Maggio 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

YouTube vieta i video di una canzone di protesta a Hong Kong dopo un’ordinanza del tribunale locale

YouTube vieta i video di una canzone di protesta a Hong Kong dopo un’ordinanza del tribunale locale

Tyrone Siu/Reuters/File

Un gruppo di musicisti suona la canzone “Glory to Hong Kong” durante un flash mob di protesta in un centro commerciale a Kowloon Tong, Hong Kong, il 18 settembre 2019.



CNN

YouTube ha bloccato l’accesso a una popolare canzone di protesta a Hong Kong, una settimana dopo che un tribunale della città ha approvato la richiesta del governo di vietare l’inno nazionale.

In una dichiarazione di mercoledì, YouTube ha affermato che 32 collegamenti web con la canzone “Glory to Hong Kong” sono stati geo-bloccati e non sono ora disponibili nella città semi-autonoma cinese dopo un’ordinanza del tribunale.

I tentativi di accedere ai video, che includono il linguaggio dei segni e le versioni strumentali della canzone, da Hong Kong hanno prodotto messaggi come “Questo contenuto non è disponibile in questo Paese a causa di un’ordinanza del tribunale” o “Questo video non è più disponibile”.

“Siamo delusi dalla decisione del tribunale, ma stiamo rispettando l’ordine di rimozione bloccando l’accesso ai video elencati per gli spettatori di Hong Kong. Continueremo a considerare le nostre opzioni di ricorso, per migliorare l’accesso alle informazioni”, ha detto un portavoce di YouTube in una risposta via email alla CNN.

Google (Google), che possiede YouTube, ha dichiarato alla CNN in una risposta via email la scorsa settimana che stava “riesaminando la sentenza della corte”.

La CNN ha anche contattato Meta (morto) – che possiede Facebook, WhatsApp, Instagram e Spotify (macchiare).

“Glory to Hong Kong” è stato composto da un musicista sotto pseudonimo nell’agosto 2019 ed è diventato l’inno non ufficiale delle proteste pro-democrazia. Le autorità si oppongono da tempo a quelle che secondo loro sono le sfumature separatiste della canzone.

READ  La Russia afferma di aver sventato un attacco missilistico ucraino sul ponte di Crimea e di aver abbattuto 20 droni

La poesia contiene testi che fanno riferimento alla frase “Liberate Hong Kong, la rivoluzione del nostro tempo”, uno slogan di protesta già esistente Vietato Nel 2020. Il governo e i tribunali di Hong Kong hanno affermato che la frase aveva connotazioni separatiste e sovversive.

L’Asian Internet Alliance, che include Spotify e Meta come membri, ha affermato che sta “valutando le implicazioni della decisione”, compreso il modo in cui verrà implementata l’ingiunzione, per determinarne l’impatto sulle aziende.

“Crediamo che una Internet libera e aperta sia fondamentale per le ambizioni della città di diventare un hub globale per la tecnologia e l’innovazione”, ha affermato Geoff Payne, amministratore delegato del gruppo.

La CNN ha contattato il Ministero della Giustizia di Hong Kong per un commento.

Negli ultimi due anni, in occasione di eventi sportivi internazionali che coinvolgevano squadre di Hong Kong, è stata erroneamente suonata “Gloria a Hong Kong” al posto dell’inno nazionale cinese “Marcia dei Volontari”.

Politici e funzionari pro-Pechino, tra cui il ministro della Giustizia della città, Paul Lam, hanno accusato l’algoritmo di Google di aver consentito alla canzone di apparire in cima alle ricerche.

Lo scorso giugno, il Ministero della Giustizia di Hong Kong ha presentato un’ingiunzione chiedendo il divieto di trasmettere o distribuire la canzone. L’ingiunzione è stata inizialmente respinta, ma è stata annullata la settimana scorsa dopo l’appello.

A Hong Kong sono state promesse le libertà fondamentali e l’autonomia per gestire i propri affari dopo il suo passaggio dal dominio britannico alla Cina nel 1997. Di conseguenza, è fiorita come un bastione della libertà di parola e di espressione creativa all’interno della Cina autoritaria.

READ  La Francia è stata colpita da uno sciopero nazionale mentre i sindacati combattono le riforme dell'età pensionabile di Emmanuel Macron

Ma da allora la repressione del dissenso sulla scia delle proteste democratiche ha trasformato la città, soprattutto dopo la rivoluzione Una legge completa sulla sicurezza nazionale Pechino lo ha imposto nel 2020. Quest’anno è stato approvato un secondo disegno di legge sulla sicurezza interna, noto come Articolo 23, che prende di mira gli atti di sedizione, spionaggio e interferenza straniera.

I leader della Cina e di Hong Kong affermano che le leggi sono necessarie come parte del loro tentativo di “ripristinare la stabilità” sulla scia delle massicce e spesso violente proteste democratiche del 2019, e affermano che la loro legislazione è simile ad altre leggi sulla sicurezza nazionale in tutto il mondo.