Giugno 14, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

“Non mi limito a coprire le notizie, le vivo”: i giornalisti cittadini di Gaza raccontano la vita in guerra | Guerra Israele-Gaza

“Non mi limito a coprire le notizie, le vivo”: i giornalisti cittadini di Gaza raccontano la vita in guerra |  Guerra Israele-Gaza

TIl video che ha reso virale Belestia Akkad era semplice ma doloroso. All’inizio dell’attacco israeliano a Gaza, stava filmando nell’appartamento di un vicino a Gaza City, mostrando come avevano rimosso i vetri delle finestre e si erano rifugiati all’interno.

Ma durante le riprese, Una serie di scioperi ha colpito un’area vicino all’edificioRiempiendo l’aria esterna di polvere. Akkad non sussultò, ma il suo viso si trasformò in una maschera di shock a bocca aperta.

“Stavo cercando di spiegare le cose, ma penso che tu possa sentirlo ora”, ha detto. Il video ha ricevuto più di 200.000 mi piace.

Guardando il video da uno scomodo esilio in Australia, Akkad, 22 anni, è rimasta sorpresa come qualsiasi spettatore dalla sua mancanza di reazione in quel momento.

“Capisco perché il video è diventato virale e perché la gente mi chiede come posso calmarmi in una situazione come questa, se sono abituata a queste cose o traumatizzata. La gente se lo chiede, perché me lo chiedo anch’io”, spiega. ha detto, parlando su Zoom.

Una fiamma israeliana illumina il cielo durante l’esplosione di una bomba nel nord della Striscia di Gaza. Fotografia: Jim Hollander/UPI/Shutterstock

Il percorso di Akkad dall’uso di Instagram per insegnare agli sconosciuti la vita quotidiana a Gaza a corrispondente di guerra è avvenuto rapidamente. Prima della guerra, lavorava in un’agenzia di marketing e faceva uno stage nel campo dei media, utilizzando Instagram per fotografare la vita quotidiana nella zona, postando file di ombrelloni colorati sulla spiaggia o condividendo selfie con i suoi amici. Dice che l’obiettivo era insegnare ai suoi seguaci che a Gaza c’è molto di più oltre al conflitto e alla distruzione.

READ  Penny Wong esorta l'Iran a non intensificare il conflitto in Medio Oriente con ritorsioni contro Israele

Dopo che Hamas ha lanciato un raid senza precedenti sulle città e sui kibbutz israeliani il 7 ottobre, uccidendo 1.200 persone e prendendo centinaia di ostaggi, Akkad ha iniziato a ricevere chiamate per lavorare come corrispondente per canali televisivi britannici e francesi, e il suo account Instagram è stato trasformato in un account di guerra personale. . .

La sua pagina si riempì presto di immagini di quartieri devastati e di sconosciuti che condividevano il cibo in mezzo alla scarsità. Al-Aqqad ricorda di essere stato in una tenda piena di cadaveri, o di aver camminato tra le macerie, cercando di ricordare gli edifici che un tempo sorgevano lì.

Nessun giornalista internazionale deve ancora essere ammesso a Gaza a meno che non si arruoli nell’esercito israeliano, e con i giornalisti palestinesi nei principali organi di informazione inondati di ultime notizie, i social media spesso intervengono per colmare questa lacuna.

Plestia Akkad
Belestia Akkad: “Non voglio che la gente ci veda solo come notizie”. Fotografia: Belestia Akkad

Sul campo a Gaza, un piccolo gruppo di giovani reporter ha portato la guerra al mondo esterno, condividendo i momenti più intimi della perdita e del conflitto con un pubblico di milioni di persone.

Bisan Odeh, una regista 25enne che ha coperto gli attacchi all’ospedale Shifa di Gaza City, ha 3,1 milioni di follower su Instagram sul suo canale in lingua inglese, mentre il fotografo 24enne Moataz Azaizeh, noto per i suoi bizzarri scatti con droni. Il pilota, che mostra un paesaggio devastato, conta 15,8 milioni.

I follower di Akkad sono passati da 4.000 prima della guerra a 4,2 milioni e, lungo il percorso, ha aperto tutti i messaggi e le e-mail che ha ricevuto dagli spettatori in modo da poter rispondere alle loro domande.

READ  L'hacking di Optus innesca il piano di condivisione dei dati delle banche; votare al Parlamento sostenuto dall'elettorato; Introdurre la legislazione federale ICAC; L'aumento dei tassi RBA provoca un divario di budget di $ 120 miliardi; Jackie Lambie sostiene la cannabis medica per i veterani

“Instagram è un diario personale per connettermi con le persone, per mostrare loro cosa sta succedendo, per mostrare loro la Plestia umana, non solo la Plestia giornalistica. Questo è il mio lavoro”, ha detto.

