Agosto 15, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Turchia ha lanciato uno straordinario esperimento per combattere l’inflazione tagliando i tassi di interesse. Questo è il modo in cui si è ritorto sorprendentemente contro

Mentre gran parte del mondo è in trepidante attesa di vedere se le banche centrali continueranno ad aumentare i tassi di interesse per combattere l’aumento dell’inflazione dopo la pandemia, la Turchia è in controtendenza rispetto alla tendenza globale.

Paesi La banca centrale ha lasciato i tassi di interesse invariati al 14% per il settimo mese consecutivo Come parte di un’esperienza non convenzionale.

La maggior parte degli economisti di tutto il mondo crede che il modo migliore per controllare l’inflazione sia aumentare i tassi di interesse.

Aumentando il costo del prestito di denaro, le banche centrali stanno cercando di costringerti a comprare di meno.

Sebbene ciò possa portare a una crescita economica più lenta e a una maggiore disoccupazione, può anche ridurre i costi di beni e servizi perché c’è meno domanda per acquistarli.

Ma il presidente turco Recep Tayyip Erdogan crede che questo sia un mito.

Ha licenziato tre governatori di banche centrali in quattro anni per aver tentato di aumentare i tassi di interesse e Ha descritto tutti coloro che collegano tassi e inflazione come “analfabeti e traditori”.

“Non prestare attenzione al delirio di coloro la cui unica qualità è guardare il mondo da Londra o New York”, ha detto a maggio.

Ma mentre il mondo è alle prese con l’inflazione causata dalla guerra russa in Ucraina e dall’aumento dei costi energetici, la Turchia ha sofferto peggio della maggior parte degli altri.

L’inflazione ha ufficialmente raggiunto quasi l’80% a giugno, il livello più alto degli ultimi 24 anni.

Ma una ricerca indipendente del gruppo di economisti del paese ha rilevato che i prezzi sono aumentati del 175% a giugno rispetto all’anno precedente.

READ  Esplosione di una petroliera in Sierra Leone, uccidendo almeno 98
Un uomo con una giacca elegante e occhiali seduto a un tavolo da caffè all'aperto in una strada industriale
L’aumento del costo della vita è in parte dovuto alla politica monetaria non convenzionale del presidente Recep Tayyip Erdogan, afferma l’economista turco Ozan Shakar.(Notizie ABC: Tom Joyner)

“Il tasso di inflazione in Turchia è un’ipotesi di tutti al momento”, ha affermato l’economista turco Ozan Shakar.

I turchi lottano tra l’aumento dei prezzi

Quando suo marito è morto l’anno scorso dopo una lunga degenza in ospedale, la vita di Sevim Kilic è cambiata all’istante.

Non solo ha perso l’amore della sua vita, ma ha anche perso molto del suo sostentamento.

Fino alla sua morte, la coppia di un quartiere povero, a maggioranza curda, di Istanbul dipendeva da una pensione statale mensile di 5.500 lire, circa 460 dollari.

Questa somma offriva loro uno stile di vita modesto, che permetteva loro di riscaldare la casa in inverno e cucinare per i loro figli e nipoti quando venivano a trovarli.

Vecchia donna in un profondo velo turchese seduta su un letto con le mani giunte in grembo e sorridente
Sevim Kilic vive con la sua pensione, ma afferma che l’aumento dell’inflazione ha spinto il suo costo della vita oltre le sue possibilità.(Notizie ABC: Tom Joyner)

Ma con la morte del marito, la sua pensione è svanita e improvvisamente il suo reddito è stato dimezzato.

Allo stesso tempo, il prezzo dei semplici generi alimentari che una volta aveva comprato senza pensarci due volte aumentò rapidamente.

Dallo scorso anno, il numero di uova è quadruplicato nel suo mercato interno. Formaggio triplicato. Il prezzo del detersivo che acquisti regolarmente è aumentato di 20 volte.

La sua vita è cambiata rapidamente. La carne è scomparsa dalla sua dieta. Ho iniziato a razionare le patate. Ha smesso di comprare regali per i suoi nipoti. Sua figlia ha dovuto intervenire per trovare l’affitto e pagare le bollette.

La signora Kilic ha detto: “Non posso più viaggiare. Non posso andare da nessuna parte. Non posso nemmeno andare al cimitero una volta alla settimana per visitare mio marito”.

I costi esorbitanti hanno decimato anche le piccole imprese.

“cosa dovremmo fare?”

