Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il controllo dell’intelligenza artificiale è in cima alla lista delle priorità dell’Italia in vista della presidenza del G7

Il controllo dell’intelligenza artificiale è in cima alla lista delle priorità dell’Italia in vista della presidenza del G7

L’Italia ha fatto della regolamentazione dell’intelligenza artificiale (AI) un obiettivo chiave per il suo mandato come presidente delle nazioni del Gruppo dei Sette (G7).

Primo Ministro italiano Georgia Meloney Fiducioso Piani nazionali verso l’IA, che mira a creare normative che corrispondano al ritmo dell’innovazione a livello di settore. L’Italia guiderà il G7 per i prossimi 12 mesi e si prevede che spingerà per uno sforzo normativo coordinato piuttosto che per un approccio statico tra gli Stati membri.

Gli Stati membri del G7, ovvero Stati Uniti, Canada, Francia, Italia, Gran Bretagna, Germania e Giappone, ospitano sviluppatori di IA avanzati. Aziende leader nel settore dell'intelligenza artificiale, tra cui OpenAI e Google (NASDAQ:Google)Risiedono i paesi del G7, ma l’esatta tabella di marcia dell’Italia per un maggiore controllo normativo rimane poco chiara.

Tuttavia, gli esperti del settore sono pronti a concentrarsi sullo sviluppo di norme in tutta l’Unione Europea (UE) che potrebbero influenzare l’uso dell’intelligenza artificiale sul posto di lavoro, con la sicurezza del lavoro per i dipendenti al vertice della piramide.

“Sono molto preoccupata per l'impatto dell'intelligenza artificiale sul mercato del lavoro”, ha detto Meloni. “Oggi siamo di fronte a una rivoluzione in cui la conoscenza umana rischia di essere sostituita.”

Il primo passo dell’Italia sarebbe quello di convocare una sessione focalizzata sull’intelligenza artificiale per le parti interessate prima del vertice dei leader nel secondo trimestre del 2024. Si prevede che alle sessioni parteciperanno rappresentanti delle principali aziende di intelligenza artificiale e gli esperti sottolineano che le risoluzioni raggiunte costituiranno la base delle regole. dovrebbero essere riciclati dai paesi in via di sviluppo.

READ  NOVOMATIC Italia verso una nuova sede romana. I casinò, tra fisico e digitale

Sebbene l’Italia sia soggetta alla prossima legislazione UE sull’IA, si teme che il nuovo presidente del G7 possa assumere una posizione ancora più dura sull’IA durante il suo mandato. Il Paese ha già vissuto una relazione tumultuosa con AI, che ha geo-controllato ChatGPT in violazione delle leggi nazionali e regionali sulla privacy dei dati.

Dopo un intenso mercanteggiamento, l’Italia ha revocato il divieto su ChatGPT, ma ha aumentato i propri investimenti nella protezione dei consumatori dallo scraping illegale dei dati da parte dello sviluppatore dell’intelligenza artificiale. Le indagini sul trattamento dei dati dei clienti da parte di OpenAI sono descritte dalle autorità italiane come un esercizio di “indagine conoscitiva”.

Oltre all’intelligenza artificiale, l’Italia metterà la guerra in Ucraina e lo sviluppo africano tra le sue priorità durante il suo mandato di presidente del G7.

Uno sforzo globale per regolamentare

Invece di creare normative sull’IA in silos, i paesi si stanno muovendo verso un approccio unificato per stabilire standard normativi per le tecnologie emergenti. Mentre il Regno Unito raggiunge un traguardo storico con 28 paesi che firmano la Dichiarazione di Bletchley, l’UE sta guidando gli sforzi per creare un codice normativo per la regione.

“Incoraggiamo tutti gli attori rilevanti a fornire trasparenza e responsabilità contestualmente adeguate nei loro piani per misurare, monitorare e mitigare le capacità dannose e i relativi impatti che potrebbero emergere”, si legge nel documento.

Le Nazioni Unite (ONU) hanno già segnalato le minacce legate all’intelligenza artificiale entro la metà del 2023, creando un nuovo gruppo consultivo per sviluppare la tecnologia in modo definitivo in una fase iniziale.

READ  Una base navale americana in Italia è stata chiusa a seguito di una sparatoria

Affinché l’intelligenza artificiale (AI) possa funzionare correttamente nel rispetto della legge e affrontare le crescenti sfide, deve integrare un sistema blockchain aziendale che garantisca la qualità e la proprietà dell’input dei dati, consentendo che i dati siano mantenuti al sicuro. dati. Dai un'occhiata alla copertura di CoinGeek Scopri di più su questa tecnologia emergente Perché la Blockchain aziendale sarà la spina dorsale dell'intelligenza artificiale.

Vedi: Blockchain, AI e Web3 al Meetup B2029 a Berlino

Video Youtube

Nuovo su Blockchain? Dai un'occhiata alla sezione Blockchain per principianti di CoinGeek, la guida definitiva alle risorse per saperne di più sulla tecnologia blockchain.