Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’accesso dell’Italia all’iniziativa cinese Belt and Road potrebbe essere un modello per altri

L’accesso dell’Italia all’iniziativa cinese Belt and Road potrebbe essere un modello per altri

L’imminente ritiro dell’Italia dalla Belt and Road Initiative rimodellerebbe in meglio le relazioni transatlantiche, fungendo allo stesso tempo da banco di prova attentamente monitorato per altri paesi che potrebbero prendere in considerazione di fare lo stesso.

questa settimana, Secondo quanto riferito, il governo italiano ha ceduto Una nota ufficiale del governo cinese che lo farà Recesso dal rinnovo del contrattoPur affermando la volontà di mantenere una “amicizia strategica” con la Cina.

Quando firmò il governo populista di Giuseppe Conte Memorandum d'intesa BRI (Memorandum of Understanding) nel marzo 2019, Ho discusso Che era eccessivamente ottimista e orientato verso guadagni a breve termine mentre era ingenuo riguardo alla visione a lungo termine. Ironicamente, il memorandum d'intesa tra Italia e Cina è stato firmato il giorno dopo che il Consiglio europeo si è riunito per discutere la strategia congiunta dell'UE sulla Cina in vista del vertice UE-Cina. Questo è stato il momento in cui il linguaggio diplomatico dell'UE ha cominciato a diventare più chiaro, descrivendo la Cina come un paese Partner negoziale, concorrente economico e concorrente sistemico Nella sua visione strategica.

Questa volta, la notizia della decisione dell'Italia di uscire dalla Belt and Road Initiative, presa dal Primo Ministro Giorgia Meloni Se ne era parlato mesi fa– E' arrivato proprio prima Vertice UE-Cina È iniziato a Pechino. Sebbene questo sia stato il primo vertice di persona tra UE e Cina dal 2019, le aspettative di risultati tangibili non sono mai state alte.

Ancora più importante, la decisione dell’Italia di ritirarsi dalla Belt and Road Initiative non è semplicemente il riflesso della frustrazione per le aspettative deluse e le promesse non mantenute, ma si basa piuttosto su un genuino impegno nella difesa dei valori democratici e dei diritti umani. La Meloni, seguendo le orme del suo predecessore Mario Draghi, ha criticato la Cina per tutto, dal maltrattamento delle minoranze etniche nello Xinjiang alla sua politica estera. Cattiva gestione della pandemia di COVID-19. Sono stato avvisato I rischi di ogni possibile attacco a Taiwan E Ha sottolineato la posizione di Pechino Per quanto riguarda l’invasione russa dell’Ucraina nel 2022.

L’ampliamento dello squilibrio commerciale

L'adesione dell'Italia alla Belt and Road Initiative è stata vista come una delle vittorie più simboliche della Cina in Europa, con Pechino che la celebra come un segno di… Il crescente ruolo politico e diplomatico della Cina Nel mondo. Per la Cina, stabilire una testa di ponte nella terza economia europea e nei paesi del Gruppo dei Sette (G7) è stato cruciale per la sua strategia europea. Ha inoltre consentito alla Cina di accedere alle industrie, ai marchi e alle tecnologie avanzate italiane. Sebbene l’Italia fosse il vero premio per Pechino, nel 2019 altri quindici paesi dell’UE sono diventati membri della Belt and Road Initiative.

READ  L'MPS Italia ha bisogno di crescere e non di "salvare" come dice l'amministratore delegato

La mossa italiana di Pechino è arrivata sulla scia di oltre un decennio di difficoltà economica italiana, e alcuni politici italiani vedevano chiaramente la Cina come un cavaliere bianco. L’elenco dei protocolli d’intesa per la Belt and Road Initiative in Italia comprende cinquanta accordi che coprono sei aree principali: dialogo politico, trasporti e infrastrutture, commercio e investimenti, cooperazione finanziaria, comunicazione interpersonale e cooperazione nel campo dell’ecologia. sviluppo.

Nel 2019, il governo italiano ha mirato ad espandere le esportazioni verso la Cina e ad attrarre investimenti attraverso un accordo su “commercio e investimenti senza ostacoli”. Purtroppo si è ottenuto poco o nulla. Il commercio tra Cina e Italia è aumentato di 1,6 volte dal 2019, da 50 a 80 miliardi di dollari, ma il vantaggio è andato alla Cina: le importazioni cinesi verso i mercati italiani sono passate da poco più di 35 miliardi di dollari nel 2019 a Quasi 61 miliardi di dollari Nel 2022, mentre le esportazioni italiane verso la Cina sono aumentate leggermente da 14,5 miliardi di dollari a 19 miliardi di dollari, secondo i dati COMTRADE. Lo squilibrio commerciale a favore della Cina si è ampliato, il che ha portato all’inondazione del mercato italiano con prodotti cinesi, che ora costituiscono il 9% delle importazioni totali dell’Italia (la seconda più grande importazione al mondo). Ma la Cina è solo il decimo mercato più grande per le esportazioni italiane, rappresentando meno del 3% delle sue esportazioni totali.

