Giugno 14, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Guerra in Ucraina: le settimane critiche che si prospettano per l’offensiva russa in Ucraina

Guerra in Ucraina: le settimane critiche che si prospettano per l’offensiva russa in Ucraina

Fonte immagine, Reuters/Valentin Ogirenko

Commenta la foto, I restanti residenti di Vovchansk furono evacuati quando la Russia bombardò la città di confine

  • autore, Paolo Kirby
  • Ruolo, notizie della BBC

L’Ucraina sapeva che la Russia stava pianificando un’offensiva estiva, ma non sapeva da dove sarebbe iniziata. Ciò è diventato chiaro il 10 maggio, quando le forze russe sono entrate nella zona di confine a nord di Kharkiv, la seconda città più grande dell’Ucraina.

Da allora, hanno preso il controllo di un certo numero di villaggi non lontani dal confine e stanno cercando di avanzare mentre le forze ucraine, prive di armi, cercano di sostenere la linea del fronte indebolita.

Zona cuscinetto o spinta più profonda?

Entrando a Vovchansk, a soli 5 chilometri (3 miglia) all’interno dell’Ucraina, e conquistando vaste aree del territorio ucraino nella regione di Kharkiv, le forze russe potrebbero tentare di creare una zona cuscinetto per respingere gli attacchi transfrontalieri ucraini.

Visto lo stato relativamente debole delle difese dell’Ucraina, potrebbero anche avere piani più ambiziosi.

È possibile che la Russia stia pianificando un ulteriore attacco transfrontaliero verso la città settentrionale di Sumy, a nord-ovest. Il capo dell’intelligence militare ucraina, Kyrylo Budanov, ritiene che un “piccolo gruppo di truppe” stia aspettando lì, pronto ad agire.

Fonte immagine, Corpo dei volontari russi – Reuters

Commenta la foto, Le forze russe hanno detto di essere entrate in alcune parti di Vovchansk

Sergei Shoigu, il nuovo capo del Consiglio di sicurezza russo, ha detto soltanto che l’esercito sta avanzando in tutte le direzioni.

Ciò potrebbe includere spingersi più in profondità in Ucraina, costringendo Kiev a spostare le sue forze dalla linea del fronte più feroce nel Donbas orientale o impadronendosi di porzioni crescenti di territorio.

Ma le forze russe stanno avanzando anche verso il villaggio di Liptsi, a circa 20 chilometri dalla periferia settentrionale di Kharkiv, e, come ha detto, “possiamo praticamente vedere la periferia di Kharkiv attraverso un binocolo”. La cattura improvvisa della seconda città più grande dell’Ucraina potrebbe essere nel mirino della Russia.

Charkiv è in pericolo?

Kharkiv aveva una popolazione prebellica di 1,4 milioni di abitanti, seconda solo a Kiev e Dnipro in termini di importanza economica per l’Ucraina. È troppo vicino al confine per avere un’adeguata difesa aerea ed è stato ripetutamente sottoposto a bombardamenti mortali russi utilizzando missili balistici, missili antiaerei riconfigurati e bombe plananti.

Se la Russia riuscisse a impadronirsene, secondo Matviychuk, ciò segnerebbe un “punto di svolta” nella guerra e colpirebbe duramente il potenziale industriale dell’Ucraina.

Ciò sembra altamente improbabile. I commentatori ucraini e occidentali sono convinti che la Russia non abbia le risorse per farlo. Se ci fossero voluti 80.000 soldati russi per conquistare la devastata città orientale di Avdiivka lo scorso febbraio, una città molto più grande come Kharkiv avrebbe bisogno di numeri che la Russia non ha.

Il presidente Volodymyr Zelenskyj, durante una visita a Kharkiv, ha affermato che la situazione nella regione è “generalmente sotto controllo”, sebbene la zona rimanga molto difficile.

“L’obiettivo strategico delle forze russe è circondare Kharkiv come centro regionale”, afferma Oleksandr Musienko, capo del Centro per gli studi militari e politici a Kiev.

In questo modo, non solo creerebbero una zona cuscinetto profonda 10-15 chilometri, ma darebbero anche alla Russia la possibilità di attaccare Kharkiv in un secondo momento.

