Novembre 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Perché la Cina si rifiuta di usare il carbone australiano in mezzo a controversie commerciali

La Cina ha fatto affermazioni audaci su come si è tagliata fuori dall’Australia, ma ci sono fattori che potrebbero spingerla di nuovo verso il basso.

La Cina potrebbe essere alle prese con una crisi energetica. Tuttavia, è determinato a non ritirarsi dalla lista nera del carbone australiano. Ma per quanto tempo?

“Sembra inverosimile sperare che la carenza di energia della Cina porti alla crescita del commercio tra Cina e Australia”, Tempi globali È stato annunciato all’inizio di questa settimana.

ma I prezzi del carbone “senza precedenti” – e una carenza di approvvigionamento globale – sembra aver compensato qualsiasi effetto che l’embargo commerciale imposto potrebbe avere.

“È senza precedenti perché i prezzi internazionali del carbone termico sono già aumentati di oltre il 100% da maggio di quest’anno”, afferma. Lorion de Mello è un economista energetico alla Macquarie University. “Questo non è normale.”

L’economia globale inizia a uscire dal lockdown imposto dalla pandemia. Questo, insieme a una serie di eventi meteorologici estremi, problemi geopolitici e interruzioni della produzione e dello stoccaggio del carbone da parte di Russia e Cina, ha portato a Drastica carenza di carburante.

Gas. carbone. olio. Tutti stanno vivendo un aumento della domanda.

E le cose sono diventate sospette.

La Cina stava soffrendo Interruzione di corrente diffusa. Al suo nucleo industriale è stato ordinato di tagliare le operazioni. Le aziende devono adottare misure di efficienza. I residenti sono esposti a improvvise interruzioni di corrente.

L’Europa si trova in una situazione simile. I prezzi del gas sono aumentati. L’elettricità ora costa il 200 per cento in più rispetto a gennaio. Presto, gli stati potrebbero dover scegliere tra mantenere le industrie produttive o mantenere le persone al caldo.

La crisi potrebbe essere una fortuna per i paesi esportatori di carbone e gas, come l’Australia.

Ma quanto durerà?

in bilico

“Alcuni credono che la Cina possa fare affidamento in una certa misura sulle importazioni di carbone per alleviare la carenza di energia che si è diffusa in diverse province”, Tempi globali rapporti.

È già affondato nel milione di tonnellate di carbone australiano nelle navi da quando la dogana cinese si è rifiutata di accettare le spedizioni. Anche se è già stato pagato.

READ  Caos all'aeroporto di Kabul mentre gli afgani si aggrappano all'aereo

“Si è ipotizzato che la carenza di carbone in Cina possa aprire una finestra di opportunità per alleviare una disputa commerciale incentrata sul carbone tra Cina e Australia”, aggiunge il rapporto.

Ma ha concluso che un cambiamento così imbarazzante non era necessario.

Indonesia, Russia e Mongolia sono state le prime tre fonti di importazione di carbone in Cina. Nei primi otto mesi di quest’anno, le importazioni di carbone cinese da Stati Uniti, Sud Africa, Canada e Filippine hanno registrato una crescita significativa. In questo senso, l’attrito commerciale del carbone tra Cina e Australia non ha avuto un impatto significativo sulle importazioni di carbone cinesi”.

Non ha menzionato che finora queste importazioni non sono riuscite ad alleviare i problemi di produzione causati dal cambiamento climatico. Né il costo aggiuntivo incluso.

“Siamo in un modello meteorologico in cui l’emisfero settentrionale avrà un inverno più lungo e più freddo del solito”, afferma de Mello. “Se l’inverno è davvero rigido, penso che la fornitura di carbone sarà un fattore decisivo. Quindi potrebbero decidere dopo aver allentato le restrizioni sull’importazione di carbone australiano poiché ci sono molte interruzioni”.

ultimo sforzo?

L’Australia è il secondo esportatore di carbone termico al mondo. Cina, Giappone e Corea del Sud sono i suoi tre maggiori clienti.

I prezzi – intorno a A330 dollari la tonnellata – sono a livelli record.

Per quanto tempo rimarrà così, tuttavia, è incerto.

Tutti e tre i paesi hanno adottato obiettivi di emissioni nette di carbonio zero mentre il cambiamento climatico inizia a lasciare il segno sul pianeta. Giappone e Corea del Sud hanno confermato la loro volontà di fare un primo passo in tal senso.

Quindi, il carbone ha raggiunto il picco? Non ancora, dice de Mello.

De Mello afferma che la Cina gestisce 303 centrali elettriche a carbone. “Il carburante utilizzato per generare elettricità è ancora lì. E la Cina, come molti paesi, sta cercando di accumulare carbone termico”.

Nonostante le tendenze verso l’energia a basse emissioni di carbonio, la domanda di carbone sta effettivamente ricominciando ad aumentare in luoghi come la Germania e l’India.

