Marzo 4, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il marchio di lusso italiano Prada punta a raddoppiare la propria attività in Cina nel medio termine

Il marchio di lusso italiano Prada punta a raddoppiare la propria attività in Cina nel medio termine

SHANGHAI (Reuters) – Prada sta cercando di raddoppiare le proprie attività nel mercato chiave dei beni di lusso in Cina, anche se il paese si trova ad affrontare un rallentamento della crescita della domanda di beni di lusso e notevoli difficoltà economiche, ha detto mercoledì l’amministratore delegato Gianfranco Datis.

“Abbiamo molte ambizioni qui in Cina di raddoppiare il nostro business nel prossimo futuro a medio termine. A ciò si aggiunge anche l’aumento dei nostri investimenti”, ha detto Datis ai giornalisti a Shanghai.

Non ha fornito una tempistica specifica per l’ambizione, ma ha affermato che un aumento degli investimenti non significherebbe necessariamente un aumento significativo del numero di negozi aperti in tutto il paese.

“Non è solo il numero di negozi che è importante per noi, ma la qualità dei negozi, negozi più grandi con più categorie, con più prodotti locali, con più esperienze, con più ospitalità, più eventi, più capsule speciali”, ha affermato .

Datis, l’ex dirigente di Dior che ha assunto la guida di Prada a gennaio, ha parlato all’anteprima della sfilata Pradasphere II del marchio a Shanghai. Questa è la seconda iterazione del concetto che è stato mostrato per la prima volta a Londra.

Oltre a un’analisi approfondita dell’archivio e dell’identità del marchio, Pradasphere II, esposto in un museo sul fiume Huangpu a Shanghai, comprende anche una caffetteria a tema Prada e un negozio di articoli da regalo in un treno riconvertito parcheggiato accanto al museo.

Secondo D’Attis, questa probabilmente non sarà l’ultima volta che i fan del marchio in Cina potranno godersi qualcosa come il Café Prada, che serve caffè italiano di prima qualità. Lo sviluppo del concetto di ospitalità è nell’agenda del marchio in tutto il mondo, inclusa la Cina, forse nel 2024 o 2025, ha affermato.

READ  Moxy Chelsea, New York - Il viaggiatore d'affari

Il Gruppo Prada, i cui marchi includono anche il classico calzolaio inglese Churches, ha registrato un aumento del 10% nei ricavi del terzo trimestre a novembre, affermando che la forte performance in Asia e in Europa ha contribuito a compensare la debolezza nelle Americhe.

Secondo la società di consulenza Bain, entro il 2030 la Cina dovrebbe rappresentare quasi il 40% delle vendite globali di lusso.

Datis spera che i consumatori cinesi tornino a viaggiare e a fare acquisti in maggior numero in Europa, ma ha affermato che ciò non influenzerà necessariamente le vendite in patria.

“Poiché abbiamo un’offerta esterna diversa da quella interna, riteniamo che non vi sia unbundling”, ha affermato.

“Continueranno a spendere localmente, continueranno a essere trattati come re e regine in Cina, e quando viaggeranno, riceveranno un prodotto diverso… da quello che troverebbero in Cina. Quindi è molto complementare.”

Prada non è l’unico a rimanere ottimista riguardo al mercato cinese dopo la pandemia. Anche se la crescita del lusso nella seconda economia più grande del mondo ha rallentato, spaventando gli investitori, i marchi globali da Louis Vuitton a Chanel hanno recentemente organizzato eventi in città come Shanghai e Shenzhen.