Settembre 27, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il COVID ha bloccato la produzione tessile italiana. La domanda di lana ultrafine australiana si riprenderà?

Nell’ultimo decennio, l’industria tessile italiana ha rilevato la lana ultrafine prodotta in regioni come le Midlands in Tasmania e nel sud-ovest del Victoria, destinata alle fabbriche di lusso del nord del Paese.

Ma mentre l’epidemia si diffondeva in tutta Europa, filatori e fumettisti tacevano.

Andrew Blanche, amministratore delegato di New England Wool, che acquista lana in Australia per due stabilimenti italiani – Reda e Vitale Barberis Canonico – ha affermato che la pandemia non ha solo chiuso le fabbriche, ma ha anche ridotto la domanda di prodotti di lana di lusso.

“E’ stato un momento molto difficile fare in modo che, negli ultimi 18 mesi, l’Europa e soprattutto l’Italia seguissero la Cina e diventassero l’epicentro [of the pandemic]disse il signor Blanche.

“Con i negozi al dettaglio chiusi e le persone che si fermano per viaggiare, tutte le cose che erano usate per vestire tradizionalmente gli uomini d’affari di lana e le loro attività sono chiuse.

Due uomini che controllano lana di alta qualità
Andrew Blanche ha acquistato la lana per conto di due stabilimenti italiani. (

Sarina Look

)

Dal 2015, Reda ha acquistato gran parte della sua lana ultrafine da un gruppo di agricoltori noto come Reda Futures Group.

Quel contratto è terminato l’anno scorso e, poiché il COVID ha messo sotto pressione il produttore, ha optato per un approccio diverso nel 2021.

“Questo gruppo è ancora vivo e vegeto, ma [Reda] Sentivano di aver bisogno di più flessibilità quest’anno per acquistare quando ne avevano bisogno, e ciò di cui avevano bisogno, per tornare in carreggiata”, ha detto Blanche.

“Fortunatamente, questo sta iniziando a seguire. L’Europa sta rapidamente iniziando a uscire dalla situazione COVID e stanno arrivando più ordini.

“Saranno di nuovo nella situazione la prossima stagione”.

Un uomo con un pullover beige e i capelli grigi si trova di fronte a una casa di mattoni in pietra.
Lo splendido produttore Luke Rapley nella sua casa in Tasmania, Plassey. (

ABC Rural: Luke Radford

)

Uno degli agricoltori di Rida è l’agricoltore della Tasmania settentrionale Luke Rapley, che è ottimista sul fatto che l’industria si riprenderà dalla stasi.

“Negli ultimi cinque anni, abbiamo venduto una parte della nostra clip con soddisfazione”, ha detto Rapley.

“Penso che torneranno e ci sosterranno. Non c’è più molta lana intorno a noi, essendo un segmento davvero ben impostato, quindi penso che torneranno e ci sosterranno”.

Cosa dicono gli altri mulini?

È una situazione simile a quella del ramo australiano del produttore di fibre di lusso, Schneider Group.

L’amministratore delegato Tim Moroydal ha dichiarato che nonostante le difficoltà ha continuato a offrire un contratto per il 2021.

“Se si guarda all’anno da gennaio, è stato un periodo molto difficile, ma non c’è dubbio che stiamo vedendo una luce alla fine del tunnel”, ha detto Moroydal.

“Il nostro contratto è ancora valido. Continua a ruotare con ogni mercato. Continua a muoversi con medie a lungo termine e aggiunge premi per la qualità”.

Primo piano delle fibre di lana.
La lana sottile è molto richiesta per la produzione di abbigliamento italiano di lusso.(

ABC Rural: Luke Radford

)

Phoebe Crowell, che rappresenta Vitaly Barberis Canonico (VBC) in Australia, ha affermato che la società ha offerto un contratto per la seconda metà del 2021.

“VBC ha perso oltre il 50% delle vendite di tessuti e dei valori delle fatture nel 2020”, ha affermato.

“L’anno scorso abbiamo fissato un limite al numero di balle che i membri possono impegnare in base al contratto, ma quest’anno non ci sono restrizioni.

“Gli agricoltori possono presentare tutte le balle che ritengono adatte ai criteri di un contratto VBC e VBC prenderà tutte le balle che si adattano alle categorie specifiche che stanno cercando”.

Non c’è limite massimo al numero di balle che un VBC prenderà.

Due falciatrici lavorano mentre una donna rimuove il capannone a mano e la classe di lana dell'ex lana
La lana che non viene venduta sotto contratto con le fabbriche italiane finirà sul mercato libero. (

ABC Rural: Luke Radford

)

Attività di “intensificazione” del processore

Quindi, il mercato sostiene questo nuovo ottimismo?

Robert Hermann, amministratore delegato dell’analisi di mercato di Micardo, ha affermato che i segnali indicano già un ritorno alla normalità.

“Il mercato ha sicuramente sofferto, i numeri non si accumulavano e avevano molte sfide nelle economie europee”, ha detto Hermann.

“Una delle cose che sappiamo è che è difficile prevedere qualcosa al giorno d’oggi, ma i maghi ci hanno detto che la loro attività è in aumento.

“I compratori europei e italiani ci dicono che la domanda è qualcosa che possono vedere aumentare e si aspettano di vederla continuare a farlo”.

READ  Cristiano Ronaldo: il Manchester City è in trattative per firmare l'attaccante della Juventus prima della chiusura del mercato | notizie di calcio