Febbraio 26, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I parlamentari conservatori hanno esercitato maggiori pressioni su Rishi Sunak riguardo alla legge sul Ruanda

I parlamentari conservatori hanno esercitato maggiori pressioni su Rishi Sunak riguardo alla legge sul Ruanda
  • Scritto da Chas Geiger
  • Reporter politico

Rishi Sunak sta affrontando una crescente pressione da parte dei parlamentari conservatori sulla legge sul Ruanda.

L'ex ministro degli Interni Suella Braverman ha avvertito che voterà contro se non accetterà “miglioramenti” per rafforzare la legislazione.

Più di 50 parlamentari della destra del partito, inclusa Liz Truss, ora sostengono le iniziative per inasprire la legge.

Il Primo Ministro sta cercando di rilanciare il suo piano di inviare alcuni richiedenti asilo in Ruanda dopo che la Corte Suprema ha dichiarato illegale il precedente piano.

Nel frattempo, l’ex segretario alla Giustizia Sir Robert Buckland, del gruppo centrista di parlamentari One Nation, ha sostenuto tre emendamenti che annacquerebbero alcune parti del disegno di legge.

La signora Braverman, che è stata licenziata da Sunak come ministro degli Interni a novembre, Ha detto a GB News L’attuale versione del disegno di legge “non funziona” e rappresenterebbe un “tradimento del popolo britannico”.

La legislazione tornerà alla Camera dei Comuni martedì e mercoledì prossimi, dove i parlamentari discuteranno e voteranno una serie di emendamenti. Dovrà quindi affrontare un voto finale alla Camera dei Comuni, che dovrà essere inviato ai Lord per un ulteriore esame.

Alla domanda su come voterebbe in questa fase se non ci fossero cambiamenti, la Braverman ha risposto: “Se non ci saranno miglioramenti, dovrò votare contro, temo. Sono stata mandata in Parlamento per votare le cose, essere a favore delle cose o essere contro di esse, non sedersi sul recinto.

Scrivi su X“Dobbiamo reprimere l’immigrazione clandestina ed eliminare le scappatoie sfruttate dagli avvocati attivisti”, ha detto giovedì l’ex primo ministro Truss, precedentemente noto come Twitter.

“È essenziale che la legislazione che approviamo sia solida. Ecco perché sostengo gli emendamenti al disegno di legge”.

L'ex ministro dell'immigrazione Robert Jenrick, che si è dimesso il mese scorso a causa della legislazione e sta coordinando una serie di emendamenti ribelli, ha avvertito che il disegno di legge attualmente redatto “fallirà inevitabilmente”.

Ha aggiunto che gli immigrati clandestini continueranno a ricorrere con successo alla loro deportazione in tribunale, in un nuovo “ciclo di appello”.

Ma il Emendamenti sostenuti da Sir Robert Eliminerebbe alcune disposizioni del disegno di legge che dichiarano il Ruanda un “paese sicuro”, violano le leggi sui diritti umani e costringerebbero i tribunali a ignorare le sentenze provvisorie della Corte europea dei diritti dell’uomo.

Commenta la foto,

Un gruppo di persone ritenute immigrate fu portato a Dungeness, nel Kent

Si afferma che gli obblighi del Regno Unito in materia di diritti umani ai sensi del diritto internazionale devono essere rispettati.

L'ex primo segretario di Stato Damian Green, che presiede il gruppo, ha affermato di aver ricevuto assicurazioni che il disegno di legge non sarà rafforzato. “Il primo ministro mi ha guardato negli occhi e ha detto che non voleva andare oltre”, ha detto. Ha detto un nuovo stato.

Il governo ruandese ha dichiarato che si ritirerà dal programma se non rispetterà gli obblighi internazionali.

Downing Street ha affermato che il governo continuerà a parlare con i parlamentari e a “studiare attentamente” gli emendamenti proposti. La numero 10 ha aggiunto di aver lavorato per garantire che il disegno di legge fosse “forte”.

Ma la portata delle divisioni del partito sulla questione è stata nuovamente evidenziata negli ultimi giorni, con un certo numero di ex ministri, tra cui Sir Iain Duncan Smith e Sir Jacob Rees-Mogg, che hanno appoggiato gli emendamenti dei parlamentari della destra del partito.

“espediente”

Il disegno di legge mira a impedire che i voli vengano lasciati a terra intraprendendo azioni legali dichiarando il Ruanda, secondo la legge britannica, un paese sicuro.

Ciò consentirebbe ai ministri di ignorare gli ordini di emergenza della Corte europea dei diritti dell’uomo che sospendono i voli nel paese mentre viene esaminato un caso legale individuale.

Ma i ribelli insistono sul fatto che permetteranno che la politica venga deragliata da un’ondata di appelli individuali e vogliono inasprire le condizioni alle quali ciò è consentito.

Vogliono anche rendere la posizione predefinita secondo cui i ministri ignoreranno gli ordini della Corte europea dei diritti dell’uomo e bloccheranno i voli.

Il Primo Ministro ha promesso di impedire ai migranti di attraversare il canale su piccole imbarcazioni e afferma che il suo piano in Ruanda fungerà da grande deterrente.

I laburisti sostengono che il progetto è un “espediente” costoso che non funzionerà, e Sir Keir Starmer ha accusato Sunak di essere “preso in ostaggio dal suo stesso partito”.

Afferma che affronterà l’immigrazione clandestina dando priorità alla repressione delle bande di trafficanti.

“Strade sicure”

Il governo ha una maggioranza operativa sui Comuni rispetto agli altri partiti e 56 parlamentari indipendenti, il che significa che 29 parlamentari conservatori dovrebbero votare contro il disegno di legge per respingerlo.

Ma in pratica, questa maggioranza è più ampia perché alcuni rappresentanti indipendenti solitamente votano con il governo mentre altri tendono ad essere assenti.

Inoltre, è probabile che alcuni ribelli Tory si asterranno, mentre altri potrebbero anche votare con il governo.

Se il disegno di legge dovesse passare alla Camera dei Comuni, probabilmente dovrà affrontare una prolungata opposizione alla Camera dei Lord.

Gli attivisti sostengono da tempo che il governo deve fornire percorsi sicuri per le persone che cercano rifugio dalla guerra e dalla repressione, per contribuire a contrastare l’immigrazione clandestina.

Il numero 10 ha affermato che esiste già un gran numero di rotte e che la sua priorità è proteggere i confini del Regno Unito.

Il portavoce del Primo Ministro ha aggiunto: “Mentre la compassione del Regno Unito è chiaramente illimitata, la nostra capacità non lo è”.

In una dichiarazione scritta al Parlamento, il ministro dell'Interno James Cleverly ha affermato che il rapporto riafferma “l'impegno del governo a fornire percorsi sicuri e legali a coloro che ne hanno più bisogno”.

Ha aggiunto: “Mentre controlliamo i numeri, terremo sotto controllo se siamo in grado di fare di più per sostenere i rifugiati vulnerabili e se dobbiamo considerare nuovi metodi sicuri e legali”.

L’amministratore delegato del Refugee Council, Anwar Solomon, ha descritto il rapporto come “tristemente inadeguato, senza alcun impegno reale ad espandere rotte sicure per i rifugiati provenienti da paesi dilaniati dalla guerra come il Sudan e la Siria, e per coloro che fuggono da regimi repressivi in ​​paesi come l’Iran”.

“Concentrandosi semplicemente sulla descrizione degli schemi limitati esistenti, il governo ha completamente ignorato l’urgente necessità di ridurre i pericolosi attraversamenti della Manica fornendo un passaggio sicuro verso le nostre coste”, ha affermato.