Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Lancio del Boeing Starliner ritardato almeno fino al 17 maggio – Orlando Sentinel

Lancio del Boeing Starliner ritardato almeno fino al 17 maggio – Orlando Sentinel

Due astronauti della NASA erano pronti al lancio, ma una valvola ha causato attrito durante il loro volo a bordo di un Boeing CST-100 Starliner lunedì sera. Il prossimo scatto non volerà almeno fino al 17 maggio.

“So che tutti erano ansiosi di vedere il lancio”, ha detto Ken Bowersox, amministratore associato del Direttorato delle missioni delle operazioni spaziali della NASA, durante una conferenza stampa lunedì sera dopo la pulizia. “…Ma tutto quello che voglio dire prima è che le cose belle valgono l’attesa, e presto avremo la possibilità di vedere quel razzo e la navicella spaziale sollevarsi dalla piattaforma.”

Butch Wilmore e Sonny Williams erano legati a un modulo Starliner seduto su un razzo Atlas V della United Launch Alliance presso la stazione spaziale di Cape Canaveral, ma poco più di due ore prima del decollo previsto, le squadre hanno interrotto il tentativo di lancio.

L’ULA annulla il tentativo di prima missione del Boeing Starliner con esseri umani

La causa era un problema tecnico con la valvola sullo stadio superiore Centaur del razzo ULA, progettata per regolare la pressione su un serbatoio di ossigeno liquido.

Le squadre sulla piattaforma hanno riferito di suoni inaspettati provenienti dal razzo dopo che gli astronauti della NASA erano già entrati nella navicella spaziale.

“Abbiamo visto la valvola autoregolante sul lato (ossigeno liquido) emettere un leggero segnale acustico, quindi si muoveva in modo strano”, ha affermato Steve Stich, responsabile del programma commerciale dell’equipaggio della NASA. “Le regole di volo per questo volo sono state stabilite in anticipo con l’equipaggio sulla rampa di lancio. L’azione appropriata è stata quella di prendere la decisione omessa, e il team della United Launch Alliance ha fatto un ottimo lavoro valutando i dati, discutendo le diverse opzioni e mettendo noi attraverso l’incertezza.”

READ  I trapianti di cervello hanno aiutato 5 persone a riprendersi da lesioni traumatiche

Il presidente e amministratore delegato dell’ULA Torey Bruno ha affermato che la decisione di rimuovere ha più a che fare con le regole di volo applicabili che con il problema reale.

“La nostra filosofia è che non modifichiamo lo stato di rifornimento del veicolo mentre l’equipaggio è presente”, ha affermato. “Puoi farlo diversamente, e gli altri lo fanno, ma questa è la nostra filosofia, quindi abbiamo costruito le nostre regole di volo attorno a questo.

Notò che il problema era qualcosa che avevano già visto sui razzi ULA, e se gli esseri umani non fossero stati a bordo, la soluzione sarebbe stata semplice.

“Non è diverso da molte altre valvole simili, e ne hai una a casa sul serbatoio dell’acqua calda e questo non è molto diverso”, ha detto. “Ogni tanto, in rare occasioni, una valvola come questa può raggiungere una posizione in cui è fuori dalla sede. La sua temperatura, la sua rigidità, tutto va bene, e in questo caso vibra o ronza nel ciclo.

Ha detto che la soluzione è forzare la chiusura della valvola durante il suo ciclo.

“Una volta che l’equipaggio è uscito, abbiamo girato la valvola e ha smesso di ronzare”, ha detto. “Se si trattasse di un satellite, questa è la nostra procedura standard e il satellite sarebbe già in orbita.”

Ma con gli esseri umani a bordo, le regole ULA impedivano di modificare lo stato di rifornimento del combustibile criogenico volatile.

“Ho promesso a Butch e Sonny una serata noiosa”, ha detto Bruno. “Non volevo che fosse così noioso, ma seguiremo le nostre regole e ci assicureremo che l’equipaggio sia al sicuro.”

READ  La navicella spaziale Juno della NASA si lancia in un viaggio interplanetario per osservare Giove

Ma c’è un altro problema legato alla durata della valvola. Bruno ha detto che è qualificato per aprire e chiudere 200.000 volte a piena pressione. Sulla base dei dati di lunedì sera, è possibile che si verifichi un battito sulla valvola che, se si aprisse e chiudesse effettivamente completamente, sarebbe vicino al limite dei 200.000.

Bruno ha detto che l’ULA stava indagando sulla possibilità che le attività di lobbying esercitate non fossero al massimo delle loro capacità, il che significa solo una detrazione parziale rispetto al limite di 200.000 dollari. Bruno ha affermato che non esistevano strumenti per misurare effettivamente la valvola in questione e che i dati dovevano essere ricavati dai dispositivi circostanti.

Dopo aver esaminato i dati durante la notte e per tutta la giornata di martedì, la NASA ha dichiarato che è stata presa la decisione di sostituire la valvola, il che significa restituire il razzo alla struttura di integrazione verticale della Boeing.

La nuova data di lancio prevista è venerdì 17 maggio alle 18:16. Il rimbalzo avverrà mercoledì, quindi il razzo potrà essere “esteso” per consentire l’accesso alla valvola, ma lo Starliner potrà rimanere sopra il razzo senza rimuoverlo.

“Abbiamo valvole di riserva. Sappiamo come farlo, l’abbiamo già fatto in passato, ma ci vorranno diversi giorni”, ha detto Bruno.

La buona notizia per la NASA è che la Stazione Spaziale Internazionale, solitamente affollata, ha un po’ di tempo senza la necessità di inviare nuovi carichi o missioni di equipaggio.

“Non abbiamo fretta di volare dal punto di vista della stazione”, ha detto Dana Weigel, direttore della Stazione Spaziale Internazionale della NASA. “Abbiamo intenzionalmente annullato il nostro programma estivo per avere più pista per la missione CFT. Il prossimo veicolo di attracco arriverà ad agosto, quindi abbiamo tutto il tempo.

READ  IDPH ha riportato 5 decessi aggiuntivi da COVID-19 e 691 nuovi test positivi

Il lancio di Starliner sarà l’ultimo volo di qualificazione richiesto affinché il veicolo spaziale possa essere utilizzato in missioni regolari verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) e condividere missioni con Crew Dragon di SpaceX.

Willmore e Williams metteranno alla prova le operazioni manuali della navicella mentre si avvicina alla Stazione Spaziale Internazionale prima di rimanere a bordo per otto giorni. Successivamente partiranno e sperimenteranno ulteriori operazioni manuali durante il viaggio di ritorno con un atterraggio finale nel deserto degli Stati Uniti occidentali.

“Ho parlato con l’equipaggio proprio prima di venire qui, e sono di buon umore”, ha detto Mark Nappi, responsabile del programma commerciale dell’equipaggio della Boeing. “Capiscono perfettamente questo tipo di situazioni. Molte cose devono andare bene e non si tratta della maggior parte delle cose, tutto deve andare bene prima del lancio.

Se tutto andrà bene, Boeing potrebbe essere pronta a lanciare la sua prima missione regolare, Starliner-1, già nel febbraio 2025, il primo di sei voli contrattuali verso la Stazione Spaziale Internazionale che volerà una volta all’anno fino al 2025. 2030, dopodiché La NASA prevede di interrompere il servizio. La stazione.

“Oggi è stata una buona prova per l’intero processo”, ha detto Nappi. “Aspetteremo finché non capiremo qual è il problema. Fisseremo la prossima data di lancio. Riavvieremo l’orologio. Poi speriamo di rivederci qui tra un paio di giorni.”