Agosto 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Studio: i bambini di madri obese hanno maggiori probabilità di avere una malattia del fegato grasso

Secondo i ricercatori, i figli di madri obese hanno un rischio maggiore di sviluppare malattie del fegato grasso intorno ai 20 anni, secondo i quali i responsabili politici devono fare di più per affrontare la promozione di cibi e bevande di scarsa qualità.

Steatosi epatica non alcolica (NAFLD) a causa dell’obesità. Se progredisce può portare a gravi problemi di salute come cirrosi e cancro al fegato, mentre alti livelli di grasso nel fegato sono anche collegati a un aumento del rischio di diabete di tipo 2 e malattie cardiache.

NAFLD è Il motivo principale Malattia del fegato nei paesi occidentali, mentre la malattia del fegato è La causa di morte più comune Nelle persone di età compresa tra 35 e 49 anni nel Regno Unito.

Secondo il SSNFino a un terzo delle persone nel Regno Unito ha fasi iniziali di NAFLD, il che significa che hanno piccole quantità di grasso nel fegato. Se la condizione viene rilevata, è possibile evitare che peggiori e il danno può persino essere invertito.

Mentre l’età è un fattore di rischio per la NAFLD, i ricercatori hanno precedentemente messo in guardia su Condizione epidemica nei giovani Dopo che è stato scoperto che circa il 20% dei giovani di 24 anni in Inghilterra aveva depositi di grasso nel fegato e la metà di questi aveva una forma grave della condizione.

Ora lo stesso team afferma che gli effetti nell’utero possono svolgere un ruolo nell’aumento del rischio di NAFLD.

I ricercatori, i cui risultati saranno presentati alla Conferenza internazionale sul fegato del 2021 convocata dall’Associazione europea per lo studio del fegato, hanno esaminato le scansioni del fegato di 2.961 partecipanti nati in Inghilterra e arruolati in uno studio longitudinale chiamato 1990s Babies. Per la maggior parte dei partecipanti, erano disponibili anche informazioni sull’indice di massa corporea (BMI) dei loro genitori.

READ  Gli astronomi hanno scoperto una nana bianca così massiccia che potrebbe collassare

Dopo aver preso in considerazione fattori come l’età materna, il fumo durante la gravidanza e la classe sociale, il team ha scoperto che l’obesità materna prima della gravidanza era associata a poco più del doppio del rischio che i loro figli sviluppassero la NAFLD all’età di 24 anni rispetto a quello. per le madri non obese, aggiungendo che circa il 20% dei figli di madri non obese ha la NAFLD.

Il team ha anche riscontrato un aumento del rischio associato ai padri obesi, ma questo aumento era inferiore a quello delle madri obese, suggerendo che mentre l’ambiente familiare o la salute paterna possono svolgere un ruolo, sembra esserci un effetto speciale che si verifica nell’utero.

“Ciò che dice il nostro studio è che l’obesità materna prima della gravidanza provoca un impatto sulla prima infanzia [offsprings’] Spetta al fegato sviluppare il fegato grasso, afferma il dott. Koshala Abisekera, dell’Università di Bristol, che lo rende vulnerabile ai colpi ambientali come una dieta ipercalorica o una dieta occidentale, che aumenterà il rischio di malattie più avanzate malattia del fegato.

“Non incolpiamo le madri per questo”, ha detto Abisekera. Invece, ha osservato, la ricerca ha evidenziato che l’influenza dell’ambiente che causa l’obesità può essere trasmessa di generazione in generazione, oltre ai già noti fattori di rischio genetici per la NAFLD. Il team osserva che il lavoro si basa su una ricerca in Australia che ha trovato un collegamento simile osservando i 17enni.

“Non c’è una soluzione facile a questo”, ha aggiunto Abisekera. Ma ha detto che ci sono misure che possono essere prese, come ridurre le offerte speciali sui cibi malsani per rendere più facile per le persone fare scelte più sane.

READ  La Cina sta per tentare un atterraggio molto ambizioso su Marte

Chris Byrne, professore di endocrinologia e metabolismo presso l’Università di Southampton, che non è stato coinvolto nel lavoro, ha affermato che i risultati sono coerenti con altre ricerche, anche sui topi, e una possibile spiegazione è che i centri cellulari, noti come mitocondri, possano essere coinvolti perché sono ereditati solo dalla madre. .

Tuttavia, ha avvertito che è necessario più lavoro per escludere fattori ambientali paterni comuni che potrebbero essere alla base dell’apparente collegamento.

Vanessa Hebditch, del British Liver Trust, ha affermato che è necessaria una maggiore consapevolezza dei fattori di rischio associati alla NAFLD.

“Attualmente, la maggior parte dei pazienti con questa grave malattia viene raccolta solo in una fase avanzata, quando il fegato è così gravemente danneggiato che è troppo tardi per un intervento efficace”, ha affermato. “Qualsiasi ricerca come questa che faccia luce sulle cause e possa migliorare la diagnosi precoce in futuro è importante”.