Febbraio 26, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le prime uova di dinosauro non erano quelle che ci aspettavamo

Le prime uova di dinosauro non erano quelle che ci aspettavamo

La scoperta del Qianlong Shuhu, una nuova specie di dinosauro, ha portato alla scoperta che le prime uova di dinosauro erano molto probabilmente fatte di pelle. Ciò contribuisce in modo significativo alla nostra comprensione dell’evoluzione riproduttiva dei dinosauri e dello stato ancestrale dei gusci d’uovo dei rettili. (Ricostruzione di nidi di uova contenenti embrioni fossilizzati.) Crediti: NICE Vistudio

Uno studio recente sul primo Qianlong Shuhu appena scoperto Giurassico I sauropodomorfi indicano che le uova dei primi dinosauri avevano gusci coriacei. Questa scoperta, derivata da analisi complete di fossili di dinosauro, indica importanti cambiamenti evolutivi nella forma delle uova di dinosauro. Lo studio contribuisce anche alla nostra comprensione dei tratti riproduttivi ancestrali di varie specie di rettili.

Biologia riproduttiva dei dinosauri

La scoperta di numerosi esemplari di dinosauri legati al sistema riproduttivo eccezionalmente conservati negli ultimi tre decenni ha migliorato la nostra conoscenza della biologia riproduttiva dei dinosauri. Tuttavia, a causa delle prove fossili limitate e della mancanza di analisi quantitative su larga scala dell’evoluzione dei dinosauri, gran parte della loro riproduzione, in particolare quella pre-Pleistocene, è rimasta poco chiara.Periodo Cretaceo Storia evolutiva.

Una svolta nella ricerca sulla morfologia delle uova

Tuttavia, la recente scoperta di fossili da parte dei ricercatori dell’Istituto di Paleontologia e Paleoantropologia dei vertebrati (IVPP) dell’Accademia Cinese delle Scienze (CAS), così come le analisi associate, indicano che il primo uovo di dinosauro era fatto di pelle e che il principale la trasformazione nella morfologia delle uova si è verificata all’inizio dell’evoluzione dei dinosauri teropodi e non vicino all’origine degli uccelli.

Ricostruzione dello scheletro di Qianlong adulto e giovanile

Ricostruzione dello scheletro di Qianlong adulto e giovanile. Credito: IVPP

Scoperta di Qianlong Shuhu

Lo studio è stato recentemente pubblicato in Rassegna scientifica nazionaleannuncia la scoperta di esemplari di un nuovo dinosauro sauropodomorfo del Giurassico precocemente divergente Classificare Nel Guizhou, in Cina –Qianlong Shuhu– Si compone di tre scheletri adulti e cinque covate di uova. Questa scoperta potrebbe rappresentare la più antica testimonianza fossile di un’associazione tra dinosauri adulti e nidiacei, e il nome della specie riflette questa associazione: Qianlong Significa “Drago Guizhou” mentre shouhu Significa “proteggere” – un riferimento alla conservazione di fossili scheletrici adulti in associazione con uova fossili contenenti embrioni.

Qianlong Era un dinosauro basale di medie dimensioni, pesava una tonnellata e misurava circa sei metri (20 piedi) di lunghezza. Gli embrioni mostrano alcune differenze rispetto agli adulti, ad esempio un cranio relativamente più lungo, un bordo anteriore del muso più verticale e meno denti.

Confronta le uova fossili con quelle esistenti

Confronto tra uova fossili (c) con uova esistenti a guscio molle, coriacee e a guscio duro. Credito: IVPP

Approfondimenti sul comportamento e sull’anatomia di Qianlong

Le analisi standard delle proporzioni degli arti tra campioni adulti ed embrionali indicano quella dell’adulto Qianlong Era in grado di camminare sugli arti posteriori, ma i bambini erano probabilmente quadrupedi. Le caratteristiche generali tafonomiche e sedimentologiche lo indicano Qianlong Potrebbe aver praticato la nidificazione coloniale come comportamento riproduttivo, simile ad altri sauropodi basali inclusi Masospondilo E Mussoro.

