Dicembre 3, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

uno o due? L’ospitalità di Melbourne riapre nel caos a causa di regole contraddittorie della tabella di marcia

Il ristorante Melbourne desidera ardentemente ha riaperto in disordine a causa di messaggi contraddittori e confusi dal governo vittoriano. La confusione sta nell’obbligo di vaccinazione degli operatori dell’ospitalità: servono una o due dosi per poter andare al lavoro?

L’attuale guida legale richiede ai lavoratori di avere una singola dose entro venerdì 22 ottobre, il giorno in cui i ristoranti di Melbourne possono aprire le loro porte a 20 clienti all’interno e 50 all’esterno. La stessa direttiva, in scadenza giovedì 21 ottobre, prevede anche che i lavoratori dell’ospitalità debbano ricevere la seconda dose entro il 26 novembre. Questo è il programma che i proprietari di ristoranti, bar e caffè e lavoratori hanno pianificato e lavorato.

Quando il primo ministro Daniel Andrews ha annunciato domenica la tabella di marcia rivista, ci sono stati alcuni piccoli ma significativi cambiamenti in termini di vaccinazione dei lavoratori. “In ambienti chiusi come ristoranti e caffè sarà possibile riaprire fino a 20 persone al chiuso con limiti di densità e solo se tutti i partecipanti, compresi i lavoratori, sono completamente vaccinati”, ha affermato. L’obbligo di vaccinare i lavoratori è stato pienamente supportato dalla tabella di marcia pubblicata quella notte.

Trattoria Emilia ha 15 dipendenti, metà dei quali attualmente in monodose, che sono rimasti spaventati e confusi dai messaggi contrastanti. Foto: Wayne Taylor

“Melbourne dovrebbe riaprire, ma ciò in realtà significa che dobbiamo chiudere”, afferma Francesco Rota, proprietario della Trattoria Emilia in città. Il ristorante ha 15 dipendenti, la metà dei quali assume una singola dose e sono sulla buona strada per essere completamente vaccinati entro la scadenza del 26 novembre. “Siamo spaventati e confusi”, dice. “Crediamo che all’improvviso l’attività che ci ha portato a chiudere dovrà chiudere”.

Le società di ospitalità hanno chiesto chiarimenti urgenti agli enti di settore e alle linee di assistenza governative. Se ai lavoratori fosse richiesto di assumere dosi doppie, non ci sarebbero abbastanza cuochi e camerieri per dare ai clienti di Melbourne la birra, la punta di petto e il bulgogi che bramavano.

“Abbiamo una carenza costante di personale, quindi non è possibile trovare persone che lo sostituiscano”, afferma Ingrid Langtry, proprietaria di Ladro Pizzeria a Prahran e Fitzroy. “Alcuni dei nostri dipendenti che hanno assunto Astra-Zeneca devono aspettare più a lungo per la seconda dose”.

Il ristorante Ladro's a Fitzroy ha solo abbastanza personale rotto per poter aprire all'aperto il venerdì.

Il ristorante Ladro’s a Fitzroy ha solo abbastanza personale rotto per poter aprire all’aperto il venerdì. Foto: in dotazione

Martedì mattina, l’Australian Hotel Association ha ricevuto una lettera da un portavoce del Dipartimento di Giustizia e Sicurezza della Comunità di Victoria che la tabella di marcia di domenica era sbagliata.

“Posso confermare che a questo punto il requisito della vaccinazione completa si applica solo ai beneficiari, nonostante il fatto che la tabella di marcia indichi personale e beneficiari completamente vaccinati entro il 22 ottobre”, si legge nella lettera. “Come sapete, i dipendenti hanno tempo fino al 26 novembre per vaccinarsi completamente e possono lavorare da venerdì a condizione che ricevano la prima dose del vaccino COVID-19”.

E presto l’American Heart Association pubblicò questo consiglio ai suoi membri, che copriva centinaia di bar e migliaia di lavoratori.

Tuttavia, un’altra fonte governativa ha affermato in seguito che il ministero della Salute non era a conoscenza di questo messaggio e che il ministero della Giustizia aveva commesso un errore. In effetti, il primo ministro ha raddoppiato il requisito della doppia dose alla conferenza stampa di martedì.

“Il numero di beneficiari ammessi alla nostra struttura dipende dalle persone che sono state vaccinate con una doppia dose e non credo che nessuno troverà da ridire sulla logica che dice se devo fare i conti con una doppia dose per sedermi e ordinare una birra o un bicchiere di vino poi chi mi serve ha bisogno di una doppia dose. Inoltre”.

“Quindi è molto importante cercare di essere il più coerenti possibile e mi scuso se c’è confusione”.

Nel frattempo, i ristoranti che chiamano la hotline di informazioni commerciali del governo sono ancora informati del vecchio programma.

Gli operatori dell’ospitalità, già sotto stress e troppo lavoro, ora si sentono frustrati e confusi.

“Le decisioni rapide del governo creano stress in un ambiente già sovraccaricato”, afferma Langtry.

“Non possiamo orientarci su questo rapidamente. Non si tratta solo di aprire una porta. Abbiamo bisogno di allineare sistemi, servizi e processi, e c’è molta conformità che dobbiamo raggiungere. Abbiamo un disperato bisogno di aprirci e andare torniamo a quelli che sembrano ritorni ragionevoli, ma possiamo aprire solo di conseguenza”.

Allo stato attuale, Ladro prevede di aprire all’aperto solo il venerdì. “Questo è tutto ciò che possiamo fare per essere un equipaggio completo”, afferma Langtry. “Vogliamo che tutti, i nostri clienti e i nostri dipendenti, abbiano un’esperienza positiva”.

READ  Nello scandalo delle dighe di Sh63bn, gli italiani stanno affrontando un processo keniota