Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli scienziati hanno scoperto strumenti avanzati risalenti a 1,1 milioni di anni fa in Cina

Gli scienziati hanno scoperto strumenti avanzati risalenti a 1,1 milioni di anni fa in Cina

Uno studio innovativo rivela che più di 1,1 milioni di anni fa l’Asia orientale era abitata da ominini con capacità avanzate di costruzione di utensili equivalenti alla tecnologia Modalità 2, mettendo in discussione le tempistiche precedenti e le percezioni dei primi sviluppi tecnologici nella regione. La scoperta, che mette in luce tecnologie e layout sofisticati, segnala una rivalutazione della cultura e delle relazioni umane primitive in tutta l’Eurasia. (AE) Le scaglie sottili vengono deliberatamente rotte e utilizzate come grezzi per il ritocco di utensili torniti. (GI) Punti rivisti unilateralmente. (g) Esercitazioni. Credito: IVPP

Un nuovo studio condotto nel bacino del Nihuan in Cina rivela che ominini con capacità avanzate di macinazione equivalenti ai vantaggi tecnologici del Modo 2 occupavano l’Asia orientale 1,1 milioni di anni fa (Ma), 0,3 milioni di anni prima della data associata al protozoo. Asce a mano sono state trovate nell'Asia orientale. Ciò suggerisce che gli ominini di tipo 2 si siano dispersi nell’Asia orientale molto prima di quanto si pensasse in precedenza.

Lo studio condotto da un team congiunto guidato dal professor PEI Shuwen dell'Istituto di Paleontologia e Paleoantropologia dei vertebrati (IVPP) dell'Accademia cinese delle scienze e dal professor Ignacio de la Torre dell'Istituto di storia del Consiglio nazionale delle ricerche spagnolo (CSIC) è stato pubblicato in Con le persone il 4 marzo, fornendo informazioni sui primi processi di dispersione e adattamento degli ominidi in Eurasia.

Tecniche avanzate di realizzazione di utensili

Ricostruendo gli assemblaggi di rigenerazione di Cenjiawan dal bacino di Nihewan, il gruppo di ricerca ha scoperto tecniche di sfaldamento strutturato volte a produrre scaglie sottili preparando il nucleo sia sulla piattaforma d'impatto che sulla superficie di sfaldamento. Un processo operativo uniforme non è stato dimostrato solo dai lotti di rifornimento: gran parte del prodotto è stato separato in ogni fase del processo, fornendo una forte prova di una configurazione di base uniforme.

Grafico operativo della tecnologia di base preparato e dei prodotti precedentemente definiti in CJW

Schema operativo della tecnologia di base preparata (A e B) e dei prodotti precedentemente definiti nel CJW (C e D). Credito: IVPP

Le tecniche di base sviluppate erano caratterizzate da metodi sistematici per ottenere scaglie predeterminate che richiedevano una pianificazione dettagliata e una profonda comprensione dei meccanismi delle scaglie, originari dell'Acheuliano e soprattutto più di 1 milione di anni fa.

READ  Viasat-3 potenza e resilienza nella banda larga satellitare

Per quanto riguarda gli utensili modificati, l'analisi tecnologica dei prodotti riattrezzati separati dalla tecnologia di base preparata indica la rottura intenzionale a metà dei wafer sottili. Una o più parti risultanti sono state quindi selezionate come grezzi per il ritocco, con l'obiettivo di creare strumenti invertiti con due lati ravvicinati, modificando così in modo significativo la forma originale dei grezzi.

Inoltre, modelli di strumenti di ritocco come punte e trapani, che mostravano uniformità di forma dello strumento, sono anche ben documentati nel gruppo Xingiawan, indicando modelli mentali complessi tra i produttori di strumenti Xingiawan.

Complessità della costruzione di utensili nel Pleistocene inferiore

La tecnologia di base consolidata, i prodotti predefiniti standardizzati e le forme degli strumenti di ritocco, combinati con l'alto livello di precisione manuale, le sequenze di riduzione segmentate, le lunghe sequenze di riduzione e la gestione sistematica delle materie prime documentate nel Gruppo Cenjiawan, forniscono prove convincenti di capacità tecniche complesse . e comportamenti di pianificazione approfonditi tra gli ominini del Pleistocene iniziale nell'Asia orientale.

Posizione CJW e litologia del profilo CJW e corrispondente scala temporale della polarità magnetica

Posizione CJW e litologia del profilo CJW e corrispondente scala temporale della polarità magnetica. Credito: IVPP

“I comportamenti tecnologici avanzati documentati nel sito di Cenjiawan assomigliano a quelli della tecnologia Modalità 2, piuttosto che alla semplicità tecnica attribuita alla Modalità 1”, ha affermato il dottor Ma Dong Dong, primo autore dello studio, che ha condotto la ricerca durante il suo dottorato. presso IVPP e attualmente lavora come ricercatore post-dottorato presso l'Istituto di Storia del CISC.

La tecnologia del Paleolitico inferiore in Cina è stata a lungo considerata semplice (simile a Oldowan/Modo 1) e omogenea prima del tardo Pleistocene. Le prove convincenti del gruppo Xingyawan forniscono una nuova prospettiva per comprendere il sistema di microdebito cinese e potrebbero costringerci a riconsiderare l’attuale percezione della stagnazione tecnologica nell’Asia orientale.

READ  I grandi dinosauri predatori, come il T. rex, hanno sviluppato diverse forme delle orbite per consentire morsi più forti.

Gli autori sostengono che le caratteristiche tecnologiche, non semplicemente la presenza o l’assenza di tipi specifici di strumenti (come le asce), dovrebbero essere la base per studiare gli assemblaggi del Pleistocene inferiore e medio nell’Asia orientale. Ciò consente una comprensione più integrata della tecnologia Modalità 2 nonché delle connessioni umane, culturali e biologiche tra l’Asia orientale e altre regioni del mondo antico.

Riferimento: “La prima tecnologia di base preparata in Eurasia da Nihuan (Cina): implicazioni per le prime capacità umane e la loro diffusione nell'Asia orientale” di Dong-Dong Ma, Xu Wen Bi, Fei Shih, Qi Yi, Fa Gang Wang, Jing- Yu Xu, Cheng Long Deng e Ignacio de la Torre, 4 marzo 2024, Atti dell'Accademia Nazionale delle Scienze.
doi: 10.1073/pnas.2313123121