Maggio 24, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Benvenuti nel momento più edificante nella storia del GNL

La Russia ha cambiato tutto questo.

Dal lato dell’offerta, andranno perse tra i 30 e i 50 milioni di tonnellate di gas poiché le sanzioni degraderanno i giacimenti di gas russi esistenti e abbandoneranno i progetti di ampliamento e/o nuovi progetti di avvio. Dal lato della domanda, verranno create tra 40 e 70 milioni di tonnellate di domanda di GNL mentre l’Europa si affretta a sostituire le particelle russe.

Di conseguenza, Kavonic vede aumentare il divario tra domanda e offerta da 70 milioni di tonnellate all’anno a circa 100 milioni di tonnellate all’anno. Questo cambiamento di mercato sarà circa 10 volte l’entità dell’impatto Il disastro nucleare di Fukushima in Giappone è avvenuto un decennio fa.

‘Il prezzo deve salire’

Semplicemente non ci sono abbastanza progetti in cantiere per soddisfare questa impennata della domanda, che secondo Kavonic significa una cosa: “I prezzi devono aumentare materialmente per stimolare un’ondata di offerta così grande”.

I prossimi aumenti dei prezzi avranno una miriade di ramificazioni, non ultima quella che Kavonic descrive la possibilità che “la povertà energetica e le preoccupazioni sulle emissioni emergano in altri paesi in via di sviluppo, che sono meno in grado di permettersi prezzi del gas più elevati, e potrebbero nuovamente rivolgersi a più carbone per motivi di costo.” .

Ma l’aumento dei prezzi dovrebbe anche portare a uno sforzo globale congiunto per risolvere la carenza di offerta.

È qui che entra in gioco l’Australia.

“La crescente necessità di più GNL in Europa apre una nuova opportunità per l’Australia di sfruttare ancora una volta le sue riserve di gas e aiutare a garantire le forniture di gas agli alleati dell’Australia in Europa e ai partner commerciali a livello globale”, afferma Kavonic.

READ  Il presidente siriano Bashar Al-Assad vince le elezioni con il 95,1 per cento dei voti

“Il gas australiano può svolgere un ruolo significativo nel sostenere la sicurezza energetica europea, poiché ogni carico di GNL Australia viene inviato in Asia per liberare più gas per l’Europa”.

Kavonic vede l’Australia come un’opportunità per colmare circa 15 milioni di tonnellate di divario tra domanda e offerta entro questo decennio sviluppo della navigazione gigante Woodside, Estensione della vita della piattaforma nord-occidentale e tra 1 e 2 milioni di tonnellate di giacimenti di gas nel Queensland vengono spremuti per l’esportazione.

Questo scenario è chiaramente una buona notizia per Woodside e Santos nel breve termine – UBS ha dichiarato questa settimana che si aspetta che le due società raddoppino i profitti quest’anno – e nel lungo termine, con forti aspettative sui prezzi che aiutano le due società a vendere partecipazioni in i progetti e garantire accordi di fornitura a lungo termine.

Ma Kavonic afferma che sono necessari cambiamenti politici per garantire quello che chiama “gas per la libertà australiano”.

Saranno necessari maggiori sforzi diplomatici poiché l’Australia si siederà al tavolo dello sviluppo della politica globale del gas con i responsabili politici in Asia, Unione Europea e Stati Uniti.

“È giunto il momento per i partner commerciali asiatici di riconsiderare la loro strategia di appalto e di equità per i progetti GNL australiani e, date le crescenti considerazioni geopolitiche, c’è un ruolo essenziale per la diplomazia del governo”.

Kavonic suggerisce inoltre che l’accelerazione delle approvazioni per la fornitura di nuovo GNL aiuterà la causa, così come le politiche che incoraggiano la cooperazione in joint venture e aiutano a risolvere la carenza di manodopera nel settore. Potrebbe essere necessario adeguare anche le politiche che limitano le esportazioni di gas della costa orientale e i prezzi più bassi.

READ  La Cina avverte gli Stati Uniti dopo aver rintracciato la nave da guerra nel Mar Cinese Meridionale | mare della Cina del Sud

Kavonic afferma che l’Australia dovrebbe essere in una buona posizione per aumentare le esportazioni di idrogeno entro la fine del decennio poiché diventerà un’alternativa al GNL.

In particolare, il rischio più grande che Kavunic vede per le sue prospettive è che l’Europa sostenga la massiccia espansione delle forniture di GNL, aumenti gli investimenti nelle energie rinnovabili e, quando il conflitto in Ucraina finirà, continui ad acquistare gas russo a un certo livello, portando a un gas glut.Naturalmente liquefatto evolve verso la fine del decennio.

“Potremmo sostenere che questo scenario dovrebbe rimanere molto rialzista per il GNL nel breve/medio termine prima di aprire la strada a risultati ribassisti a lungo termine”.