Maggio 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia rischia di sprecare la sua liquidità inaspettata

L’Italia rischia di sprecare la sua liquidità inaspettata

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Ancor prima che l’Italia ricevesse la prima tranche del suo pacchetto di sovvenzioni e prestiti da 191,5 miliardi di euro nell’ambito del Recovery and Resilience Facility dell’UE, c’erano dubbi sulla sua capacità di utilizzare in modo efficace la liquidità inaspettata. Roma ha costantemente speso poco e non è riuscita a fare buon uso dei fondi UE. Al ritmo attuale, potrebbe finire per spendere solo un quarto della sua dotazione totale di RRF – la più grande di qualsiasi altro destinatario – entro la scadenza di metà 2026 di Bruxelles. Per un’economia che ha più o meno le stesse dimensioni di subito dopo la crisi finanziaria del 2008, con un debito pari al 144,4% del prodotto interno lordo, sarebbe un’enorme opportunità sprecata.

La RRF è il fulcro del programma NextGenerationEU, istituito all’indomani della pandemia di Covid-19 per convogliare i fondi verso la modernizzazione dell’economia europea. L’Italia ha approvato il pacchetto – il suo più grande programma di aiuti dalla ricostruzione post-seconda guerra mondiale – nel 2021 sotto l’allora primo ministro Mario Draghi. Comprendeva piani per rafforzare le logore infrastrutture fisiche e digitali del paese, insieme a importanti riforme strutturali per aumentare il suo potenziale di crescita a lungo termine.

Ma Roma non è riuscita a tenere il passo con il calendario concordato. Inizialmente l’Italia avrebbe dovuto spendere poco più di 40 miliardi di euro entro la fine del 2022: secondo Capital Economics, ne ha gestiti meno del 60%. La maggior parte dei fondi è stata destinata agli incentivi fiscali per l’edilizia e la digitalizzazione, che lo scorso anno hanno sostenuto l’economia italiana. Ma la spesa per progetti di investimento effettivi è stata finora modesta. Con l'Italia di recente segnalazione problemi Su 118 dei 527 obiettivi complessivi, ulteriori tranche da Bruxelles sono state ritardate.

READ  Ridge Center era una volta una fiorente comunità

Le ragioni citate per rimanere indietro includono problemi gestionali, costi elevati e carenza di lavoratori e materiali. Il crollo del governo di unità nazionale di Draghi la scorsa estate non ha aiutato. Il primo ministro Giorgia Meloni e i suoi alleati affermano che il piano ereditato da Draghi era difettoso. C'è del vero in questo. Assorbire fondi pari al 10% del Pil in cinque anni sarebbe sempre stato un compito arduo. Ad esempio, l’obiettivo di costruire oltre 200 km di nuove infrastrutture di trasporto pubblico verde in 16 città era particolarmente promettente.

L’unico modo in cui l’Italia potrebbe completare il suo piano originale sarebbe se la Commissione Europea prorogasse la scadenza. Sembra improbabile. La revisione del piano ha più senso. Il governo Meloni ha già inviato “correzioni” a Bruxelles che cancellano alcuni investimenti pubblici, anche per il rinnovamento urbano, e reindirizzano i fondi verso infrastrutture energetiche e crediti d'imposta verdi per imprese e famiglie. Incanalare una maggiore spesa verso queste aree attraverso il settore privato è sensato, ma la cancellazione degli investimenti pubblici tanto necessari in infrastrutture fatiscenti sarebbe un duro colpo.

Ma la Meloni vuole anche annacquare alcune riforme strutturali. Questi includono il miglioramento dell’efficienza del settore pubblico, l’incremento della concorrenza e gli obiettivi per ridurre gli arretrati giudiziari e l’evasione fiscale. Molte riforme sono progettate per sostenere una maggiore crescita della produttività, che può contribuire a riportare il debito pubblico italiano su una base più sostenibile. Rimangiarsi queste promesse sarebbe un errore: la perdurante incapacità dell’Italia di spendere ed elaborare i fondi europei deriva da molte delle sfide che le riforme cercano di affrontare. Allo stato attuale, la formulazione approssimativa delle misure previste ha portato alcuni a dubitare che molto cambierà.

READ  Il marchio italiano Sessa Marine conferma la sua presenza all'Auckland Boat Show

L’Italia è un indicatore per giudicare il successo del programma dell’UE. È nell'interesse di Bruxelles rielaborare il piano con Roma. Sarà importante dare priorità ai progetti infrastrutturali più essenziali, sostenere gli incentivi per l’energia verde e non lasciare che le riforme strutturali scivolino via. Ciò che accade in Italia – la terza economia più grande del blocco – è importante per l’economia europea e la sua stabilità finanziaria.

L’Italia ha bisogno di più di 191,5 miliardi di euro per risollevare le proprie sorti. Ma utilizzare in modo efficace la RRF porterebbe almeno un passo avanti verso l’uscita dal suo malessere decennale di bassa crescita. Se si spreca questo pacchetto, è difficile vedere il paese uscire dalla sua crisi economica in tempi brevi.