Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il primo robot umanoide della NASA, Valkyrie, è in fase di test presso le strutture energetiche offshore in Australia

Il primo robot umanoide della NASA, Valkyrie, è in fase di test presso le strutture energetiche offshore in Australia

La NASA afferma che le conoscenze acquisite da questa missione saranno probabilmente utilizzate nelle missioni Artemis della NASA e altri obiettivi robotici a terra.

Il robot della NASA Valkyrie inizia una nuova missione in Australia.

Il Valkyrie è stato consegnato nell’Australia occidentale il 6 luglio per testare le sue capacità presso il colosso energetico australiano Woodside Energy a Perth.

La società prevede di implementare Valkyrie per la cura da remoto delle sue strutture offshore e senza equipaggio per aumentare la sicurezza sia per i suoi dipendenti che per l’ambiente.

“Siamo entusiasti di iniziare la prossima fase di sviluppo e test di sistemi robotici avanzati che hanno il potenziale per avere un impatto positivo sulla vita sulla Terra consentendo operazioni più sicure in ambienti pericolosi”, Sean Azimi, capo del team di robotica esperto della NASA Johnson, detto nell’annuncio.

“Queste dimostrazioni valuteranno le attuali capacità della robotica avanzata per estendere la portata degli esseri umani e aiutare l’umanità a esplorare e lavorare in sicurezza ovunque”, ha aggiunto Azimi.

Come parte dell’accordo di partnership, Woodside Energy fornirà i dati e il feedback alla NASA, secondo un recente annuncio della NASA.

La NASA prevede di applicare le conoscenze acquisite per “accelerare la maturazione della tecnologia robotica”.

L’agenzia spaziale rileva inoltre che le lezioni apprese da questa missione potrebbero essere utilizzate nelle missioni Artemis della NASA e per altri obiettivi robotici terrestri.

Cos’è la valchiria?

Valkyrie è il primo robot bipede della NASA.

Il suo nome deriva dalla mitologia norrena dove il nome significa letteralmente “raccoglitore di uccisi”.

Con un’altezza di 1,8 metri e un peso di 125 kg, il Valkyrie è progettato per svolgere compiti vitali in ambienti pericolosi per l’uomo sia nello spazio che sulla Terra.

READ  L'interno di una stella morta può sembrare un gigantesco nucleo atomico

La NASA afferma che testare lo sviluppo del Valkyrie sulla Terra alla fine contribuirà allo sviluppo della robotica e dell’automazione attuali e future per l’uso nello spazio.

Ad esempio, la NASA spera di utilizzare la Valkyrie sulla luna per siti di lavoro e habitat a lungo termine che verranno creati come parte delle future missioni Artemis, anche quando gli astronauti non sono fisicamente presenti.

Funzionalità di controllo remoto “vitali”.

Dal 2016, la NASA ha raddoppiato gli sforzi per migliorare le tecnologie di controllo remoto e sviluppare robot completamente autonomi perché il ritardo nella comunicazione tra Terra e Marte rende i robot difficili da controllare.

La NASA ritiene che Valkyrie e altri robot mobili avanzati possano essere strumenti vitali per consentire agli esseri umani di supervisionare a distanza lavori pericolosi e scaricare compiti noiosi e ripetitivi, consentendo agli esseri umani di lavorare su attività di livello superiore, tra cui la distribuzione e la manutenzione dei robot.

Con robot mobili e telecomandati come Valkyrie, gli astronauti potrebbero essere in grado di vivere al di fuori della Terra e svolgere in remoto attività importanti come l’ispezione e la manutenzione di infrastrutture e fabbriche.

Per consegnare la Valkyrie, l’esperto team di robotica della NASA di Johnson si è recato al quartier generale di Woodside a Perth, nell’Australia occidentale. La NASA ha affermato che il team ha preparato il robot Valkyrie e ha condotto esercitazioni con il team di Woodside sulle sue operazioni.

Per saperne di più su questa storia, guarda il video nel lettore multimediale qui sopra.