Luglio 13, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Malesia sta concedendo a Lynas una proroga di sei mesi affinché le sue operazioni sulle terre rare diventino prive di radiazioni

La Malesia sta concedendo a Lynas una proroga di sei mesi affinché le sue operazioni sulle terre rare diventino prive di radiazioni

KUALA LUMPUR – La Malesia ha prorogato al gennaio 2024 una scadenza per il minatore australiano Lynas per garantire che il suo impianto di terre rare a Pahang, il più grande del mondo, sia effettivamente privo di radiazioni.

Lo Straits Times ha appreso che il ritardo di sei mesi, dopo l’udienza d’appello del 28 aprile, è stato trasferito a Linas nella tarda serata di venerdì prima dell’atteso annuncio di questa settimana.

La decisione, legalmente a esclusiva discrezione del ministro della Scienza, della tecnologia e dell’innovazione Zhang Likang, è seguita da vicino a causa dell’importanza geopolitica delle terre rare.

La Cina controlla i quattro quinti della produzione globale di minerali essenziali per applicazioni high-tech come smartphone, veicoli elettrici e risorse militari.

Le autorità hanno emesso un rinnovo della licenza di tre anni per Lynas a febbraio, ma si sono rifiutate di rimuovere i termini applicabili dal 1° luglio.

La condizione principale è la necessità di trasportare il “cracking e lavaggio” del concentrato di lantanidi in un altro sito al di fuori della Malesia, e di purificare la materia prima solo presso la sua struttura a Giping, vicino a Kuantan nel Pahang.

Le operazioni di raffinazione hanno sollevato preoccupazioni sui rischi ambientali e per la salute, in particolare il rilascio di radiazioni che Lynas insiste non ha alcun effetto sui livelli che normalmente si verificano intorno a Gibbing.

L’opposizione Perikatan Nasional (PN), così come funzionari e diplomatici del settore, hanno fatto pressioni su Chang affinché riveda i termini per garantire che Lynas non debba chiudere le sue operazioni in Malesia, che rappresentano la metà della fornitura mondiale di terre rare al di fuori della Cina.

READ  Il famoso Arco di Darwin nelle Isole Galapagos crolla a causa dell'erosione

I legislatori del PN hanno affermato che la struttura di Pahang potrebbe essere una fonte di trasferimento di tecnologia in modo che la Malesia possa essere un attore nel settore cruciale per le applicazioni all’avanguardia.

Nella sua relazione trimestrale di aprile, Lynas ha affermato che se i termini della sua licenza rimarranno invariati, dovrà chiudere temporaneamente il suo stabilimento malese a metà luglio.

I prossimi tre mesi vedranno poca o nessuna produzione prima che riprenda, a seconda di come progredisce una raffineria sostitutiva di fracking e filtraggio in Australia.

“Il ritardo di sei mesi ora consentirà a Lynas una transizione graduale. Una fonte ha detto a ST Network.

ST ha riferito ad aprile che oltre alla richiesta di Lynas di eliminare del tutto i termini della licenza, i diplomatici occidentali hanno chiesto al governo malese un altro semestre per gestire la raffineria australiana.

Linas è tra le tante questioni di alto profilo che hanno costretto il governo di Pakatan Harapan (PH) a fare i conti con le sue precedenti dichiarazioni.

Ciò include la sua decisione di mercoledì scorso di consentire alla società di telecomunicazioni svedese Ericsson di continuare a implementare la sua rete 5G in Malesia nonostante le precedenti accuse di abusi nel modo in cui i governi precedenti hanno consegnato contratti per la nuova tecnologia mobile. Ciò avviene in mezzo a speculazioni diffuse secondo cui il rivale cinese Huawei potrebbe entrare come concorrente.

La coalizione del primo ministro Anwar Ibrahim aveva precedentemente condotto una campagna elettorale nel 2013 e nel 2018 per chiudere la fabbrica di Linas, istituita sotto il governo Barisan National (BN) più di un decennio fa.

READ  Russia e Cina hanno rilanciato la democrazia del libero mercato. Ora le loro economie stanno vacillando

Il partito BN, guidato dall’ex partito al governo Umno, è ora un alleato chiave nel governo di unità nazionale dopo le elezioni generali del 2022 che hanno portato al primo parlamento sospeso della Malesia.