Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Vaccino Covid-19: il tempo tra le dosi di Pfizer e Moderna Covid-19 può arrivare fino a 8 settimane per alcune persone, secondo le linee guida aggiornate del CDC.

Le indicazioni precedenti indicavano che le seconde dosi dovrebbero essere somministrate tre settimane dopo la prima iniezione di Pfizer o quattro settimane dopo la prima iniezione di Moderna. I vaccini rimangono sicuri ed efficaci nei loro periodi originali, ha affermato il CDC, ma l’estensione dell’intervallo può ridurre il rischio di sviluppare miocardite, un tipo di infiammazione cardiaca, in alcune popolazioni. Rari casi di miocardite sono stati segnalati principalmente dopo la seconda dose di vaccini mRNA Covid-19, con i maschi di età compresa tra 12 e 29 anni a rischio più elevato.

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno dichiarato: “Mentre il rischio assoluto rimane piccolo, il rischio relativo di sviluppare miocardite è più alto per i maschi di età compresa tra 12 e 39 anni e questo rischio può essere ridotto estendendo l’intervallo tra la prima e la seconda dose”, ha detto, indicando alcuni studi sugli anziani. Più di 12 hanno mostrato che “il piccolo rischio di sviluppare miocardite associata ai vaccini mRNA COVID-19 e la massima risposta anticorpale e l’efficacia del vaccino possono essere ridotti con un periodo superiore a 4 settimane”.

“Un intervallo di 8 settimane può essere ottimale per alcune persone di età pari o superiore a 12 anni, e in particolare per i maschi di età compresa tra 12 e 39 anni”, afferma la nuova guida.

Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) afferma che il periodo di tre o quattro settimane è ancora raccomandato per le persone con un’immunità moderatamente o gravemente compromessa, gli adulti di età pari o superiore a 65 anni “e altri che necessitano di una protezione rapida a causa della crescente preoccupazione per la trasmissione nella comunità o il rischio di malattia grave”. Non ci sono dati su bambini di età inferiore agli 11 anni, quindi questo gruppo è ancora raccomandato per un secondo vaccino Pfizer tre settimane dopo la prima dose.

Le dosi di richiamo continuano ad essere raccomandate per la maggior parte delle persone cinque mesi dopo la serie iniziale di due dosi del vaccino mRNA, o due mesi dopo la dose iniziale di vaccino monodose di Johnson & Johnson.

READ  Un nuovo studio afferma che camminare ogni giorno può ridurre significativamente il rischio di malattia di Alzheimer

In una riunione del Comitato consultivo indipendente sulle pratiche di immunizzazione dei Centers for Disease Control and Prevention all’inizio di questo mese, i funzionari dell’agenzia hanno suggerito che la guida potrebbe essere aggiornata per raccomandare di allungare l’intervallo tra la prima e la seconda dose di vaccini mRNA.

La dottoressa Sarah Oliver del CDC, ufficiale dell’intelligence epidemiologica per la Divisione delle malattie virali, ha detto al comitato che i tassi di miocardite erano più bassi con intervalli estesi tra la prima e la seconda dose. Tuttavia, i vantaggi di ricevere il vaccino Pfizer o Moderna sono ancora evidenti, indipendentemente dal tempo tra le iniezioni, ha affermato.

“I benefici dei due vaccini mRNA superano di gran lunga il rischio di sviluppare miocardite rispetto a nessun vaccino”, ha detto Oliver.