Maggio 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L'utility tedesca E.ON prevede di vendere l'attività italiana

L'utility tedesca E.ON prevede di vendere l'attività italiana

FRANCOFORTE/MILANO (Reuters) – L'utility tedesca E.ON (EONGn.DE) ha avviato i preparativi per vendere le sue attività italiane e inizierà presto a cercare un acquirente a un prezzo che potrebbe raggiungere circa 3 miliardi di euro (4 miliardi di dollari), quattro persone ha familiarità con la questione.

Gravata dalla massiccia espansione della capacità di energia rinnovabile, dal calo dei prezzi all’ingrosso e dalla debole domanda di energia in Europa, E.ON ha avviato un piano di smaltimento che ha già raggiunto il suo obiettivo di circa 20 miliardi di euro.

“Goldman Sachs è stata contattata per esaminare la situazione (per quanto riguarda la vendita in Italia), ma è ancora troppo presto”, ha detto una delle fonti.

Un banchiere che lavora con un potenziale acquirente ha detto a Reuters che si aspetta che l'asta inizi a gennaio o febbraio.

Oltre al piano italiano, E.ON punta a raccogliere almeno 1,6 miliardi di euro attraverso la vendita della società tedesca E.ON Mitte e della sua partecipazione nella società di arricchimento dell'uranio Urenco. E.ON e la sua pari RWE possiedono ciascuno il 16,7% di Eurenco, mentre Gran Bretagna e Paesi Bassi ne possiedono un terzo ciascuno.

Il quotidiano tedesco Handelsblatt aveva precedentemente riportato i piani dell'italiana E.ON, citando fonti del settore secondo cui il valore dell'attività potrebbe superare i due miliardi di euro.

Una seconda fonte ha confermato che Goldman Sachs stava lavorando al dossier, aggiungendo che E.ON non avrebbe venduto a buon mercato.

“Tre miliardi di euro sono più o meno il valore giusto”, ha detto la fonte. “Ma E.ON ha valori contabili più alti e non vuole grandi svalutazioni”.

Goldman Sachs ha rifiutato di commentare.

READ  Agenzia stampa degli Emirati - Gli Emirati Arabi Uniti e l'Italia rafforzano la partnership economica ed esplorano gli scambi di investimenti nei settori delle energie rinnovabili, del turismo e della tecnologia finanziaria

Opzioni di peso

E.ON ha affermato di essere sempre alla ricerca di opzioni strategiche per il proprio portafoglio, comprese le attività in Italia.

Un portavoce della società ha dichiarato: “Tale revisione può o meno portare a prendere una decisione di volta in volta per valutare la disposizione di determinati asset nel portafoglio”.

La debole domanda energetica è da tempo un problema per le utilities europee e l’Italia non fa eccezione. La domanda di energia in Italia è diminuita del 2,8% nel 2012, ed è diminuita del 3,6% nei primi 10 mesi di quest'anno.

E.ON ha in Italia una capacità di generazione di circa 6 gigawatt, di cui più della metà da gas, e circa 1 gigawatt da fonti rinnovabili. L'azienda impiega circa 1.000 persone nel Paese – meno del 2% della sua forza lavoro totale – e ha 860.000 clienti.

È il quarto produttore di energia elettrica in Italia dopo Enel (:ENEI.MI), A2A (:A2.MI) ed Edison, di proprietà del gruppo francese EDF (Parigi:EDF.PA – News).

“Ci sarà probabilmente una soluzione italiana per gli asset energetici tradizionali e le fonti energetiche rinnovabili andranno alle compagnie assicurative e ai fondi pensione italiani”, ha detto una fonte bancaria.

E.ON possiede anche un grande impianto a carbone in Sardegna, e una fonte presso l'autorità regionale sarda ha detto a Reuters che E.ON potrebbe essere disposta a dimettersi a favore di altri investitori.

La fonte ha detto: “Gli investitori cinesi hanno recentemente visitato il sito per ispezionare la fabbrica.” ($1 = 0,7367 euro)

(Segnalazione di Christoph Steitz e Arno Schuetz a Francoforte e Stephen Jewkes a Milano; Scrittura di Victoria Bryan; Montaggio di Tom Pfeiffer e David Goodman)

READ  L'Atletico Madrid esclude il trasferimento dell'attaccante Alvaro Morata dalla Juventus nuovamente in prestito