Dicembre 4, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Banca centrale europea potrebbe porre fine all’acquisto di obbligazioni

La presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde potrebbe indicare che il Consiglio direttivo è incline a porre fine agli acquisti netti nella prima parte del terzo trimestre.

Michael Probst | piscina | Reuters

La Banca centrale europea deve affrontare un compito sempre più difficile mentre si riunisce questa settimana, con l’inflazione in aumento e le prospettive economiche che diventano più incerte mentre la guerra Russia-Ucraina si trascina.

Gli ultimi verbali della riunione della BCE mostrano che, con l’inflazione che ha raggiunto il 7,5% a marzo, si stavano anche inasprindo discussioni all’interno del Consiglio direttivo sulla rapidità con cui normalizzare la politica.

“Determinare il ritmo appropriato di normalizzazione delle politiche nell’attuale contesto macroeconomico non è diventato più facile per la BCE”, ha affermato Dirk Schumacher di Natixis in una recente nota di ricerca.

“La domanda fondamentale per la riunione di aprile è se la fine degli acquisti netti sarà anticipata”, ha aggiunto, riferendosi ai massicci acquisti di obbligazioni che la Banca centrale europea ha promesso di cercare di stimolare l’economia dell’eurozona e di guidare l’inflazione.

Schumacher ha aggiunto che un’opzione potrebbe essere che il presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde indichi che il consiglio è incline a porre fine agli acquisti netti nella prima parte del terzo trimestre.

Una volta completato l’acquisto di obbligazioni, possono iniziare gli aumenti dei tassi, rispecchiando le banche centrali del Regno Unito e degli Stati Uniti

Il governatore della banca centrale olandese e famoso falco della BCE, Klaas Knott, ha dichiarato all’inizio di aprile che quando la banca è tornata dalle vacanze estive, “non credo che al momento siamo in grado di escludere qualsiasi possibile scenario in termini di aumento … Settembre, ottobre e dicembre.” – Tutto questo è possibile.

READ  Il G7 si impegna ad accelerare la diffusione delle fonti energetiche rinnovabili renewable

Con la guerra in Ucraina e le severe sanzioni alla Russia, le prospettive economiche per l’eurozona sono peggiorate drasticamente. I colli di bottiglia della catena di approvvigionamento, l’aumento dei prezzi dell’energia e la preoccupazione per la generale scarsità di beni necessari per molti processi industriali stanno influenzando le prospettive economiche. Allo stesso tempo, i tassi di inflazione continuano a crescere e vi sono anche i primi segnali che tale aumento non è dovuto solo ai prezzi dell’energia, ma è più stabile.

“Siamo sempre più fiduciosi che la dinamica dell’inflazione nel medio termine non tornerà al modello che vedevamo prima della pandemia”, ha affermato Lagarde in una conferenza il 17 marzo.

“Ma dobbiamo gestire uno shock che, nel breve termine, spinge l’inflazione al di sopra del nostro obiettivo e frena la crescita”.

Tenere tutte le opzioni sul tavolo sarà il messaggio principale dell’incontro di giovedì. Ciò potrebbe includere anche la discussione del nuovo strumento politico, uno strumento di supporto dormiente che potrebbe essere attivato se i rendimenti del debito sovrano dei paesi dell’Eurozona dovessero ricominciare ad ampliarsi durante il processo di normalizzazione delle politiche.

Holger Schmieding, capo economista di Berenberg, ha affermato in una nota.

Lo spread si riferisce alla differenza di rendimento tra le obbligazioni di diversi governi dell’Eurozona. La differenza tra i rendimenti tedeschi e italiani, ad esempio, viene utilizzata come misura della paura degli operatori di mercato in periodi di stress finanziario.