Aprile 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Matty Jordan condivide la sua straordinaria vita alla base Scott in Antartide attraverso il suo video diario

Matty Jordan condivide la sua straordinaria vita alla base Scott in Antartide attraverso il suo video diario

Matty Jordan ha iniziato a documentare la sua vita in Antartide sui social media in modo che la sua famiglia potesse scoprire cosa stava facendo.

Ma si scopre che anche molte altre persone erano ansiose di seguire la sua vita sul ghiaccio, comprese le temperature di -50 gradi Celsius e i 117 giorni di buio che aveva appena vissuto.

“Ho iniziato i video come un modo per coinvolgere i miei amici e la mia famiglia a casa e mostrare loro com’era la vita qui”, ha detto.

“Alcuni video sono diventati virali e da lì sono andati fuori controllo.

“Ci sono molte, molte persone che desiderano vedere come appare l’Antartide ogni giorno.”

Scott Base è l’unica stazione di ricerca antartica in Nuova Zelanda.(Fornito: Larry Cebuino)

Il signor Jordan, originario dell’Australia occidentale, è il supervisore della riqualificazione presso la Base Scott in Antartide in Nuova Zelanda e ora ha quasi 400.000 follower su Instagram.

La Scott Base, sull’isola di Ross, è l’unica stazione di ricerca della Nuova Zelanda e può ospitare fino a 300 persone durante l’estate, ma durante l’inverno è occupata da un team di sole 17 persone.

Il signor Jordan documenta il tempo, come le stelle e l’aurora boreale a mezzogiorno, e video divertenti della vita alla base.

Il video dei noodles ghiacciati con la forchetta sospesa in aria era uno dei preferiti del pubblico.

“Una delle cose interessanti che possiamo fare qui è congelare le forchette”, ha detto.

“La gente ne è rimasta un po’ scioccata.”

Scarica contenuti Instagram

Vita senza sole

Il signor Jordan ha già trascorso le estati in Antartide, ma questa era la sua prima esperienza invernale.

READ  Chris Hipkins per sostituire Jacinda Ardern come prossimo Primo Ministro della Nuova Zelanda

La stagione invernale comprende 117 giorni in cui il sole non sorge, detta notte polare.

“Abbiamo orari molto specifici su quando avverrà l’ultimo tramonto e la prima alba”, ha detto.

“Ho imparato da altri che hanno passato l’inverno e ho ricevuto consigli.”

Il signor Jordan ha affermato che è importante seguire una routine per rimanere felici e in salute al buio.

Ma ha detto che vivere al buio nel continente ghiacciato ha i suoi vantaggi.

“Il momento clou di un inverno senza sole è sicuramente il cielo notturno.

“Abbiamo avuto alcuni giorni in cui la squadra si sedeva a pranzo e tu guardavi fuori dalla finestra ed era il crepuscolo in pieno giorno.

“Questo genere di cose lo rendono davvero speciale.”

Scarica contenuti Instagram

Senza inquinamento luminoso, la base è posizionata idealmente per osservare le stelle.

Ha detto: “Il cielo notturno è incomparabile con qualsiasi cosa abbia mai visto prima, è così limpido e ha così tante stelle”.

“L’aurora boreale accade quasi ogni notte quando il cielo è sereno, è davvero speciale.”

Per poter uscire e godersi il cielo, Jordan ha detto che ha bisogno di indossare quella che è conosciuta come “attrezzatura per il freddo estremo”.

Scarica contenuti Instagram

Jordan ha detto che indosserà uno strato di base in lana merino, una maglietta in pile, pantaloni da trekking, pantaloni a vento, un piumino con berretto e occhiali protettivi.

Ha detto che gli abiti sono adatti a temperature fino a -45 gradi Celsius.

“Qualsiasi cosa più interessante di così e ci metterò sopra un altro livello”, ha detto.

Un uomo che indossa indumenti da neve si trova all'interno di una vecchia capanna di tronchi

Mattie Jordan al cottage di Ernest Shackleton.(In dotazione: Hugh Proton)

La prima alba

Il 19 agosto finì la notte polare e si attendeva la prima breve alba.

READ  Gli scienziati avvertono dell'escalation di eventi estremi

Ma a causa della posizione della base, la squadra ha avuto false speranze, perché c’era una montagna in mezzo.

Cambiando la posizione per osservare l’alba, il team è riuscito a intravedere il sole il giorno successivo per la prima volta in 118 giorni.

Scarica contenuti Instagram

“È stato un misto di sentimenti per me”, ha detto il signor Jordan.

“Se vivi nell’oscurità per troppo tempo, non pensare che il sole tornerà mai.”

La squadra ha visto il sole spuntare sopra la montagna e rimanere nel cielo per poco più di un’ora.

“Tanti saluti, tanti abbracci, tanti salti e un po’ di urla”, ha aggiunto.

“Lo ha reso un po’ più emozionante di quanto pensassi.

“Perderemo molto presto il cielo notturno e tra un paio di settimane smetteremo di vedere l’aurora boreale”.

Scarica contenuti Instagram

Jordan ha detto che l’esperienza dell’inverno antartico gli ha fatto apprezzare le piccole cose della sua terra natale, come l’erba e i fiori.

“Spero che quando tornerò a casa ci sarà un maggiore apprezzamento per tutte queste cose”, ha detto.

“Non avrei mai pensato che la mia carriera sarebbe finita qui, ma non cambierei nulla al riguardo.”

scaricamento