Gennaio 25, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

“Sulla nostra responsabilità”: l’OMS lancia un cupo avvertimento sulla diffusione di Omicron

L’Organizzazione mondiale della sanità ha avvertito che la variante Omicron si sta diffondendo in tutto il mondo a un ritmo senza precedenti e non sono stati fatti abbastanza sforzi per fermarla.

In un nuovo, cupo messaggio, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha avvertito che la variante altamente mutata di Omicron si sta diffondendo in tutto il mondo a un ritmo senza precedenti e non sono stati fatti abbastanza sforzi per fermarla.

Casi del ceppo sono stati confermati in 77 paesi, inclusa l’Australia, ma il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha dichiarato mercoledì in una conferenza stampa che era probabilmente presente ma non rilevato nella “maggior parte” degli altri luoghi.

“Omicron si sta diffondendo a una velocità che non abbiamo visto con nessuna variante precedente”, ha detto il dott. Tedros.

Ha aggiunto che era preoccupato per il fatto che non si stava facendo abbastanza per affrontare l’alternativa – che è La ricerca preliminare suggerisce che potrebbe essere più trasmissibile del delta, ma l’intensità è inferiore.

“Sappiamo certamente ora che stiamo sottovalutando questo virus da soli”, ha detto.

“Anche se Omicron causa malattie meno gravi, l’enorme numero di casi potrebbe ancora una volta sopraffare i sistemi sanitari impreparati”.

L’esperto dell’OMS Bruce Aylward ha anche messo in guardia dal “saltare alla conclusione che si tratta di una malattia lieve”.

“Se entriamo in una stagione come quella che stiamo entrando in questo momento, quando molte persone vogliono riunirsi per le festività natalizie e abbiamo un virus più trasmissibile [that we don’t actually know is milder] Potremmo prepararci per una situazione molto pericolosa”.

READ  Il Turkmenistan è registrato come nessun caso di Covid

Il livello di rischio rimane molto alto, secondo gli ultimi dati dell’OMS, che suggeriscono che Omicron, scoperto per la prima volta in Sudafrica il mese scorso, potrebbe eludere meglio i vaccini esistenti e comportare un rischio maggiore di reinfezione.

Il dottor Tedros ha affermato che i colpi di richiamo potrebbero svolgere un ruolo importante nel limitare la diffusione del virus, ma si trattava di una “questione di priorità”, facendo eco alle sue preoccupazioni sulle disuguaglianze nei vaccini.

Nei paesi poveri, alcune persone non hanno ancora ricevuto la prima dose.

Mentre “l’OMS non è contro i richiami”, il dott. Tedros ha affermato che i programmi di richiamo “ripeteranno l’accumulo di vaccini contro il Covid-19” visto all’inizio di quest’anno.

“L’ordine è importante. Dare booster a gruppi a basso rischio di malattia grave o morte minaccia semplicemente la vita di coloro ad alto rischio che stanno ancora aspettando le loro dosi iniziali a causa di vincoli di fornitura”, ha affermato il dott. Tedros.

Oltre al continuo lancio di vaccini, ha invitato i paesi a utilizzare tutte le misure possibili per frenare la diffusione della variante, compreso l’incoraggiamento del distanziamento fisico e l’uso di mascherine.

“Fai tutto. Fallo costantemente”, ha detto.

Fatti avanti per proteggere la comunità

Arriva l’avvertimento, in Australia autorità e funzionari sanitari avvertono della volontà dell’alternativa Omicron Probabile che diventi la dinastia dominante.

Mercoledì, i virologi del Kirby Institute hanno presentato nuovi dati dopo aver aumentato il ceppo in laboratorio e testato come ha risposto a diversi campioni, inclusi i vaccini completi, quelli che si sono ripresi dal virus ma non sono stati vaccinati e quelli che si sono ripresi dal virus. virus. Erano anche completamente vaccinati.

READ  Elezioni tedesche: i socialdemocratici battono il partito conservatore di Angela Merkel

Sebbene i vaccini forniscano una protezione limitata contro l’infezione sintomatica da omicroni, “c’è ancora una certa protezione contro le malattie gravi e l’ospedalizzazione fornita da quei vaccini”, ha affermato Deborah Cromer, leader del gruppo nell’epidemiologia delle infezioni.

Il terzo booster con un vaccino mRNA “aumenta in modo significativo gli anticorpi neutralizzanti e quindi si traduce in protezione”. [at] Livelli davvero molto alti di circa l’85 percento di protezione contro le malattie sintomatiche e circa il 98 percento di protezione contro le malattie gravi”, ha affermato il dott. Cromer. guardiano.

Parlando anche alla pubblicazione, il presidente dell’Australian Medical Association (AMA) Omar Khurshid ha avvertito che il programma di richiamo viene lanciato troppo lentamente.

“Entro la fine di questo mese, quasi quattro milioni di persone potranno beneficiare di una dose di richiamo, tuttavia, nell’ultima settimana, l’Australia è stata in grado di somministrare solo poco più di 210.000 dosi di richiamo”, ha affermato il dott. Khurshid.

“L’ultimo ceppo di Covid-19, Omicron, rappresenta un rischio potenziale significativo per la popolazione e sembra essere più trasmissibile rispetto ai ceppi precedenti, quindi dobbiamo accelerare il ritmo per proteggere la comunità.