Dicembre 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Decifrare il codice segreto dell’imperatore Carlo V cinque secoli dopo | Spagna

Un team di ricercatori ha scoperto un codice vecchio di cinque secoli che rivela un presunto complotto francese per uccidere un imperatore e re romano Spagna Carlo F.

Carlo fu uno degli uomini più potenti del XVI secolo, presiedendo un vasto impero che conquistò gran parte dell’Occidente Europa E le Americhe in un’epoca durata più di 40 anni.

La squadra è stata prelevata dal Loria Research Laboratory in Oriente Francia Sei mesi per decifrare la lettera che l’imperatore scrisse nel 1547 al suo ambasciatore in Francia. Il periodo turbolento vide una serie di guerre e tensioni tra la Spagna e la Francia, che all’epoca era governata da Francesco I, il sovrano del Rinascimento che portò Leonardo da Vinci dall’Italia.

La lettera di Carlo V a Jean de Saint-Maurice è rimasta per secoli dimenticata nelle collezioni della Biblioteca Stanislas di Nancy. Cecile Pierrot, un crittografo di Loria Lab, ha sentito parlare per la prima volta della sua esistenza a una cena nel 2019 e, dopo molte ricerche, è riuscita a individuarlo nel 2021.

Mercoledì ha detto ai giornalisti che la firma, recante la firma di Carlo V, era vaga e del tutto incomprensibile.

Cécile Pierrot (a sinistra) e il principale docente di storia moderna Camille Disinclus (a destra) spiegano il processo di decodifica di un messaggio in codice di Carlo V. Foto: Jean-Christophe Verhagen/AFP/Getty Images

In un lavoro scrupoloso supportato dai computer, Pierrot ha trovato “famiglie illustri” di circa 120 simboli usati da Carlo V. “Le parole intere sono codificate con un unico simbolo” e l’imperatore ha sostituito le vocali che vengono dopo le consonanti con segni, ha detto, con l’ispirazione probabilmente proveniente dall’arabo.

In un altro ostacolo, ha usato simboli privi di significato per fuorviare qualsiasi avversario che cercasse di decifrare il messaggio.

La svolta è arrivata a giugno quando Pierrot è riuscito a digitare una frase nel messaggio, poi il team ha decifrato il codice con l’aiuto della storica Camille Disinclus. “È stato un lavoro lungo e duro”, ha detto, “ma c’è stata davvero una tale svolta avvenuta in un giorno che improvvisamente abbiamo avuto la premessa giusta”.

Anche un’altra lettera di Jean de Saint-Maurice, in cui il destinatario ha disegnato a margine una qualche forma di simbolo di copia, ha aiutato.

Disinclus ha detto che era “raro come storico che potesse leggere una lettera che nessuno era stato in grado di leggere per cinque secoli”. Disse che “conferma lo stato alquanto deteriorato” nel 1547 dei rapporti tra Francesco I e Carlo V, che tre anni prima avevano firmato un trattato di pace.

I rapporti erano tesi tra i due, con vari tentativi di indebolirsi a vicenda. Una delle informazioni che sono state scoperte, ha detto Disinclus, era una voce di un complotto per l’assassinio contro Carlo V che si diceva fosse in preparazione in Francia. “Non si sapeva molto” del complotto, ha detto, ma ha confermato la paura del re.

I ricercatori ora sperano di identificare altri messaggi tra l’imperatore e il suo ambasciatore, “per avere una rapida occhiata alla strategia di Carlo V in Europa”.

“È probabile che faremo altre scoperte nei prossimi anni”, ha aggiunto Disinclus.

READ  Terremoto di Bali: turisti e gente del posto scossi da un terremoto di magnitudo 5,5