Febbraio 26, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I piloti del volo 516 della Japan Airlines non sapevano che c'era stato un incendio pochi secondi dopo la collisione con un aereo della guardia costiera sulla pista dell'aeroporto di Haneda.

I piloti del volo 516 della Japan Airlines non sapevano che c'era stato un incendio pochi secondi dopo la collisione con un aereo della guardia costiera sulla pista dell'aeroporto di Haneda.

I piloti dell'aereo della Japan Airlines inizialmente non sapevano che il loro aereo era in fiamme dopo una violenta collisione all'aeroporto di Tokyo.

Martedì il volo 516 della Japan Airlines ha ricevuto l'approvazione del controllo del traffico aereo per atterrare all'aeroporto internazionale di Haneda, ma pochi minuti dopo si è scontrato con un aereo della guardia costiera.

Le riprese di una stazione hanno mostrato l'Airbus A350 in collisione con un aereo da pattugliamento marittimo Dash-8 prodotto da Bombardier che si stava preparando a fornire aiuti a seguito di un devastante terremoto di magnitudo 7,6 che ha scosso l'ovest del paese all'inizio di questa settimana.

Miracolosamente, tutti i 379 passeggeri e l'equipaggio a bordo dell'aereo della Japan Airlines sopravvissero dopo essere stati evacuati, ma tragicamente cinque delle sei persone a bordo dell'aereo della Guardia Costiera morirono.

Un portavoce della Japan Airlines ha rivelato che i piloti del volo proveniente da Sapporo non sapevano che il loro aereo era in fiamme dopo lo schianto.

Uno dei 12 assistenti di volo a bordo ha allertato l'equipaggio nella cabina di pilotaggio quando l'aereo danneggiato si è fermato appena fuori dalla pista.

“Subito dopo l'atterraggio dell'aereo, il pilota ha avvertito uno shock improvviso e ha perso il controllo per rimanere sulla pista. Si è verificato un incendio ma i piloti inizialmente non l'hanno riconosciuto e ne sono venuti a conoscenza (tramite) l'assistente di cabina”, ha detto il portavoce all'agenzia stampa. BBC.

Anche il sistema di annunci ha smesso di funzionare dopo la collisione, costringendo gli assistenti di volo a comunicare con i passeggeri urlando e utilizzando gli altoparlanti.

Hanno chiesto ai passeggeri di mantenere la calma e di rimanere ai loro posti, e un video clip mostrava gli assistenti di volo che urlavano tra loro e guardavano fuori dai finestrini dell'aereo.

READ  Come sono stati trovati i kayakisti scomparsi sul fiume Mulgrave

Gli assistenti di volo hanno quindi iniziato a gridare ordini ai passeggeri, dicendo loro di lasciare i bagagli e di iniziare l'evacuazione dell'aereo.

“(Mentre) il fumo ha cominciato ad entrare nella cabina e a diffondersi… (gli assistenti di volo hanno iniziato a gridare) verso i passeggeri, (dicendo): 'Lasciate le vostre cose!', 'Toglietevi i tacchi alti', e 'Scendete, '”, ha detto il portavoce alla BBC.

Credevano che la cooperazione dei passeggeri significasse che sarebbero stati tutti in grado di fuggire in sicurezza tramite tre scivoli di emergenza in circa 90-120 secondi.

Un videoclip a bordo dell'aereo ha mostrato che i passeggeri sono rimasti inizialmente calmi, ma sono diventati ansiosi dopo l'incidente, prima di ascoltare gli ordini dell'equipaggio.

A bordo in quel momento c'erano dodici australiani.

Un giorno fa è stato rivelato che l'aereo della Guardia Costiera non aveva il permesso di entrare o decollare dalla pista 34 a destra.

Secondo le autorità, all'aereo della Japan Airlines è stato permesso di atterrare, mentre all'aereo leggero che trasportava i rifornimenti per il terremoto è stato detto di “dirigersi verso il punto C5”.

Questo è il punto sulla pista in cui gli aerei mantengono la loro posizione per consentire ad altri aerei di decollare o atterrare, mentre i piloti attendono l'autorizzazione a entrare sulla pista attiva.

Il pilota della Guardia Costiera è stato l'unico sopravvissuto quando l'aereo è esploso e ha preso fuoco.

L'uomo avrebbe detto agli investigatori che gli era stato dato il permesso di entrare in pista dal controllo del traffico aereo, che è responsabile del movimento di tutti gli aerei in arrivo o in arrivo all'aeroporto.