Aprile 20, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il terzino italiano Jake Polletri ha annunciato il suo ritiro all'età di 28 anni

Il terzino italiano Jake Polletri ha annunciato il suo ritiro all'età di 28 anni

Il difensore dell'Italia e del Gebre Jake Polletri ha annunciato il suo ritiro immediato dal rugby nel 2020 dopo non essere riuscito a riprendersi da un “catastrofico infortunio al ginocchio”.

L’ex attaccante del Gloucester ha condiviso questa dichiarazione sui social media: “Da Rugby Tots alla Coppa del mondo di rugby, il rugby è stata la mia vita negli ultimi 20 e più anni. Mi ha aperto gli occhi su molti paesi, ha stretto grandi amicizie e ha messo in moto il mio cervello quando i tempi erano difficili.

“Alcuni dei miei ricordi più belli sono legati alla maglia azzurra. Per questo sono molto grato all’Italia che ha creduto in me e ha sostenuto il mio rugby.

“Giocare a rugby a livello internazionale è stato un sogno d'infanzia che è stato all'altezza di ogni aspettativa. Dai tour estivi alle Sei Nazioni e al RWC da record del Giappone 2019.

“Il mio ritorno in campo dopo il devastante infortunio al ginocchio nel 2020 è stato difficile. Molte persone mi hanno immediatamente cancellato e questo non mi ha fermato. Dopo 677 giorni da quando la mia gamba era completamente paralizzata, ho potuto correre di nuovo a Gloucester Kingsholm. Il supporto dei fan di Kingsholm è stato immenso e apprezzato.

“Grazie a Gloucester per tutti gli anni di supporto, non avrei potuto arrivare fin qui senza gli incredibili fisioterapisti e il team S&C. Mi ha aiutato a mantenere la promessa fatta al mio defunto fratello Sam che sarei tornato in campo.

“Tuttavia, la mia gamba non è mai tornata al 100% e alla fine ciò ha influito sulla mia capacità di tornare agli alti livelli di rugby a cui giocavo, e ha influenzato la mia vita in generale. Ho accettato con riluttanza ciò che il mio corpo e i professionisti mi hanno detto di ritirarmi dallo sport che ho praticato. Amore.

READ  Maserati ribadisce la strategia del “Made in Italy” completamente elettrico dopo ritardi e divergenze con il governo locale

“Grazie a Zebra per avermi dato la possibilità di tornare in campo. Dopo alcuni interventi alla spalla ce l'abbiamo fatta. Il team medico e l’S&C delle Zebre non avrebbero potuto tenere mio figlio Oakley in campo senza di loro. È un'esperienza indimenticabile. Il mio tempo in Italia è stato breve ma ho incontrato delle persone fantastiche.

“Non vedo l'ora che arrivi il mio prossimo capitolo e sono fiducioso su ciò che può portare. Porterò quella mentalità del rugby e della famiglia in qualunque ruolo assumerò in seguito.

“Grazie a tutti coloro che hanno supportato il mio viaggio seguendomi, mandando messaggi o salutando per strada. La famiglia del rugby è fantastica, non importa la squadra o il paese.

Altro da seguire.