Giugno 15, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gaza è sull’orlo del collasso mentre Israele si ritira dal nord Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Gaza è sull’orlo del collasso mentre Israele si ritira dal nord  Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Ramallah, Cisgiordania occupata – Funzionari delle Nazioni Unite hanno avvertito che centinaia di migliaia di palestinesi nella Striscia di Gaza assediata stanno affrontando una “vera catastrofe”, mentre il feroce bombardamento israeliano della Striscia occupata continua per l’undicesimo giorno consecutivo.

In un rapporto di martedì, le Nazioni Unite hanno affermato che l’esercito israeliano ha continuato a bombardare le aree meridionali anche se in precedenza aveva chiesto ai residenti di spostarsi a sud in vista di un imminente attacco via terra, aria e mare sulla piccola striscia di terra costiera.

Ha anche sottolineato che “l’acqua rimane un problema importante poiché le persone inizieranno a morire senza acqua”, un avvertimento che è arrivato poche ore dopo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità aveva annunciato che a Gaza erano rimaste solo “24 ore di acqua, elettricità e carburante”.

La popolazione della Striscia assediata, abitata da più di due milioni di palestinesi, soffre gravemente per la mancanza d’acqua o per l’impossibilità di bere, lavarsi o lavare i vestiti. Si trovano inoltre ad affrontare gravi carenze di beni di prima necessità, tra cui latte in polvere e farina, con tutti i supermercati esauriti.

“Le preoccupazioni per la siccità e le malattie trasmesse dall’acqua sono elevate dato il collasso dei servizi idrici e igienico-sanitari, inclusa la chiusura dell’ultimo impianto di desalinizzazione dell’acqua di mare operativo a Gaza oggi”, ha affermato in un rapporto l’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi (UNRWA). il martedì. Si prevede che le riserve di carburante in tutti gli ospedali di Gaza dureranno solo per altre 24 ore. La chiusura dei generatori di riserva metterebbe a serio rischio la vita di migliaia di pazienti.

READ  Coscia del ramen: i prezzi delle tagliatelle aumentano mentre le scorte di grano diminuiscono | crisi della filiera

Secondo funzionari palestinesi, più di 2.800 persone, tra cui almeno 1.000 bambini, sono state uccise nella campagna di bombardamenti israeliana dal 7 ottobre. I feriti furono circa 10.000, molti dei quali sono ancora sepolti sotto le macerie.

I bombardamenti sono iniziati dopo che i combattenti di Hamas, il movimento di resistenza palestinese armato che gestisce la Striscia, hanno lanciato un attacco a sorpresa fuori dalla Striscia assediata, all’interno del territorio israeliano. Finora, secondo funzionari israeliani, almeno 1.400 persone sono state uccise in Israele e più di 4.000 sono rimaste ferite.

Il Ministero della Sanità palestinese ha dichiarato martedì mattina che Israele ha ucciso 61 palestinesi nella Cisgiordania occupata e a Gerusalemme Est negli ultimi undici giorni in raid militari e arresti in quartieri, città e villaggi palestinesi. Almeno sette di loro sono stati uccisi dai coloni.

L’ultimo sanguinoso raid è avvenuto all’alba di martedì, quando l’esercito israeliano ha ucciso il giovane Muhammad Melhem (17 anni) in un raid nella città di Halhul nel governatorato di Hebron, a sud della Cisgiordania occupata.

A Nablus, il Ministero della Sanità ha anche annunciato oggi, martedì, la morte di Samir Sabra (72 anni) a causa delle ferite riportate venerdì dai proiettili dell’esercito israeliano.

Nel frattempo, Israele ha annunciato lunedì sera che inizierà a evacuare i residenti di 28 comunità per lo più di soli ebrei situate a circa due chilometri dal confine settentrionale con il Libano, mentre continuano le tensioni e gli scontri a fuoco con il gruppo militante Hezbollah, minacciando una guerra regionale più ampia. .

L’esercito israeliano intraprenderà il processo di evacuazione e gli sfollati saranno alloggiati in alberghi e pensioni i cui costi sono finanziati dal governo israeliano.

READ  Una nipote è accusata di aver usato gli spaghetti per uccidere la prozia

Arresti e prigionieri

Abu Ubaida, portavoce dell’ala militare di Hamas, ha dichiarato lunedì in un video che il movimento sta trattenendo fino a 250 prigionieri nella Striscia assediata. Egli ha sottolineato che finora nei bombardamenti israeliani sono stati martirizzati 22 prigionieri.

Il gruppo ha anche affermato di detenere un certo numero di prigionieri non israeliani e di essere disposto a rilasciarli quando “le condizioni sul terreno lo consentiranno”.

Il leader di Hamas Khaled Meshaal Mostrato Lunedì i prigionieri sono stati trattenuti nella speranza di liberare circa 6.000 palestinesi nelle carceri israeliane. Ha detto alla televisione Al-Arabi che Hamas “ha ciò di cui ha bisogno per svuotare le carceri di tutti i prigionieri”.

Nel 2011, Israele ha rilasciato centinaia di prigionieri palestinesi in cambio del rilascio del soldato israeliano Gilad Shalit, detenuto a Gaza da cinque anni.

Lunedì tardi, Hamas ha rilasciato una dichiarazione video di uno dei prigionieri, una cittadina franco-israeliana di 21 anni che si è identificata come Mia Sakim, chiedendo che fosse restituita alla sua famiglia.

Separatamente, lunedì notte, la polizia israeliana ha arrestato la cantante palestinese e icona culturale Dalal Abu Amna, che risiede a Nazareth e possiede la cittadinanza israeliana, a causa di un post su Facebook da lei pubblicato a sostegno di Gaza. Martedì mattina un tribunale israeliano ha deciso di prolungare la sua detenzione.

L’Autorità per gli Affari dei Prigionieri dell’Autorità Palestinese ha dichiarato martedì che Israele ha arrestato 680 palestinesi nella Cisgiordania occupata e a Gerusalemme Est dal 7 ottobre, aggiungendo che il 25% dei detenuti sono bambini e anziani.

Almeno 88 persone sono state arrestate nella notte di martedì.

READ  Macron annuncia che la sua strategia per il Covid è "furre rabbia" per i non vaccinati | Corona virus

Il 13 ottobre, Israele ha modificato i suoi ordini militari nei territori occupati per rendere più facile per i soldati arrestare i palestinesi per mero sospetto ai sensi della legge sui combattenti illegali.