Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Netanyahu ha un piano per il giorno dopo la guerra a Gaza? | Notizie della guerra israeliana a Gaza

Netanyahu ha un piano per il giorno dopo la guerra a Gaza?  |  Notizie della guerra israeliana a Gaza

Le prove sembrano dimostrare che il primo ministro israeliano non lo fa.

Giovedì, il ministro della Difesa Yoav Galant ha espresso la sua frustrazione e ha invitato Benjamin Netanyahu a “prendere una decisione”, aggiungendo che non ritiene che l’intervento israeliano a Gaza debba essere a tempo indeterminato.

Perché abbiamo bisogno di un “piano israeliano”?

Perché Israele controlla ogni aspetto della vita palestinese a Gaza, in Cisgiordania e nella Gerusalemme Est che occupa.

Ogni giorno che passa, il numero di territori rimasti a Gaza diminuisce, sollevando domande sempre più pressanti su quanto a lungo l’esercito israeliano potrà continuare i suoi feroci attacchi. Cosa pensi di fare quando ti stancherai di bombardare e ribombardare la piccola enclave assediata?

Sabato, il capo di stato maggiore dell’esercito Herzi Halevy ha criticato Netanyahu per la mancanza di una pianificazione politica volta a raggiungere una soluzione postbellica.

“Finché non esiste un processo diplomatico per sviluppare un organo di governo del settore, non è così [the Palestinian group] Hamas, dovremo lanciare campagne ancora e ancora… per smantellare le infrastrutture di Hamas.

“Sarà una missione di Sisifo”, ha detto, riferendosi al leggendario tiranno Sisifo, sovrano di Efira, che fu punito dagli dei a trascorrere l’eternità spingendo un masso su una collina e poi rotolando giù da essa.

Allora… Netanyahu ha un piano?

Il 3 maggio Netanyahu ha pubblicato online alcuni piani postbellici per Gaza, ed erano molto interessanti.

Secondo questi piani, i palestinesi di Gaza – più di 35.000 dei quali finora Israele ha ucciso in questa guerra – godranno di una prosperità senza precedenti.

Sono stati identificati enormi investimenti, porti franchi, energia solare, produzione di veicoli elettrici e sfruttamento dei giacimenti di gas appena scoperti di Gaza.

Ciò avverrà in tre fasi, da una “data della vittoria” non specificata al 2035.

READ  Madre di due figli, 32 anni, muore dopo essere scivolata e caduta sul lavoro

I palestinesi di Gaza amministreranno il piano, che è supervisionato da una coalizione di paesi arabi – menzionata nel piano e nelle interviste radiofoniche con Netanyahu per conto di Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto, Bahrein, Giordania e Marocco.

Politicamente, dopo aver “deradicalizzato” Gaza e “dimenticato il trauma della guerra”, si unirebbe alla Cisgiordania occupata, attualmente sotto l’amministrazione nominale dell’Autorità Palestinese, e riconoscerebbe Israele attraverso gli Accordi di Abraham.

Israele si riserverà il diritto di rispondere a quelle che considera “minacce alla sicurezza” provenienti da Gaza.

Una volta che il piano avrà successo, ha affermato l’ufficio del primo ministro, potrebbe essere “esteso in Siria, Yemen e Libano”.

Piaci a qualcuno?

Domenica il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti, Sheikh Abdullah bin Zayed Al Nahyan, ha criticato Netanyahu, spiegando che Netanyahu non ha consultato Abu Dhabi sui suoi piani.

Traduzione: gli Emirati Arabi Uniti denunciano le dichiarazioni del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu in cui ha invitato lo Stato [UAE] Partecipare all’amministrazione civile della Striscia di Gaza sotto l’occupazione israeliana. Gli Emirati Arabi Uniti confermano che il Primo Ministro israeliano non ha la capacità giuridica per compiere questo passo e lo Stato rifiuta di essere coinvolto in qualsiasi piano volto a fornire copertura alla presenza israeliana nella Striscia di Gaza. Gli Emirati Arabi Uniti affermano che quando verrà formato un governo palestinese che soddisfi le speranze e le aspirazioni del fraterno popolo palestinese e goda di integrità, competenza e indipendenza, lo Stato sarà pienamente preparato a fornire tutte le forme di sostegno a quel governo.