Il suo tocco personale ha trovato un luogo che i notiziari televisivi non erano riusciti a catturare, offrendo uno sguardo intimo alla vita quotidiana all’interno dell’enclave dove più di 1,8 milioni di persone sono state sfollate e interi quartieri sono stati distrutti. Il bilancio delle vittime a Gaza ha superato le 18.200 persone e quasi nessuna famiglia è stata risparmiata.

Secondo il Comitato per la protezione dei giornalisti, dal 7 ottobre sono stati uccisi a Gaza 63 giornalisti e operatori dei media. Il capo dell’ufficio di Al Jazeera, Wael Al-Dahdouh, ha perso la moglie, il figlio, la figlia e il nipote in un attacco aereo israeliano sulla sua casa. Moamen Al-Sharafi è un altro corrispondente della rete. Ha perso 22 membri della sua famiglia in un attacco.

La giornalista Belistia Al-Akkad filma il momento di un attacco aereo vicino alla sua casa a Gaza – video

Molti corrispondenti palestinesi hanno continuato a lavorare nonostante lo sfollamento, la morte di familiari e il rischio sempre presente di lesioni e morte.

“Per me è importante costruire un rapporto con le persone, in modo che siano interessate e coinvolte in ciò che sta accadendo”, ha detto Akkad. “Non sono solo un giornalista, non sono solo qualcuno che copre le notizie. Le sto anche vivendo.”

Spesso passava ore a cercare un posto dove ricaricare il telefono o a trovare una copertura Internet sufficiente per caricare il suo materiale. Queste sfide sono state aggravate dopo la completa interruzione di corrente e le frequenti interruzioni delle comunicazioni.

“Non voglio che la gente ci guardi semplicemente come notizie”, ha detto. “Ecco perché Instagram in generale è importante per me. Significa costruire una connessione. Non siamo solo una novità che puoi spegnere la TV quando hai finito la giornata.”

Per Al-Aqqad, il punto di svolta è stata la morte di Bilal Jadallah, il popolare capo del gruppo mediatico no-profit Press House-Palestine, che è stato assassinato. In un attacco aereo israeliano sulla sua macchina. Jadallah è stato una figura ispiratrice per una generazione di reporter palestinesi e la sua morte è stata un duro colpo.

Ha restituito il giubbotto antiproiettile e l’elmetto con la scritta “Press” alla Sala Stampa, temendo che avrebbero fatto di lei un bersaglio, ma ha detto che “si sentiva nuda senza di loro”.

Dopo il lavoro, Akkad discuteva se dormire in macchina o nel luogo in cui si stava nascondendo, oppure tornare dalla sua famiglia, anch’essa ripetutamente sfollata.

“Stavo pensando: e se tornassi dalla mia famiglia e loro venissero presi di mira o uccisi perché ho scelto di fare la giornalista?”, ha detto. “Poi ho pensato: cosa succede se non rispondo a loro e vengono presi di mira da soli?”

Al-Aqqad ha detto che spesso pensava se non sarebbe stato meglio per loro morire tutti insieme. “Ora che ho detto quello che pensavo ad alta voce, sembra pazzesco”, ha aggiunto. Com’era normale per me pensare in questo modo? “

I soccorritori lavorano tra le macerie
Le squadre della protezione civile e i residenti locali continuano le operazioni di ricerca e salvataggio tra gli edifici distrutti dopo gli attacchi israeliani a Gaza City. Foto: Anadolu/Getty Images

Quarantacinque giorni dopo aver denunciato la devastazione, Al-Aqqad ha lasciato Gaza tra i crescenti timori per la sua famiglia, ma era tormentata dal senso di colpa per la sua capacità di lasciare la Striscia.

Dall’esilio a Melbourne, restava sveglia tutta la notte, guardando gli eventi che si svolgevano a casa mentre scorreva il telefono, cercando di tenere il passo con le notizie.

Odeh e Azayza hanno recentemente postato messaggi ai loro seguaci, dicendo che temono di poter sopravvivere nelle prossime settimane mentre le forze israeliane avanzano nel sud di Gaza.

“Due giorni fa, ero la notizia, ed ero lì per riferire le notizie. E ora sto solo… aggiornando, aggiornando ogni pagina cercando di capire qualsiasi cosa, cercando di capire se i miei amici sono vivi o morti .