Fonte immagine, Bilipi Romano/AFP

Commenta la foto, L’esercito ucraino ha inviato altre truppe a Kharkiv per respingere l’avanzata russa

L’attenzione della Russia verso l’Oriente

La guerra continuò per diversi mesi mentre le forze russe ottenevano piccoli guadagni a caro prezzo in termini umani, soprattutto nella regione orientale di Donetsk.

Jack Watling del Royal United Services Institute ritiene che lo scopo principale dell’offensiva estiva fosse quello di “estendere l’avanzata russa nel Donbass”, con l’obiettivo di tagliare le linee di rifornimento e dare così alle loro forze una rotta verso nord e sud.

Tre mesi dopo aver preso Avdiivka, l’esercito russo ha messo gli occhi su altri obiettivi nella regione di Donetsk a nord-ovest, inclusa la città collinare strategicamente importante di Chasev Yar.

Si ritiene che le forze ucraine di stanza a Chasiv Yar siano state spostate a Kharkiv, lasciando l’Ucraina con meno unità disponibili lì, afferma Rob Lee del Foreign Policy Research Institute.

La perdita di Chasev Yar renderebbe le città ucraine del Donbass più vulnerabili agli attacchi russi.

Costringendo l’Ucraina a inviare truppe, difese aeree e artiglieria per difendere la sua seconda città, si metterebbe pressione anche sulla linea del fronte più a sud, vicino al fiume Dnipro, minacciando così la grande città di Zaporizhia a sud-est.

Le forze russe hanno già annunciato il controllo di un villaggio meridionale che l’Ucraina ha riconquistato l’estate scorsa. Anche se l’Ucraina controlla ancora il villaggio di Robotyn, è chiaro che l’offensiva russa nel nord sta esercitando una forte pressione sulle forze ucraine in inferiorità numerica altrove.

La Russia dispone di risorse sufficienti per ottenere guadagni sul terreno?

Ma i rinforzi previsti al confine settentrionale ammontano solo a 20.000 soldati e, nonostante tutte le notizie sui piani del Cremlino di mobilitare altri 300.000 soldati russi, non ci sono prove del genere.

Tuttavia, la Russia ha ancora un vantaggio numerico significativo. Un alto generale ucraino ha detto che il rapporto era di 10 a uno. Una caratteristica simile è stata segnalata in termini di proiettili.

L’Ucraina ha recentemente firmato una legge che abbassa l’età di mobilitazione di due anni a 25, e ciò potrebbe aumentare le dimensioni del suo esercito di 100.000 soldati.

Ma questo cambiamento richiederà tempo. Così come l’arrivo di forniture di armi statunitensi, che il Congresso americano ha approvato in aprile.

Il comandante supremo della NATO in Europa, il generale Christopher Cavoli, si è detto fiducioso che l’esercito ucraino possa resistere: “I russi non hanno i numeri per ottenere una svolta strategica… e, cosa più importante, non hanno l’abilità e la capacità fare così.”

L’uomo nominato comandante in capo delle forze armate ucraine a febbraio, Oleksandr Sirsky, è considerato l’architetto del combattimento ucraino del settembre 2022, quando l’esercito espulse unità russe da più di 500 posizioni nelle regioni del Donbass e di Kharkiv. . Uno dei villaggi che liberarono fu Vovchansk.

La differenza ora è che i leader russi impareranno dai propri errori.

“La città di Kharkiv e l’intera regione di Kharkiv sono ora diventati il ​​fulcro dei nostri sforzi per rendere più sicura la vita dei residenti di Kharkiv”, ha detto questa settimana il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba.

Quello che vuole Putin

Mentre il leader russo cerca guadagni sul terreno, ci sono segnali che il Cremlino potrebbe essere pronto a riprendere i colloqui di pace abbandonati due anni fa.

“Siamo aperti al dialogo sull’Ucraina, ma tali negoziati devono tenere conto degli interessi di tutti i paesi coinvolti nel conflitto, compreso il nostro”, ha detto Vladimir Putin a Xinhua.

Il momento delle sue dichiarazioni arriva un mese prima del vertice di pace previsto in Svizzera.

La Russia non è stata invitata a visitare Lucerna il 15 e 16 giugno, ma gli svizzeri affermano che parteciperanno più di 50 paesi, compresa l’Ucraina, e stanno cercando di coinvolgere la Cina, alleata della Russia.