Altri paesi non hanno ancora commentato. Tuttavia, alcune notizie dicono che Egitto, Marocco ed Emirati Arabi Uniti stanno prendendo in considerazione la proposta americana di schierare una forza di pace a Gaza, dopo che Washington avrà riconosciuto uno Stato palestinese.

READ  La Russia afferma di aver sventato un attacco missilistico ucraino sul ponte di Crimea e di aver abbattuto 20 droni

A livello nazionale, né Gallant né il suo collega nel gabinetto di guerra, Benny Gantz, hanno apprezzato il piano di Netanyahu o le sue dichiarazioni al punto che la discussione sul “giorno dopo” avrebbe potuto iniziare solo dopo la “completa sconfitta” di Hamas.

Le loro dichiarazioni riflettono la frustrazione prevalente tra la leadership politica in Israele e potrebbero indicare una certa divisione.

Il piano di Netanyahu è realistico?

Il 2 maggio, le Nazioni Unite hanno stimato che la ricostruzione di Gaza sarebbe stata il più grande sforzo di ricostruzione postbellica dalla fine della Seconda Guerra Mondiale nel 1945.

Adesivo di YouTube

Secondo il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite, circa il 70% di tutte le abitazioni è stato distrutto e, indipendentemente dal trauma subito dai residenti dell’enclave, la ricostruzione richiederà almeno dai 40 ai 50 miliardi di dollari.

Non è stato individuato alcun costo per i piani di Netanyahu, il che li rende difficili da valutare.

Non tanto.

Netanyahu supervisiona un governo di coalizione indisciplinato, pieno di lotte intestine e divisioni, e non tutti sono contenti del loro primo ministro.

Alcuni membri stanno spingendo per negoziati per garantire la sicurezza dei prigionieri rimasti a Gaza, mentre altri chiedono l’occupazione e la distruzione della città meridionale di Rafah – che è stata l’ultima città a non essere invasa via terra – oltre a tutto il resto, anche a Gaza. Continuazione del governo.

Allora c’è un’altra idea?

Martedì, il ministro della Sicurezza nazionale di Netanyahu, l’estrema destra Itamar Ben Gvir, ha partecipato a una manifestazione di gruppi ultranazionalisti a Sderot, vicino a Gaza.

READ  Un agente della polizia di Manchester è stato licenziato per messaggi provocanti

“Per porre fine al problema [of Gaza]Affinché il problema non si ripresenti, dobbiamo fare due cose: in primo luogo, tornare a Gaza adesso! tornare a casa! Ritorna nella nostra Terra Santa!

“E in secondo luogo, incoraggiare… la partenza volontaria del popolo di Gaza… È morale! E sì, è la verità! è umanitario”.

Ben Gvir
Ben Gvir parla a una conferenza che chiede la creazione di insediamenti israeliani nella Striscia di Gaza, 28 gennaio 2024 [Abir Sultan/EPA-EFE]

Secondo gli organizzatori, circa 50.000 coloni israeliani e ultranazionalisti si sono riuniti per ascoltare Ben Gvir e vari estremisti, tra cui alcuni del partito Likud di Netanyahu, parlare della “migrazione volontaria” della popolazione di Gaza affinché venga insediata dagli israeliani.

A gennaio, Ben Gvir ha partecipato, insieme al ministro delle Finanze Bezalel Smotrich, e ancora con un certo numero di membri del partito Likud, alla conferenza di estrema destra “Un compromesso porta sicurezza e vittoria”, con appelli anche alla ricostruzione degli insediamenti illegali israeliani a Gaza. che sono stati il ​​ritiro dopo il 2005. E la “migrazione volontaria” della sua gente.

E adesso?

Qualunque sia il “piano” che Israele propone per lo scenario del “giorno dopo”, nessuno di essi potrà essere discusso o preso in considerazione a meno che il suo governo non chiarisca anche ciò che considera una “vittoria” che consentirebbe di fermare le uccisioni.

Fino ad allora, la guerra e le sofferenze dei palestinesi potrebbero continuare senza fine.

Adesivo di YouTube