Vicino all’appartamento della signora Kilic, Ferhat Dogan vende pomodori, albicocche e cetrioli.

Un uomo con baffi folti con un cappello grigio e un grembiule blu tiene in mano delle albicocche, accanto a un chiosco di frutta
L’elevata inflazione ha spinto al massimo i prezzi di prodotti di base come frutta e verdura.(Notizie ABC: Tom Joyner)

Come molti altri negozianti in Turchia, Dogan per anni ha venduto i suoi prodotti alla gente del posto a credito, tenendo un registro scritto a mano in cui registrava le vendite e il denaro dovuto.

Negli ultimi mesi i suoi guadagni sono crollati.

I clienti abituali che riempivano le borse di ciliegie o pesche ora avevano solo un quarto di quello che potevano permettersi in precedenza.

Il signor Duggan ha dovuto aumentare i suoi prezzi in linea con quanto doveva pagare ai suoi fornitori.

Anche il suo semplice sistema di credito sente la pressione.

Proprio quella mattina, una donna ha comprato un cocomero e ha promesso di ripagarlo.

“Ha detto che mi avrebbe portato i soldi,” disse malinconicamente, “ma non l’ha mai fatto.”

“Il prezzo di un’anguria era di 50 lire.”

I vassoi di frutta tra cui uva, mele, drupacee e meloni sono impilati insieme.  I segni mostrano 15 / chilo
L’inflazione in Turchia è salita a quasi l’80%, facendo quasi raddoppiare i prezzi dei generi alimentari.(Notizie ABC: Tom Joyner)

Un altro fruttivendolo in un quartiere vicino, Abdurrahman Boz, ha clienti che ora possono acquistare solo un pomodoro. Li vende a cinque lire ciascuno.

“L’economia è davvero pessima”, ha detto.

In un’altra strada, una donna anziana torna a casa con la spesa mattutina, sollevando due sacchi pieni di generi alimentari come se portasse la prova del peggioramento della salute dell’economia.

Ne elenca il contenuto: una pagnotta comprata per cinque lire, due pacchi di ventrigli di pollo per 50 lire, 15 uova e una lattina di bulgur.

Il conto totale è cinque volte quello che ho pagato una volta.

“cosa dovremmo fare?” Disse con rabbia.

“Non credo che migliorerà”.

In risposta alla svalutazione della sua valuta, il governo turco ha ridotto le tasse su alcuni beni, introdotto sussidi e aumentato il salario minimo a 5.500 lire, circa 450 dollari al mese.

Ma i lavoratori con salario minimo non hanno trovato molto ritardo.

Sedat Shirin, un custode della terra in un condominio a Istanbul, ha affermato che i salari non sono affatto all’altezza del costo di crescere una giovane famiglia.

Un uomo e un ragazzo seduti a un tavolo che condividono un piatto di focaccia.  C'è anche un vassoio con tazze di tè sul tavolo
Sadat Shireen guadagna un salario minimo come custode della terra in un condominio. Lotta per mantenere suo figlio Azad.(Notizie ABC: Tom Joyner)

Il signor Shereen non guida più se può aiutarla e inizia a occuparsi di un piccolo appezzamento nel retro del condominio per coltivare pomodori e cetrioli per sfamare la sua famiglia.

“Non credo che migliorerà”, ha detto.

“Ecco come vanno le nostre vite”.

Azad, il giovane figlio di Shirin, soffre in miniatura della crisi economica.

I prezzi nella mensa scolastica sono aumentati notevolmente, costando ai suoi genitori almeno 60 lire al giorno.

Per compensare il costo aggiuntivo, il signor Shereen ha sospeso le spese di suo figlio.

Il vapore sale da una caldaia a doppia pila su una stufa a gas vicino alla finestra.  Una pentola di patate su un altro bollitore
Chi percepisce la pensione statale afferma che non è più sufficiente per coprire i benefici di base.(Notizie ABC: Tom Joyner)

“I bambini sono scontenti con il capo chino”, ha detto il signor Shereen, sbirciando suo figlio, che stava guardando nelle vicinanze.

Con le elezioni che incombono il prossimo anno, Erdogan deve affrontare quella che gli analisti politici considerano ampiamente una rielezione difficile, con l’inflazione che probabilmente sarà un problema importante.

“La Turchia è la culla dell’agricoltura nella civiltà umana”, ha affermato l’economista Ozan Shakar.

“Pensare che la nostra gente stia ora lottando per procurarsi il cibo quando è stato in grado di farlo per migliaia di anni è del tutto inimmaginabile”.