Agosto 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Camera vota per ripristinare il diritto all’aborto, vietare le punizioni

Ha definito il rifiuto dei repubblicani di sostenere i progetti di legge “estremo” e “inverosimile”.

Abrogando Roe, la corte ha consentito agli stati di emanare severe restrizioni sull’aborto, anche in molti casi precedentemente ritenuti incostituzionali. La sentenza dovrebbe portare a un divieto di aborto in quasi la metà degli stati.

Caricamento in corso

Già, un certo numero di stati controllati dai repubblicani si sono mossi rapidamente per limitare o mettere fuori legge l’aborto, mentre gli stati controllati dai democratici hanno cercato di sostenere l’accesso. Gli elettori ora considerano l’aborto come una delle questioni più urgenti che il Paese deve affrontare, un cambiamento di priorità che i Democratici sperano possa rimodellare il panorama politico a loro favore nelle elezioni di medio termine.

Questa è la seconda volta che la Camera approva il disegno di legge, che amplierebbe le precedenti protezioni di Roe vietando quelle che i sostenitori affermano essere restrizioni non necessarie dal punto di vista medico che bloccano l’accesso ad aborti sicuri e accessibili. Eviterebbe il divieto di aborto prima delle 24 settimane, che è il momento in cui si ritiene generalmente che sia iniziata la vitalità fetale, cioè la capacità di un feto umano di sopravvivere al di fuori dell’utero. Eccezioni all’aborto sono consentite dopo la sopravvivenza fetale, quando il fornitore determina che la vita o la salute della madre sono a rischio.

La proposta dei Democratici impedirebbe inoltre agli stati di richiedere ai fornitori di condividere informazioni “inaccurate dal punto di vista medico” o di ordinare test aggiuntivi o periodi di attesa, spesso volti a dissuadere un paziente dall’abortire.

READ  Il vulcano indonesiano Semeru sputa cenere e gas, uccidendone uno e ferendone dozzine

Il disegno di legge che vieta la sanzione per i viaggi fuori dallo stato specificherebbe che i medici non possono essere penalizzati per aver fornito cure riproduttive al di fuori del loro stato di origine. La democratica Lizzie Fletcher del Texas, uno degli autori del disegno di legge, ha affermato che le minacce di viaggio “non riflettono i diritti fondamentali garantiti dalla nostra Costituzione”.

AP