I ricercatori hanno anche esaminato la struttura microscopica dei gusci d’uovo Qianlong Utilizzando molteplici tecniche, tra cui sezione sottile istologica, diffrazione di retrodiffusione di elettroni, spettroscopia a dispersione di energia e microscopia elettronica a scansione. I risultati lo hanno dimostrato Qianlong Aveva microstrutture di guscio d’uovo simili ad altri fossili di uova di dinosauro del Cretaceo, che probabilmente consistevano in due strati – strato mammillaria e strato continuo – e aveva unità di guscio d’uovo completamente sviluppate. Strato di calcare Qianlong Le uova erano più spesse della maggior parte delle uova dal guscio molle ma più sottili di quelle dal guscio duro. Il confronto del frazionamento del guscio d’uovo tra diversi tipi di guscio d’uovo indica anche che la superficie del guscio d’uovo Qianlong Piccoli frammenti, simili a gusci d’uovo coriacei, apparivano in contrasto con la superficie piegata delle uova dal guscio molle o con la grande superficie segmentata delle uova dal guscio duro. Queste osservazioni lo indicano Qianlong Depone uova coriacee.

Riepilogo del tipo ancestrale di guscio d'uovo dei principali nodi

Riepilogo del tipo di guscio d’uovo ancestrale per i nodi principali con la massima probabilità a posteriori in tutte le analisi ASR. Credito: IVPP

Tendenze evolutive nelle uova di dinosauro

Per testare modelli macroevolutivi per tratti riproduttivi selezionati durante la transizione dai dinosauri agli uccelli, i ricercatori hanno compilato dati di 210 specie fossili ed esistenti, che rappresentano tutti i principali cladi di rettili, e hanno testato le tendenze evolutive utilizzando più lignaggi con riferimenti temporali.

Hanno scoperto che la dimensione relativa dell’uovo diminuiva dalla base del diapsida alla base della saurischia, ma mostrava una tendenza all’aumento dai primi teropodi al nodo dell’uccello coronato. L’aumento più significativo delle dimensioni delle uova si è verificato all’inizio dell’evoluzione dei teropodi. Per quanto riguarda lo spessore del guscio d’uovo, hanno scoperto che lo spessore tendeva a diminuire dalla base degli arcosauri alla base dei saurischia, seguito da un aumento significativo dello spessore del guscio d’uovo nelle prime fasi dell’evoluzione dei teropodi. Una tendenza all’aumento dello spessore del guscio d’uovo si è verificata anche nell’evoluzione dei sauropodomorfi.

La forma dell’uovo è stata generalmente preservata durante l’evoluzione dei diploidi in uccelli viventi. Ad esempio, sebbene l’allungamento delle uova dei teropodi abbia raggiunto il suo picco negli oviraptorosauri – con il maggiore allungamento delle uova tra i diploidi – sarebbe poi tornato al suo stato ancestrale. Di conseguenza, tutti i rami degli uccelli della corona ereditarono solo uova leggermente allungate.

Nel complesso, la ricostruzione dello stato ancestrale di diversi tipi di gusci d’uovo supporta la conclusione che il primo uovo di dinosauro era probabilmente coriaceo, relativamente piccolo e di forma ovale. Inoltre, i gusci d’uovo coriacei potrebbero essere stati la condizione ancestrale di Avemetatarsalia, Arcosauria e Testudines.

Riferimento: “Gli straordinari fossili del Giurassico antico con uova coriacee fanno luce sulla biologia riproduttiva dei dinosauri” di Fengluo Han, Yilon Yu, Shukang Zhang, Rong Zeng, Xinjin Wang, Huiyang Cai, Tianzhuang Wu, Yingfeng Wen, Sifu Cai, Chun Li, Rui Wu , Chi Zhao e Xing Shu, 9 ottobre 2023, Rassegna scientifica nazionale.
doi: 10.1093/nsr/nwad258

READ  Le morti per COVID alle Hawaii sono in aumento e la storia mostra che è probabile che peggiori