Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

“Figli del Gange” – comunità di barcaioli a Varanasi, India | diritti del lavoro

“Figli del Gange” – comunità di barcaioli a Varanasi, India |  diritti del lavoro

“Tocco di rasoio [a corpse] racconta Shivnath Majhi, 55enne residente a Gutakhor, che negli anni ha salvato numerose persone dall'annegamento e recuperato innumerevoli corpi, molti dei quali già in uno stato di prematura decomposizione. “È il disperato bisogno di denaro che ci spinge”.

Il Marinaio cammina sul filo dell'incertezza, poiché la morte può arrivare in molte forme; Malattia, annegamento e miseria sono i più comuni.

Shivnath Majhi, Gutakhor, 55 anni, a casa sua. Le autorità spesso chiedono ai jotakhors – “sommozzatori di monete” – di intraprendere il raccapricciante compito di recuperare i corpi dal fiume, di solito in cambio di una piccola somma di denaro o di bottiglie di alcol a buon mercato. [Uday Narayanan/Al Jazeera]

La perdita del principale capofamiglia a causa di un lavoro pericoloso e della mancanza di assistenza sanitaria può far precipitare un’intera famiglia in gravi difficoltà finanziarie. “Tutto è andato in pezzi”, dice Suman Sahni, 35 anni, parlando della morte di suo marito Mohan Sahni per cancro alla gola nel 2022.

Le crescenti spese mediche di Mohan Sahni hanno costretto la moglie, madre di tre figli, a vendere la barca di sua proprietà. Per far fronte alle spese domestiche, suo figlio di 17 anni, Sunny Sahni, acquista gutakhuri, mentre sua figlia di 15 anni, Kusum Sahni, vende ghirlande vicino ai ghat.

“Ogni mattina, quando Sunny entra nel fiume, temo che non ne esca vivo”, dice Suman.

Navigatori di Varanasi
Suman Sahni, 35 anni, è davanti alla porta di casa sua. Nel 2022, ha perso suo marito Mohan a causa di un cancro alla gola. Mohan era il proprietario della barca e le crescenti spese mediche hanno costretto Suman, madre di tre figli, a venderla. [Uday Narayanan/Al Jazeera]

Nonostante le difficoltà che affrontano, molti nella comunità affermano di rifiutarsi di essere semplici vittime delle circostanze e di lottare per una vita di dignità e speranza.

Dopo aver perso il marito, Rajkumar Sahni, a causa di una malattia al fegato causata dal consumo eccessivo di alcol, Sushila Devi, 51 anni, ha assicurato che le sue figlie ricevessero un'istruzione scolastica statale.

“Stava sprecando ogni piccola parte del suo reddito in alcol [alcohol]dice Devi, madre di sei figli.