Agosto 15, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Russia si ritirerà dalla Stazione Spaziale Internazionale dopo il 2024, ma un funzionario statunitense afferma che alla NASA non è stato detto

Il nuovo capo spaziale russo ha annunciato che il suo paese si ritirerà dalla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) dopo il 2024 e si concentrerà sulla costruzione della sua posizione orbitale.

In un incontro con il presidente Vladimir Putin martedì, Yuri Borisov, che guida la compagnia spaziale statale Roscosmos, ha affermato che la Russia avrebbe adempiuto ai suoi obblighi nei confronti degli altri partner sulla Stazione Spaziale Internazionale prima di abbandonare il progetto.

“Naturalmente, adempiremo a tutti i nostri obblighi nei confronti dei nostri partner, ma la decisione di lasciare questa stazione dopo il 2024 è stata presa”, ha affermato Borisov.

“Penso che a questo punto inizieremo a costruire una stazione orbitale russa”.

La dichiarazione di Borisov ha ribadito precedenti dichiarazioni di funzionari spaziali russi sull’intenzione di Mosca di lasciare l’hub spaziale dopo il 2024.

Ciò avviene nel mezzo dell’escalation delle tensioni tra Russia e Occidente per l’invasione dell’Ucraina da parte del Cremlino.

Nonostante la spaccatura, la NASA e Roscosmos hanno raggiunto un accordo all’inizio di questo mese per consentire agli astronauti di continuare a salire a bordo dei razzi russi e per i cosmonauti russi di raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale mentre SpaceX verrà lanciato all’inizio del prossimo anno.

Ma la NASA è rimasta sorpresa dall’annuncio di Borisov.

L’amministratore della stazione spaziale della NASA Robin Gatines ha affermato che le sue controparti russe non hanno segnalato alcuna intenzione del genere di porre fine alla partnership orbitale di due decenni, come richiesto dall’accordo intergovernativo della stazione.

Borisov ha affermato che l’industria spaziale è in una “situazione difficile”.

Ha detto che cercherà di andare avanti “per alzare il livello e, soprattutto, fornire all’economia russa i servizi spaziali necessari”, citando, tra le altre cose, la navigazione, le comunicazioni e la trasmissione di dati.

L’invio del primo uomo nello spazio nel 1961 e il lancio del primo satellite quattro anni prima sono tra le maggiori conquiste del programma spaziale sovietico e rimangono una delle principali fonti di orgoglio nazionale in Russia.

Ma gli esperti affermano che l’agenzia spaziale russa rimane l’ombra di ciò che era una volta e negli ultimi anni ha subito una serie di battute d’arresto tra cui scandali di corruzione e la perdita di numerosi satelliti e altri veicoli spaziali.

AP

READ  Evergrande raggiunge un accordo per rinviare il rischio di default imminente