Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Israele afferma che è stata fissata la data per l'invasione di Rafah durante i colloqui per il cessate il fuoco a Gaza | Notizie della guerra israeliana a Gaza

Israele afferma che è stata fissata la data per l'invasione di Rafah durante i colloqui per il cessate il fuoco a Gaza |  Notizie della guerra israeliana a Gaza

Hamas afferma che Israele non risponde alle richieste di ritiro militare e di permesso ai palestinesi di tornare alle loro case.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che è stata fissata una data per l'invasione di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, mentre i colloqui di tregua con Hamas continuano al Cairo, ma non sembrano vicini alla fine.

In un video in ebraico, Netanyahu ha ribadito la sua posizione secondo cui per ottenere la vittoria nella guerra è necessaria un'operazione militare di terra a Rafah, al confine con l'Egitto, dove si rifugiano più di 1,5 milioni di palestinesi.

“Accadrà. C'è una data”, ha detto lunedì, senza approfondire.

Ciò avviene mentre una nuova proposta di Hamas è stata presentata nei colloqui per il cessate il fuoco del fine settimana, ma non sembra in grado di raggiungere un accordo.

Il movimento palestinese ha confermato in un comunicato che stava rivedendo la proposta, ma ha affermato che Israele “non ha risposto a nessuna delle richieste del nostro popolo e della nostra resistenza”.

Il portavoce di Hamas Sami Abu Zuhri ha detto ad Al Jazeera che le dichiarazioni di Netanyahu “sollevano interrogativi sullo scopo della ripresa dei negoziati”.

Al-Zuhri ha detto: “Il successo di qualsiasi negoziato dipende dalla fine dell'aggressione”, aggiungendo che “le richieste del gruppo sono chiare: fermare l'aggressione contro il nostro popolo”.

Israele ha finora respinto le richieste palestinesi per il ritorno illimitato di centinaia di migliaia di abitanti di Gaza nel nord della Striscia di Gaza e per il ritiro delle forze militari di terra israeliane dalla Striscia di Gaza.

READ  Aggiornamento live news Australia: Victoria e Qld hanno registrato i primi casi di variante Omicron Covid; TGA approva provvisoriamente la dose di richiamo Moderna | Notizie dall'Australia

L’esercito israeliano ha affermato di aver ritirato alcune delle sue forze di terra da Gaza, ma di aver mantenuto le forze responsabili del mantenimento di un corridoio est-ovest che di fatto taglia a metà l’enclave e impedisce ai palestinesi di tornare a nord.

Gli Stati Uniti restano pubblicamente contrari all’idea di un’invasione israeliana di Rafah, affermando che non esistono piani praticabili per evacuare il gran numero di civili nella zona.

Un anonimo funzionario israeliano ha detto all'agenzia di stampa Associated Press che Israele sta acquistando 40.000 tende per preparare l'evacuazione dei palestinesi da Rafah.

Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Matthew Miller ha detto ai giornalisti dopo l'annuncio di Netanyahu che gli Stati Uniti non erano stati pienamente informati di eventuali nuovi sviluppi a Rafah.

Miller ha dichiarato: “Abbiamo chiarito a Israele che crediamo che un’invasione militare su larga scala di Rafah avrebbe un impatto estremamente dannoso su questi civili e che, in ultima analisi, danneggerebbe la sicurezza di Israele”.

Ciò avviene mentre i leader di Egitto, Giordania e Francia hanno scritto un editoriale congiunto pubblicato da diversi media, tra cui Washington Post e Le Monde, chiedendo un cessate il fuoco immediato e incondizionato, come richiesto dalla risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Alla fine di marzo.

“Mettiamo in guardia dalle gravi conseguenze dell'attacco israeliano a Rafah, dove hanno trovato rifugio più di 1,5 milioni di civili palestinesi. Un simile attacco porterà solo a più morti e sofferenze, aumenterà i rischi e le conseguenze dello sfollamento forzato di massa della popolazione di Gaza e minacciano un’escalation regionale”, hanno affermato i leader.

Mahjoub Al-Zwairi, direttore del Centro per gli Studi del Golfo presso l’Università del Qatar, ha detto ad Al Jazeera che è diventato chiaro agli alleati occidentali di Israele e anche all’interno del paese che Netanyahu non ha alcun interesse a raggiungere un accordo “in tempi brevi”.

READ  I passeggeri del traghetto in fiamme tra la Grecia e l'Italia sono stati sollevati per essere vivi, ma 12 sono ancora dispersi

Al-Zwairi ha detto: “Vuole più tempo, vuole andare a Rafah e vuole ottenere qualcosa che finora non è riuscito a ottenere”. “Lui e la destra hanno bisogno di individui, hanno bisogno di nomi – di cui parlare [Hamas leaders Yahya] Sinwar e [Mohammed] L’ospite, e niente di tutto questo è stato realizzato”.

Al-Zweiri ha affermato che finché ciò continuerà, la posizione del primo ministro israeliano rimarrà invariata per “interesse personale” e preservare il suo futuro politico.

Ha aggiunto: “Tutti lo sanno, ma la questione è se la comunità internazionale lo accetterà, o accetterà di vedere più uccisioni e più distruzioni”.
“Una persona politicamente irresponsabile e immorale sta conducendo una guerra ai civili”, ha aggiunto.