Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I manifestanti iraniani incolpano il governo per il crollo dell’edificio che ha ucciso 34 persone, cantando “Morte a Khamenei”

I video online mostravano manifestanti iraniani arrabbiati per il crollo di un edificio mortale che ha ucciso almeno 34 persone nel sud-ovest della provincia, cantando slogan antigovernativi tra cui “Morte a Khamenei”.

Le autorità incolpano il crollo dell’edificio residenziale e commerciale di 10 piani ad Abadan il 23 maggio sulla corruzione individuale e sulla scarsa sicurezza e affermano che 13 persone sono state finora arrestate per reati edilizi.

Ma i manifestanti in diverse città dell’Iran incolpano la negligenza del governo e la corruzione endemica per la tragedia.

Grida di “Morte a Khamenei”, un riferimento al leader supremo Ali Khamenei, sono state ascoltate in un video non verificato pubblicato su Twitter lunedì sera, che fa riferimento alla posizione del distretto di Naziabad a sud di Teheran.

Gli slogan contro Khamenei sono una linea rossa per la Repubblica islamica.

Un altro video non verificato mostra la polizia antisommossa che guida in moto nella stessa zona, apparentemente per disturbare o intimidire i manifestanti.

E nella città portuale meridionale di Bushehr, i manifestanti sono stati ascoltati cantare “Morte al dittatore”, anche in riferimento a Khamenei.

“Stanno mentendo perché è l’America – il nostro nemico è qui”, hanno gridato, uno slogan comune durante le proteste anti-governative in Iran.

Anche i video delle proteste in altre città iraniane sono stati pubblicati sui social media.

I funzionari hanno affermato che il bilancio delle vittime è salito a 34 martedì, con 37 feriti, mentre i soccorritori hanno continuato a cercare le vittime sotto le macerie.

READ  Perché il Giappone ha uno dei tassi di mortalità per coronavirus più bassi al mondo senza mandati