Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Xi afferma che la “riunificazione” della Cina con Taiwan è inevitabile

Xi afferma che la “riunificazione” della Cina con Taiwan è inevitabile

Tsai ha aggiunto che la Cina dovrebbe rispettare il risultato elettorale a Taiwan, ed è responsabilità di entrambe le parti mantenere la pace e la stabilità nello Stretto.

La Cina ha visto le elezioni come una scelta tra guerra e pace e ha rifiutato molteplici offerte di colloqui da parte di Tsai, ritenendo che fossero separatisti.

Tsai ha considerato prioritario il rafforzamento e la modernizzazione delle difese di Taiwan, compreso l’avanzamento di un programma sottomarino interno.

“Tutte le case hanno le serrature, questo non è per provocare i vicini ma per essere più sicuri. Lo stesso vale per le porte del Paese. Il popolo di Taiwan vuole la pace, ma noi vogliamo la pace con rispetto”, ha aggiunto.

Il governo di Taiwan ha ripetutamente avvertito che la Cina sta cercando di interferire nelle elezioni, attraverso la disinformazione o pressioni militari e commerciali, e Tsai spera che la gente sia attenta a questo.

La Cina ha accusato Taiwan di erigere barriere commerciali e ha posto fine ad alcuni tagli tariffari sull’isola. La settimana scorsa ha minacciato di adottare ulteriori misure economiche.

La Cina si è opposta in particolare all'attuale vicepresidente Lai Ching-te, il candidato presidenziale del Partito Democratico al governo di Taiwan, che è in testa nei sondaggi d'opinione.

Sia il Partito Democratico Progressista che il Kuomintang, il più grande partito di opposizione di Taiwan, sostengono che solo il popolo dell'isola può decidere del proprio futuro.

Tsai non potrà ricandidarsi dopo due mandati. Si dimetterà a maggio, quando presterà giuramento il prossimo presidente.

La Cina considera Taiwan il suo “territorio sacro” e non ha mai rinunciato all'uso della forza per portarla sotto il controllo cinese, anche se Xi non ha menzionato minacce militari nel suo discorso trasmesso dalla televisione di Stato.

READ  NSW Pfizer Covid-19 Vaccini prioritari per i giovani a Sydney - Chi è idoneo e come prenotare

“La riunificazione della madrepatria è un’inevitabilità storica”, ha detto Xi nel suo discorso di Capodanno, anche se la traduzione ufficiale in inglese delle sue osservazioni pubblicata dalla Xinhua News Agency utilizzava una frase più semplice: “La Cina sarà sicuramente riunificata”.

“I cittadini su entrambi i lati dello Stretto di Taiwan dovrebbero aderire ad un comune senso di scopo e condividere la gloria del ringiovanimento della nazione cinese”, ha aggiunto. La traduzione ufficiale inglese scriveva “all Chinese” invece di “citizens”.

L’anno scorso, Xi Jinping ha affermato soltanto che le persone su entrambi i lati dello Stretto sono “membri della stessa famiglia” e che spera che le persone di entrambe le parti lavorino insieme per “promuovere congiuntamente la prosperità duratura della nazione cinese”.

Chen Binhua, portavoce dell'Ufficio cinese per gli affari di Taiwan, ha affermato che dal 2016, quando la presidente Tsai Ing-wen è entrata in carica, il governo guidato dal Partito democratico progressista ha promosso il separatismo ed è una “mente criminale” nell'ostacolare gli scambi attraverso lo Stretto e nel danneggiare il interessi del popolo taiwanese.

“In quanto figura di spicco delle autorità del DPP e attuale presidente del partito Lai Cheng Tee, non può sottrarsi alla sua responsabilità per questo”, ha aggiunto.

Tsai e Lai si sono ripetutamente offerti di intrattenere colloqui con la Cina, ma sono stati respinti.

Il Partito Democratico Progressista sostiene che solo il popolo di Taiwan può decidere del suo futuro, così come il principale rivale elettorale di Lai, Hu Yu-a del Kuomintang, il più grande partito di opposizione di Taiwan.

Il Kuomintang è tradizionalmente favorevole a strette relazioni con la Cina, ma nega fermamente il suo sostegno a Pechino. Il signor Ho ha anche denunciato il signor Lai come indipendentista.

READ  L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha messo in guardia contro la limitazione dei posti sulla questione dell'interferenza elettorale

Il governo sconfitto della Repubblica Cinese fuggì a Taiwan nel 1949 dopo aver perso una guerra civile con i comunisti di Mao Zedong, che fondarono la Repubblica popolare cinese. La Repubblica di Cina rimane il nome ufficiale di Taiwan.

Reuters