“Sono preoccupati di non poter pagare gli alti prezzi del gas”, dice de Mello. Anche le forniture di energia rinnovabile sono irregolari a causa del maltempo e i tedeschi non ricevono abbastanza gas dalla Russia. Quindi sono stati costretti a tornare a usare il carbone e stanno già finendo”.

READ  SEG Plaza in Cina è stata ispezionata dagli ingegneri dopo essere stata scossa, costringendo le persone a fuggire

fornitura intermittente

Quest’anno, le forniture globali di carbone sono iniziate male dopo che le piogge torrenziali e le inondazioni a Newcastle hanno rallentato le esportazioni australiane a marzo.

Il carbone assorbe l’umidità. Lasciarlo sotto la pioggia lo rende molto più pesante da trasportare e meno efficiente nella combustione. Quindi ha senso economico lasciarlo nel terreno.

Da allora, lunghi periodi di maltempo hanno colpito la produzione indonesiana. La Cina sta ora vivendo pesanti inondazioni in molte regioni locali produttrici di carbone.

Gli edifici sono crollati e le frane hanno spazzato via strade e infrastrutture in più di 70 aree del nord della Cina. Le inondazioni hanno colpito 1,8 milioni di persone nella provincia dello Shanxi, dove viene estratto il 30% della fornitura totale di carbone termico della Cina.

Ciò ha esercitato ulteriore pressione sulle riserve di carbone che producono energia in Cina, già in diminuzione.

Aggiungi al mix un’economia rinnovabile post-pandemia e una classe media affamata di energia in rapida espansione e ottieni poco margine di errore.

La Cina non è l’unico posto con problemi.

Anche l’India sta soffrendo. La scorsa settimana, le agenzie governative hanno riferito che 63 delle 135 centrali elettriche a carbone del paese avevano forniture sufficienti solo per due giorni. Come la Cina, le carenze in India sono state causate da problemi di trasporto causati da condizioni meteorologiche avverse.

Non durerà per sempre, dice de Mello.

“Una volta che l’intero ciclo invernale sarà finito, penso che i prezzi probabilmente diminuiranno perché è solo un po’ folle in questo momento. Ci deve essere una sorta di correzione”.

Vento del cambiamento

“La Cina è sempre alla ricerca di un’alternativa ai combustibili fossili e alle risorse minerarie”, osserva de Mello. “E una volta che ci metteranno le mani sopra, sarà un problema per l’Australia”.

L’economia coercitiva della Cina non riguarda solo il carbone. Riguarda anche tutto il resto.

READ  Report: Facebook interrompe il trattamento speciale per i politici dopo il divieto di Trump | Sito di social network Facebook

L’Australia ha il minerale di ferro della migliore qualità al mondo. Ma hanno tagliato le importazioni”, spiega de Mello. “Ora molto minerale di ferro brasiliano sta arrivando in Cina e le spedizioni dal Canada e dal Perù sono previste per il mese prossimo. Queste alternative, insieme al notevole allentamento della produzione di acciaio, hanno causato un crollo del prezzo del minerale di ferro di circa il 30 o il 40 percento finora quest’anno”.

Una situazione simile si profila per il gas.

La Cina ha superato il Giappone come primo importatore di GNL australiano. I russi hanno acquisito il progetto di gasdotto Power of Siberia di 4.000 chilometri e un enorme progetto di gas naturale liquefatto nella penisola di Yamal è in corso per fornire gas alla Cina orientale. Tutti questi progetti, una volta pienamente operativi, potrebbero esercitare una pressione significativa sulle esportazioni australiane”. L’industria carboniera australiana è sopravvissuta deviando le sue esportazioni verso India, Corea del Sud e Giappone.

Una volta che questi paesi inizieranno ad attuare i loro obiettivi di emissioni zero, de Mello pensa che altri paesi si lasceranno andare.

“Se guardi posti come il Pakistan e il Bangladesh, li trovi piuttosto disperati”, dice. “Il Pakistan brucia la legna per il riscaldamento e per cucinare perché il gas è molto difficile da trovare. Ora stanno progettando di importare olio combustibile ad alto tenore di zolfo (HSFO), che è la roba cattiva da cui l’industria navale sta cercando di stare alla larga.

“Questo è il problema. Voglio dire, non possiamo allontanarci dai combustibili fossili. Non è abbastanza. Dobbiamo farlo gradualmente e in modo ponderato”.

La Cina si troverà presto in una posizione simile per quanto riguarda la coca cola australiana.

“Attualmente non ci sono alternative al carbone per una produzione efficiente di acciaio”, afferma de Mello. “Le persone stanno testando l’idrogeno, come la Svezia. Ma la capacità per la produzione di massa semplicemente non c’è”.

Jimmy Seidl Scrittore freelance | Tweet incorporato

Leggi argomenti correlati:Cina