Giugno 15, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il primo caso umano del virus dell’influenza aviaria H10N3 è stato confermato in Cina, ma dice che è improbabile che si diffonda ampiamente tra le persone.

La Cina ha segnalato martedì la prima infezione umana al mondo con il ceppo di influenza aviaria H10N3, ma ha affermato che il rischio che si diffonda ampiamente tra le persone è basso.

La Commissione sanitaria nazionale cinese ha dichiarato in una dichiarazione online che un uomo di 41 anni è stato portato in un ospedale con sintomi di febbre nella città orientale di Zhenjiang il 28 aprile e un mese dopo gli è stato diagnosticato il virus H10N3.

“Il rischio che la malattia si diffonda su larga scala è molto basso”, ha detto il comitato, aggiungendo che l’uomo era in condizioni stabili e non erano state segnalate “anomalie” dai suoi conoscenti.

Non c’erano informazioni sull’infezione dell’uomo con la malattia.

H10N3 è stato descritto come avente una bassa patogenicità – meno probabilità di causare morte o malattie gravi – negli uccelli.

La Commissione sanitaria nazionale ha affermato che non sono stati segnalati casi umani di virus H10N3 nel mondo.

Diversi ceppi di influenza aviaria sono stati trovati tra gli animali in Cina, ma i focolai nell’uomo sono rari.

L’ultima pandemia umana di influenza aviaria si è verificata in Cina tra la fine del 2016 e il 2017, con il virus H7N9.

Il virus H7N9 ha infettato 1.668 persone e ucciso 616 persone dal 2013, secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura.

Sulla scia dei recenti focolai di influenza aviaria in Africa ed Eurasia, la scorsa settimana il capo del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie ha sollecitato un monitoraggio più rigoroso degli allevamenti di pollame, dei mercati e degli uccelli selvatici.

READ  IDPH ha riportato 5 decessi aggiuntivi da COVID-19 e 691 nuovi test positivi

Covid-19 È stato scoperto per la prima volta in un mercato alimentare e animale nella città centrale cinese di Wuhan alla fine del 2019.