Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Commissione UE si unisce all’Italia sulle restrizioni al traffico austriache

La Commissione UE si unisce all’Italia sulle restrizioni al traffico austriache

Dopo un’approfondita valutazione delle osservazioni scritte e orali di entrambi i paesi, la Commissione conclude che alcune misure austriache limitano il trasporto di merci sulle autostrade A12 e A13 e di conseguenza limitano la libera circolazione delle merci come definita negli articoli 34 e 35 TFUE (TFUE ). funzionamento dell’Unione Europea). Come sottolineato dalla Commissione Europea in una comunicazione ufficiale, queste misure includono il divieto di circolazione notturna, un divieto settoriale di circolazione per alcune merci, un divieto invernale il sabato e la misurazione del traffico pesante in ingresso sulle autostrade.

Sebbene la CE abbia riconosciuto la validità di alcune interpretazioni austriache riguardanti considerazioni ambientali, alla fine ha concluso che le misure mancavano di coerenza e non potevano essere pienamente giustificate per raggiungere gli obiettivi previsti (protezione ambientale, sicurezza stradale, fluidità dei trasporti e sicurezza della catena di approvvigionamento). La CE ha aggiunto che alcune misure colpiscono in modo sproporzionato le società straniere rispetto a quelle austriache.

Tuttavia, l’Italia non ha fornito prove sufficienti a sostegno della sua affermazione di mancanza di leale cooperazione da parte dell’Austria.

Seguendo il giusto parere della Commissione, l’Italia potrebbe decidere di deferire il caso alla Corte di Giustizia dell’UE. Ciò non impedisce alle parti di trovare una soluzione amichevole alla controversia.

Reazioni italiane

Le associazioni italiane hanno accolto favorevolmente la decisione della Commissione elettorale. Riccardo Morelli, presidente dell’Associazione Anita, considera questa una “vittoria significativa per l’Italia e per le aziende che sostengono l’economia italiana trasportando il made in Italy nel Nord Europa.

“La chiara posizione della Commissione europea a sostegno delle nostre argomentazioni conferma che le giustificazioni dell’Austria in merito alla sicurezza stradale e alla protezione dell’ambiente sono obsolete”, ha affermato Thomas Baumgartner, ex amministratore delegato di Anita.

Soddisfatto del parere della Commissione anche Paolo Uggè, responsabile dei trasporti italiano Fai-Conftrasporto.

“Aspettiamo ora la decisione della Corte di giustizia dell’Unione europea, ma le restrizioni devono essere tolte immediatamente e bisogna avviare il dibattito per trovare soluzioni che rispettino l’ambiente e la libera circolazione dei servizi e delle merci.”

Supporto dalla Germania

Markus Ferber, deputato tedesco al Parlamento europeo, ha chiesto l’immediata revoca delle restrizioni austriache.

“La libera circolazione delle merci è una pietra angolare dell’Unione europea e non può essere compromessa”, ha sottolineato.

Ferber ha sottolineato i continui sforzi della commissione per arbitrare e imporre un onere sproporzionato alle società non austriache.

“C’è una chiara disparità di trattamento qui”, ha detto. “Questo è ciò contro cui combatto da anni. La decisione della commissione conferma fermamente questa discriminazione”, ha affermato.

Anche Markus Soder, capo del governo bavarese, ha accolto favorevolmente il parere della commissione elettorale.

“La decisione della CE apre la strada all’Italia per sporgere denuncia alla CGUE”, ha scritto su Facebook. “La Baviera lo sostiene. I divieti stanno danneggiando la nostra economia e distruggendo un importante snodo dei trasporti europei. Accettare il transito con tutti i suoi oneri per residenti e imprese non è più accettabile.