Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Quando il circo (e il leone) arrivarono in città in Italia

Quando il circo (e il leone) arrivarono in città in Italia

Non capita tutti i giorni di vedere un leone vagare per le strade. Se ti capita di vederne uno, potresti essere confuso e, oserei dire, spaventato. Questo è esattamente quello che è successo agli abitanti della cittadina costiera di Ladispoli quando la sera del 12 novembre un leone fuggì da un circo vicino.

Kimba, otto anni, ha camminato per le strade della città di Ladispoli, a ovest di Roma, ed è rimasto completamente imperturbabile davanti alle telecamere che lo filmavano o alle persone che gli urlavano contro.mamma mia” e “sali in macchina”. La gente del posto gli ha detto di rimanere in casa per diverse ore mentre la polizia, i veterinari e gli operatori del circo lo monitoravano e lo sedavano.

L’eroico tiratore, Rafael Biscegna, 38 anni, disse allora alla televisione: “Mi sono avvicinato al leone a una distanza di 35 metri e ho aperto il fuoco. Vedendomi, il leone ruggì e cercò di scappare. L’ho colpito alla schiena mentre si muoveva. Questo tipo di successo viene offerto solo in casi estremi, ma non avevamo altra possibilità. Fortunatamente, Kimba non è rimasta gravemente ferita.

“Cosa significano che un leone è libero?” Il mio partner mi ha chiesto quando la storia è arrivata al telegiornale. “Li stiamo davvero usando per esibirci?”

Anche amici e colleghi sono rimasti scioccati: tutti parlavano di Kimba. La gente discuteva di lui in metropolitana, lui compariva nelle chat di famiglia su WhatsApp e io discutevo dell’uso degli animali da circo nella mia lezione di italiano.

Da un recente sondaggio è emerso che il 76% degli italiani è contrario all’uso degli animali nei circhi e il 79% è contrario all’utilizzo di fondi pubblici per sostenere i circhi che utilizzano animali. Nel maggio 2023, il Fondo Nazionale per lo spettacolo dal vivo (Fondo Nazionale per lo spettacolo dal vivo), controllato dal Ministero della Cultura, ha assegnato 8,6 milioni di euro alle attività circensi (compresi gli animali).

READ  L'R455A di Honeywell sbarca in Italia

Nel 2021, il precedente ministro della Cultura, Dario Francesini, ha iniettato nel fondo 11 milioni di euro, giustificandosi dicendo che il settore stava soffrendo a causa della pandemia di Covid.

Il gruppo per i diritti degli animali OIPA ha affermato che la fuga ha evidenziato il disagio degli animali tenuti in cattività per divertimento. Inoltre, l’associazione LAV stima che nei circhi di tutta Italia siano tenuti 2.000 animali. Kimba è la quinta persona a fuggire dal Paese quest’anno.

La LAV ha invitato Giorgia Meloni e il ministro della Cultura Gennaro Sanguliano ad attivarsi. Si sono anche chiesti perché la legislazione per limitare l’uso degli animali per l’intrattenimento non sia stata presentata l’anno scorso fino al 2024.

Kimba non è l’unico animale in questo circo a conduzione familiare. È solo uno dei nove grandi felini che lavorano insieme a elefanti, cammelli e gnu. L’allevatore di animali Ronnie Vassallo ha detto che i suoi critici “non conoscono la realtà, come vengono trattati gli animali nei circhi, o i test che vengono effettuati”. Crede anche che qualcuno sia entrato nella gabbia di Kimba per liberarlo. Sulla base di tale richiesta è attualmente in corso un’indagine.

Che qualcuno liberi o meno Kimba o si prenda cura di lui, rimane una domanda: a cosa servono gli artisti animali nel circo? Sono costosi, possono rappresentare un pericolo per le comunità vicine e la gente andrà agli spettacoli se non utilizzano artisti animali. L’Italia deve seguire l’esempio di altri 20 paesi europei che hanno vietato tali eventi prima di vedere un altro leone in libertà.