Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Italia: PMI manifatturiero di aprile a 47,3 rispetto al 50,0 previsto

Italia: PMI manifatturiero di aprile a 47,3 rispetto al 50,0 previsto

Ciò è un peccato in quanto il settore manifatturiero italiano torna a contrarsi ad aprile. Si sono verificati nuovi cali della produzione e nuovi ordini, con anche i prezzi dei fattori produttivi in ​​aumento per la prima volta da gennaio 2023. Osserva l’HCOB:

“Il settore manifatturiero italiano ha fatto un passo indietro.Ad aprile, l’HCOB Manufacturing PMI è sceso appena un mese dopo aver superato la soglia di 50,0. Ciò suggerisce che l’economia potrebbe non essere sulla strada di una forte ripresa come si pensava in precedenza L’inflazione dei prezzi dei fattori di produzione e dei tassi di interesse stanno rendendo la vita difficile all’industria italiana.

“C’è molta ombra e poca luce. Per trarre ottimismo dai numeri bisogna guardare attentamente. L’indice sull’occupazione è sceso ad aprile rispetto al mese precedente ma mostra comunque una crescita della domanda di manufatti italiani continua ad essere debole, La tendenza al rialzo dell’occupazione potrebbe essere invertita Un’altra fonte di ottimismo è il miglioramento dei tempi di consegna dei fornitori nonostante le continue tensioni nel Mar Rosso. Tuttavia, il significativo allentamento delle catene di approvvigionamento riflette anche la debole situazione della domanda.

“I timori di inflazione stanno riemergendo nel settore. La recente debolezza della domanda è esacerbata dall’aumento dei prezzi dei fattori di produzione. Uno sguardo ai mercati petroliferi rivela che le tensioni geopolitiche in aprile, ad esempio, hanno spinto brevemente il prezzo del greggio Brent sopra i 90 dollari al barile aziende Nel settore industriale analizzato i prezzi di produzione hanno dovuto essere ridotti a causa della debolezza della domanda e l’indice dei prezzi alla produzione, pur essendo aumentato rispetto al mese precedente, resta per il momento in zona di contrazione.

“Le prospettive sono contrastanti. Il totale degli ordini esteri è diminuito in modo significativo rispetto al mese precedente. La contrazione, soprattutto nei nuovi ordini dall’estero, è preoccupante e dovrebbe continuare a essere attentamente monitorata. Sorprendentemente, l’indice della produzione futura è ben al di sopra del suo trend storico. ” indicano le aziende intervistate. Lo studio cita le speranze di una ripresa del mercato come fonte primaria del suo ottimismo.