Maggio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La capitale dimenticata dell’Italia, la nuova europea

La capitale dimenticata dell’Italia, la nuova europea

Non è diretto verso una remota città italiana dove i negozi chiudono per pranzo, gli edifici sono fatiscenti e la stazione ferroviaria è a 20 minuti di auto. Questo è ciò in cui mi sono imbattuto quando ho visitato Salemi, la città della Sicilia sudoccidentale che sostiene di essere la prima capitale d’Italia. Nessun argomento è mai stato fuori luogo o inappropriato. Salemi conta attualmente 10.000 abitanti. Cento anni fa, immagino che la popolazione sarebbe stata ancora più piccola quando si supponeva fosse la capitale della nazione.

Durante l’Unità d’Italia del XIX secolo, il generale italiano ed ex viceré del regno d’Italia, Giuseppe Garibaldi, volle basare la sua amministrazione su questa tranquilla collina. L’Uomo dei Due Mondi (pseudonimo di Garibaldi) proclamò Salemi capitale d’Italia il 14 maggio 1860, in Piazza Pietatura, situata nel cuore della città. Secondo la leggenda locale, egli innalzò il tricolore presso il forte di Salemi, che stava per essere distrutto da un terremoto. Nel 1968.

La dichiarazione fu di breve durata. Lo status di capitale di Salemi durò solo 24 ore prima del trasferimento a Torino. Tuttavia, l’orgoglio che provano i Salemisi di essere la prima capitale d’Italia è incommensurabile.

“Sì, certo che questa è la nostra prima capitale”, mi ha detto il mio ospite Nicola quando è venuto a prendermi alla stazione ferroviaria. Trovò la domanda strana, come se davvero dovessi saperlo. “La gente dice che è Torino, ma in realtà è casa mia.”

“Ci sono così tante cose da vedere e da fare a Salem”, ha continuato. “C’è il castello, ci sono i bar, ci sono i musei. Naturalmente Garibaldi la definì la prima capitale d’Italia.

READ  Caso omicidio pescatori: l'Italia paga ₹ 10 crore Per le famiglie il centro si trova in S.C.

Nicola proviene da una famiglia che vive nella zona da quattro generazioni. Hanno attività commerciali tra cui supermercati, bar e bed and breakfast. Sono stato accolto nel bed and breakfast da suo nonno novantenne che, come suo nipote, era molto entusiasta del passato storico della sua città natale.

“La nostra storia è straordinaria: sono orgoglioso di crescere qui e di vivere qui”, mi ha detto con un sorriso sul volto.

Mentre stavo salendo la collina verso il museo, sono passato davanti a Piazza Pietatura aspettandomi di trovare un monumento a Garibaldi, ma non ce n’era.

Tuttavia il complesso museale di Salemi conteneva un intero museo dedicato a Garibaldi, composto da quattro musei distinti. All’ingresso c’era una targa di bronzo che designava Salemi come prima capitale d’Italia, oltre a documenti e ritagli di giornale della visita di Garibaldi.

Veronica, una guida del museo, mi ha detto: “È davvero affascinante se ci pensi. Non siamo un posto grande, ma qui c’è una grande storia, ed è ancora meglio”.

Come Nicola, era fermamente convinto che Torino non fosse la prima capitale d’Italia.

“Non è vero, gli attuali libri di storia dicono molto. Ma anche se siamo piccoli e non siamo capitale da molto tempo, non dobbiamo dimenticarci di noi stessi perché è storia ed è accaduta”, ha detto.

“Ricorderemo sempre.”

Jessica Lionel è una giornalista freelance con sede a Roma

Quando penso alle capitali, la mia mente va alle metropoli estese e inquinate, con persone frenetiche che si affrettano a prendere il treno. I miei pensieri inevitabilmente vanno dritti a città come Big Smoke e Big Apple 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

READ  L'Italia stabilisce il record di vaccinazioni giornaliere del governo - Notizie

Non è diretto verso una remota città italiana dove i negozi chiudono per pranzo, gli edifici sono fatiscenti e la stazione ferroviaria è a 20 minuti di auto. Questo è ciò in cui mi sono imbattuto quando ho visitato Salemi, la città della Sicilia sudoccidentale che sostiene di essere la prima capitale d’Italia. Nessun argomento è mai stato fuori luogo o inappropriato. Salemi conta attualmente 10.000 abitanti. Cento anni fa, immagino che la popolazione sarebbe stata ancora più piccola quando si supponeva fosse la capitale della nazione.

Durante l’Unità d’Italia del XIX secolo, il generale italiano ed ex viceré del regno d’Italia, Giuseppe Garibaldi, volle basare la sua amministrazione su questa tranquilla collina. L’Uomo dei Due Mondi (pseudonimo di Garibaldi) proclamò Salemi capitale d’Italia il 14 maggio 1860, in Piazza Pietatura, situata nel cuore della città. Secondo la leggenda locale, egli innalzò il tricolore presso il forte di Salemi, che stava per essere distrutto da un terremoto. Nel 1968.

La dichiarazione fu di breve durata. Lo status di capitale di Salemi durò solo 24 ore prima del trasferimento a Torino. Tuttavia, l’orgoglio che provano i Salemisi di essere la prima capitale d’Italia è incommensurabile.

“Sì, certo che è la nostra prima capitale”, mi ha detto la mia ospite Nicola mentre veniva a prendermi alla stazione dei treni. Guardò la domanda in modo strano, come se davvero dovessi saperlo. “La gente dice che è Torino, ma in realtà è casa mia.”

“Ci sono così tante cose da vedere e da fare a Salem”, ha continuato. “C’è il castello, ci sono i bar, ci sono i musei. Naturalmente Garibaldi la definì la prima capitale d’Italia.

READ  Premio Design per Stimolare l'Innovazione tra Italia e Cina

Nicola proviene da una famiglia che vive nella zona da quattro generazioni. Hanno attività commerciali tra cui supermercati, bar e bed and breakfast. Suo nonno novantenne mi ha accolto nel mio bed and breakfast e, come suo nipote, è stato molto felice del prezioso passato della sua città natale.

“La nostra storia è straordinaria: sono orgoglioso di crescere qui e di vivere qui”, mi ha detto con un sorriso sul volto.

Mentre stavo salendo la collina verso il museo, sono passato davanti a Piazza Pietatura aspettandomi di trovare un monumento a Garibaldi, ma non ce n’era.

Tuttavia il complesso museale di Salemi conteneva un intero museo dedicato a Garibaldi, composto da quattro musei distinti. All’ingresso c’era una targa di bronzo che citava Salemi come prima capitale d’Italia, oltre a documenti e ritagli di giornale della visita di Garibaldi.

Veronica, una guida del museo, mi ha detto: “È davvero affascinante se ci pensi. Non siamo un posto grande, ma qui c’è una grande storia, ed è ancora meglio”.

Come Nicola, era fermamente convinto che Torino non fosse la prima capitale d’Italia.

“Non è vero, gli attuali libri di storia dicono molto. Ma anche se siamo piccoli e non siamo capitale da molto tempo, non dobbiamo dimenticarci di noi stessi perché è storia ed è accaduta”, ha detto.

“Ricorderemo sempre.”

Jessica Lionel è una giornalista freelance con sede a Roma