Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il primo ministro pakistano Imran Khan affronta un voto di sfiducia. Come funzionerà?

I partiti di opposizione pakistani hanno votato di sfiducia in parlamento, cercando di estromettere il primo ministro Imran Khan, in gran parte con l’accusa di cattiva gestione economica.

Il tentativo di mettere sotto accusa Khan è stato rafforzato mercoledì ora locale, quando un alleato chiave del governo ha affermato di aver raggiunto un accordo con l’opposizione e poi si è ritirato dalla coalizione di governo di Khan.

La cacciata di Khan porterebbe probabilmente a un altro ciclo di instabilità nel paese dotato di armi nucleari, in cui i militari hanno una lunga storia di interferenze nella politica.

Quindi, come si svolgerà la votazione e qual è la strategia dell’onorevole Khan per combatterla?

Come funziona un voto di sfiducia?

Secondo la costituzione del Pakistan, il primo ministro è eletto dalla maggioranza della camera bassa, l’Assemblea nazionale, che conta 342 membri.

Un candidato ha bisogno della maggioranza dei deputati, 172 deputati, per votare per la carica di primo ministro. Questo è lo stesso numero di voti contrari in un voto di sfiducia necessario per metterli sotto accusa e sciogliere il loro governo.

Quindi Khan potrebbe sopravvivere a un voto di sfiducia anche se ottiene meno voti dall’opposizione, ma solo se quest’ultima non ottiene i 172 voti che costituiscono la maggioranza nella Camera dei rappresentanti da 342 seggi.

Una folla di uomini vestiti di giallo che camminano e tengono le loro bandiere bianche e nere durante una manifestazione
Una manifestazione antigovernativa organizzata dal Movimento Democratico del Pakistan, una coalizione di partiti politici di opposizione.(Reuters: Akhtar Soomro)

Quando è probabile il voto?

I partiti di opposizione hanno presentato la loro mozione di sfiducia all’inizio di marzo, che è stata presentata e presentata all’Assemblea nazionale pakistana lunedì, ora locale.

Il Presidente dell’Assemblea nazionale procede alla votazione entro tre giorni e non oltre sette giorni dalla presentazione della mozione.

Ciò significa che la prima votazione può aver luogo giovedì, ora locale. L’ultima, secondo la maggior parte dei conti, è l’ora locale del lunedì.

È probabile un voto presto?

Il signor Khan deve affrontare un voto serrato. È diventato primo ministro dopo che il suo partito, il Pakistan Insaf Movement (PTI), ha vinto il maggior numero di seggi alle elezioni generali del 2018.

Tuttavia, il PTI non disponeva di una maggioranza semplice propria e doveva formare una coalizione con gli altri partiti.

PTI ha 155 membri e il signor Khan ha superato la soglia dei 172 voti per essere eletto Primo Ministro nel 2018 con l’aiuto dei partner della coalizione.

Questa alleanza è cresciuta di numero negli ultimi tre anni.

Una grande folla, per lo più uomini, ha assistito a una manifestazione, molti dei quali trasportavano grandi bandiere pakistane verdi e rosse.
I sostenitori del primo ministro Imran Khan si sono espressi a Islamabad lo scorso fine settimana.(Reuters: Akhtar Soomro)

Qual è la strategia del primo ministro Khan?

Il signor Khan ha ordinato a tutti i legislatori del PTI di rimanere assenti dall’assemblea il giorno delle votazioni, per ridurre ogni possibilità che gli oppositori sostengano privatamente la sua proposta di impeachment.

L’assenteismo non danneggerà il caso di Khan perché non ha bisogno di vincere: deve solo assicurarsi che l’opposizione non possa ottenere i 172 voti necessari per approvare una mozione di impeachment.

Il signor Khan ha anche presentato una petizione ai tribunali per un divieto elettorale a vita contro coloro che sono risultati dissidenti nei ranghi, nel tentativo di dissuadere potenziali oppositori.

Cosa succede dopo il voto?

Se il signor Khan perde il voto, il Parlamento può continuare a funzionare fino alla scadenza del suo mandato quinquennale nell’agosto 2023, dopodiché sono previste elezioni generali entro 60 giorni.

Ci sarà un voto all’Assemblea nazionale per eleggere un nuovo Primo Ministro che rimarrà in carica fino ad allora. I candidati possono essere presentati da qualsiasi parte con legislatori alla Camera.

Tuttavia, il nuovo primo ministro può indire immediatamente le elezioni generali, senza aspettare fino al 2023.

Alcuni analisti costituzionali affermano che l’assemblea potrebbe essere sciolta e si sarebbero tenute elezioni generali se nessun candidato potesse ottenere la maggioranza dei voti per diventare primo ministro.

Reuters

READ  Morto a 41 anni il campione di kickboxing Frederic Sinistra: posizione anti-vaccinazione