Maggio 8, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Lo studio ha concluso che la mancanza di sonno nella mezza età può aumentare il rischio di sviluppare la demenza

La dott.ssa Sabia ha affermato che il collegamento dimostra anche se le persone stanno assumendo farmaci per il sonno e se hanno o meno una mutazione chiamata ApoE4 che rende le persone più propense a sviluppare la malattia di Alzheimer.

“Lo studio ha trovato una relazione modesta, ma direi un’associazione abbastanza significativa tra il sonno breve e il rischio di sviluppare la demenza”, ha detto Pamela Lutsi, assistente professore di epidemiologia e salute della comunità presso l’Università del Minnesota che non è stata coinvolta nel ricerca. “Il sonno breve è molto comune e per questo motivo, anche se è solo leggermente collegato al rischio di sviluppare la demenza, può essere importante a livello sociale. Il sonno breve è qualcosa che controlliamo, qualcosa che puoi cambiare”.

Tuttavia, come con altre ricerche in questo settore, lo studio aveva dei limiti che gli impedivano di dimostrare che il sonno insufficiente poteva aiutare a causare la demenza. Gli esperti hanno affermato che la maggior parte dei dati sul sonno sono auto-segnalati, che è una misura soggettiva che non è sempre accurata.

I ricercatori hanno affermato che a un certo punto, quasi 4.000 partecipanti avevano la durata del sonno misurata dagli accelerometri e che i dati erano coerenti con i tempi di sonno auto-riportati. Tuttavia, questa misura quantitativa è arrivata in ritardo nello studio, quando i partecipanti avevano 69 anni, rendendola meno utile che se fosse stata ottenuta in età più giovane.

Inoltre, la maggior parte dei partecipanti era bianca ed era più istruita e più sana della popolazione britannica complessiva. Basandosi su cartelle cliniche elettroniche per diagnosticare la demenza, i ricercatori potrebbero aver perso alcuni casi. Né sono stati in grado di individuare i tipi esatti di demenza.

READ  Coronavirus negli Stati Uniti: gli Stati Uniti hanno la possibilità di superare l'epidemia, ma c'è una grande sfida davanti, dicono gli esperti

“È sempre difficile sapere cosa dedurre da questo tipo di studi”, ha scritto Robert Howard, professore di geriatria all’University College di Londra, uno dei tanti esperti che hanno fornito commenti sullo studio a Nature Communications. Ha aggiunto: “Le persone con insonnia – che potrebbero non aver bisogno di qualcos’altro da deglutire a letto, non devono preoccuparsi di andare verso la demenza se non dormono immediatamente”.

Esistono teorie scientifiche convincenti sul motivo per cui uno scarso sonno può aumentare il rischio di sviluppare la demenza, in particolare il morbo di Alzheimer. Gli studi hanno scoperto che i livelli del liquido cerebrospinale di amiloide, una proteina che si accumula nelle placche nella malattia di Alzheimer, “aumenta se si sono persone che privano del sonno”, ha detto il dott. Ha detto che altri studi sulla proteina amiloide e un’altra proteina dell’Alzheimer, il Tao, indicano che “il sonno è importante per rimuovere le proteine ​​dal cervello o ridurre la produzione”.