Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I lavoratori europei sono diffidenti nel chiedere aumenti salariali nonostante l’inflazione

Contenuto dell’articolo

(Bloomberg) – Iscriviti alla newsletter New Economy Daily, seguici sull’economia e iscriviti al nostro podcast.

I lavoratori della più grande economia europea sono tra i meno propensi a cercare un aumento salariale l’anno prossimo, nonostante sentano alcune delle maggiori pressioni dovute all’aumento dei prezzi.

Questo è il risultato di un sondaggio globale condotto da YouGov Plc e condiviso in esclusiva con Bloomberg News. Potrebbe alleviare le preoccupazioni nelle banche centrali sulla possibilità di una spirale inflazionistica dei salari.

Annuncio 2

Contenuto dell’articolo

L’indagine, che ha riguardato 18 paesi e ha coinvolto 20.000 persone, ha mostrato che solo un lavoratore su cinque in Spagna e uno su quattro in Germania, prevede di chiedere un aumento di stipendio. Nel Regno Unito, dove i responsabili politici sono stati particolarmente preoccupati per gli accordi salariali elevati, la cifra è del 30%. Ciò si confronta con il 40% negli Stati Uniti e oltre il 70% in Indonesia, India ed Emirati Arabi Uniti.

Con l’inflazione in aumento in tutto il mondo e probabilmente in aumento a causa dell’impatto della guerra in Ucraina, i banchieri centrali stanno diventando sempre più preoccupati per i cosiddetti effetti di secondo impatto sull’inflazione. È qui che i prezzi più alti si traducono in richieste salariali più elevate, che poi costringono le aziende ad aumentare i prezzi ancora di più.

Il governatore della Banca d’Inghilterra Andrew Bailey è stato particolarmente esplicito sui rischi, suscitando polemiche invitando i dipendenti a esercitare moderazione nelle loro richieste salariali. Il presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell ha espresso preoccupazione simile, anche se in modo meno allarmante.

READ  Il commissario Sinkevicius la prossima settimana all'EMD 2022 di Ravenna

Pubblicità 3

Contenuto dell’articolo

Il quadro è leggermente diverso nell’Eurozona, dove i responsabili politici hanno ripetutamente affermato che, nonostante l’inflazione intorno al 6%, la crescita salariale rimane generalmente contenuta. Il presidente della Bundesbank Joachim Nagel ha dichiarato la scorsa settimana che al momento “non ci sono indicazioni” di una spirale salariale di una spirale al ribasso.

Questa opinione sembra corretta con i numeri del sondaggio YouGov, condotto tra il 22 febbraio e l’8 marzo. A livello mondiale, il 35% ha dichiarato che richiederebbe un aumento compreso tra il 2,1% e il 5%.

In Gran Bretagna, dove l’inflazione è già al 5,5% e potrebbe raggiungere la doppia cifra entro la fine dell’anno, più della metà degli intervistati ha dichiarato che chiederebbe un aumento inferiore al 5%. Rispetto al 42% negli Stati Uniti

Pubblicità 4

Contenuto dell’articolo

Mentre i lavoratori tedeschi e italiani erano meno propensi a chiedere aumenti in generale, quelli che pianificavano di soddisfare le richieste erano più aggressivi, con oltre il 40% che chiedeva aumenti del 5% o più.

Il volume degli ordini variava in tutto il mondo, ma le ragioni per non cercare un salario più alto erano molto simili. In tutti i paesi tranne la Danimarca, la maggior parte di coloro che non cercano un aumento ha affermato che non c’era “alcuna possibilità che il datore di lavoro ne desse uno”. Il paese scandinavo ha anche riportato indietro la maggior parte dei lavoratori, dicendo che sono contenti del ritmo attuale.

READ  La prossima crisi dell'euro è appena iniziata

Le richieste silenziose sono ancora più impressionanti rispetto all’aumento del costo della vita in molti paesi, con l’aumento dei prezzi dell’energia e problemi di approvvigionamento legati alla pandemia che fanno aumentare le bollette della famiglia. Circa il 90% delle persone in Spagna, Italia, Germania e Regno Unito – che erano tra le meno probabilità di guadagnare salari più alti – ha affermato che il costo della vita è aumentato per loro negli ultimi 12 mesi.

© Bloomberg LP 2022

Bloomberg

Annunci