ha dichiarato alla BBC che la sua azienda potrebbe dover aumentare leggermente i prezzi per mantenere i propri margini.

Ha detto: “Importiamo molto formaggio ogni settimana dalla Francia. Ogni importazione che portiamo settimanalmente costa 220 sterline extra in aggiunta al costo”.

L’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari è stato uno dei principali motori dell’aumento complessivo del costo della vita nel Regno Unito negli ultimi anni, con l’inflazione dei prezzi alimentari – il tasso al quale i beni diventano più costosi – in aumento del 4% nell’anno fino a marzo.

Il ritmo dell’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari è rallentato negli ultimi mesi, ma il costo dei beni di prima necessità come formaggio, pane e latte è molto più elevato rispetto al 2020.

Martin McTague, presidente della Federazione delle piccole imprese, ha affermato che i membri sono “ancora incerti” sui controlli commerciali.

“È già stato rinviato cinque volte, quindi non ci sono scuse per non far sapere alle piccole imprese cosa sta succedendo”, ha detto.

Ha affermato che l'”effetto a catena” dell'aumento dei costi comporterebbe che le aziende dovessero aumentare i prezzi, ridurre le loro offerte o “chiudere completamente i negozi”.

Report aggiuntivi di Darshini David, capo corrispondente economico; Raphael Sheridan, produttore economico di BBC News e Star MacFarlane, corrispondente di BBC News.