Questi numeri spiegano perché non ci sono timori di ritorsioni commerciali cinesi contro i prodotti italiani, soprattutto nel settore dei beni di lusso, data l’importanza del mercato italiano per le aziende cinesi. In realtà, i numeri erano molto più bassi quando Pechino ha perseguito ritorsioni commerciali contro la Lituania dopo la sua secessione Ritiro 2021 Da quella che veniva chiamata la formula “17+1” per la cooperazione tra i paesi dell’Europa centrale e orientale con la Cina (ora 14+1). In questo caso, il commercio totale cinese con la Lituania ammonta a poco più di 2 miliardi di dollari, e le esportazioni lituane verso la Cina sono scese a 100 milioni di dollari nel 2022 da 270 milioni di dollari nel 2021.

READ  La cessione di Ronaldo da parte della Juventus al Manchester United è sotto inchiesta per falso in bilancio

Il numero totale di investimenti, contratti di costruzione e prestiti cinesi in Italia tra il 2008 e il 2020 Più di 27 miliardi di dollari, secondo il China Global Investment Tracker dell'American Enterprise Institute, si è concentrato principalmente su energia, trasporti, tecnologia e finanza. Gli investimenti strategici cinesi includevano l’investimento di una società statale del valore di circa 8 miliardi di dollari In Pirelli, il più grande produttore di pneumatici al mondo. Investire in Borsa Italiana e settore finanziario Era estremamente importante per le aziende cinesi, sia statali che private. Tuttavia, dal 2019, i nuovi investimenti cinesi in Italia ammontano a soli 1,8 miliardi di dollari. La maggior parte delle acquisizioni cinesi in Italia sono avvenute dopo la crisi dell’Eurozona del 2009, quando gli investimenti cinesi sono passati da 100 milioni di euro nel 2010 a 7,6 miliardi di euro nel 2015.

Mentre l’obiettivo della Belt and Road Initiative è stato quello di livellare il campo di gioco delle opportunità economiche e aumentare la reciprocità nell’accesso al mercato, Pechino ha sempre mostrato resistenza quando si tratta di soddisfare gli standard delle economie di libero mercato.

Regole del “Golden Power”.

Anche Pechino Ha sopravvalutato la sua mano Durante la pandemia di Covid-19 con Campagne di disinformazioneChe ha distrutto l'entusiasmo degli italiani per Pechino. Un sondaggio lo ha scoperto 52 per cento I cittadini del paese credevano invece che gli aiuti cinesi per far fronte all’epidemia fossero un tentativo di influenza politica 62 per cento degli italiani ha un'opinione negativa della Cina nel 2020.

Il Parlamento italiano ha svolto un ruolo molto importante, utilizzando”Legge sul potere d'oro Per proteggere i propri asset strategici nazionali. La legge è stata introdotta per la prima volta nel 2012 per coprire la difesa e la sicurezza nazionale Aggiornato nel 2019 Per coprire la tecnologia 5G e successivamente estesa a un’ampia gamma di settori tra cui salute, materie prime, infrastrutture, robotica, finanza e media. È una delle leggi sullo screening più severe nell’Unione Europea.

READ  Un salto nelle azioni dell'italiana Banca IFIS nel mezzo di un aumento di capitale

Anche il governo italiano Questa forza sarà rafforzata nel 2022Con l’aggiunta di procedure di notifica preventiva a sostegno dei meccanismi di screening degli investimenti. Quando è entrato in carica nel 2021, una delle prime priorità di Draghi è stata quella di attuare le regole del “golden power”, che si concentrano non solo sugli investimenti strategici nelle infrastrutture, ma anche sul blocco dell’accesso alle tecnologie strategiche e sulla protezione delle aziende nazionali in difficoltà. Lui Blocco delle acquisizioni nella produzione di semiconduttori Ha ampliato il campo di applicazione per includere cibo, materiali applicati e accordi sui droni conclusi durante il governo precedente.

Che succede, BRI?

La Belt and Road Initiative dovrebbe essere intesa come uno strumento economico e di politica estera e uno strumento di proiezione del potere per il Partito comunista cinese – e centrale per le ambizioni globali del leader cinese Xi Jinping. L’attuale politica cinese mira a rimodellare le norme e le istituzioni globali in modo soddisfacente per il Partito Comunista Cinese. Include la Belt and Road Initiative 149 paesi, di cui trentacinque in Europa ed Eurasia, e la situazione non cambierà immediatamente. L’uscita dell’Italia danneggerebbe la già ridotta reputazione della Belt and Road Initiative, poiché la Cina si trova ad affrontare le turbolenze economiche mentre i suoi partner affrontano il problema del debito.

Nel quadro generale, la Meloni potrebbe essere stata in prima linea nella lettura del Partito Comunista Cinese. Il suo coraggio di agire mettendo in discussione l’adeguatezza dell’accordo con il Partito comunista cinese – i cui valori fondamentali sono in diretto contrasto con l’Unione europea e la comunità transatlantica – potrebbe alla fine rivelarsi un precedente da seguire per altri leader.

Valbona Zenelli è membro non residente presso il Centro Europeo dell'Atlantic Council e presso la Transatlantic Security Initiative dello Scowcroft Center for Strategy and Security dell'Atlantic Council.

Lettura approfondita

Foto: Roma, studi Rai ex Teulada, trasmissione televisiva “Porta a Porta”. Nella foto: Giorgia Meloni (Foto di Marco Provignato/ipa-agency/IPA/Sipa USA)Non utilizzare Germania.