Novembre 28, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Una commissione del Senato brasiliano ha approvato un rapporto che chiede l’incriminazione del presidente Jair Bolsonaro per la gestione del coronavirus

Una commissione d’inchiesta del Senato brasiliano ha approvato un rapporto che chiede l’incriminazione del presidente Jair Bolsonaro per nove crimini legati alla sua gestione della pandemia di COVID-19, compresi i crimini contro l’umanità.

Il rapporto – che è lungo oltre 1.300 pagine e ha richiesto circa sei mesi per essere preparato dal comitato controllato dall’opposizione – sostiene anche che altre 77 persone e due società hanno commesso reati.

Una bozza del rapporto, pubblicata la scorsa settimana, chiedeva che Bolsonaro fosse incriminato per genocidio e omicidio, ma in seguito i senatori hanno deciso di far cadere quelle accuse speciali a causa di quelle che hanno descritto come “motivi tecnici”.

Hanno anche deciso di aggiungere 10 persone all’elenco delle persone da addebitare.

Tra quelli aggiunti c’è Wilson Lima, il governatore dello stato interno dell’Amazzonia, dove la mancanza di forniture di ossigeno negli ospedali ha portato a una morte per asfissia all’inizio di quest’anno.

Il governo del signor Lima è oggetto di un’indagine federale sulla presunta corruzione legata all’approvvigionamento di attrezzature mediche.

Il senatore Renan Calliros, relatore del rapporto, ha affermato che il presidente “sta dalla parte” dei tiranni, tra cui Adolf Hitler e Augusto Pinochet.

“Il caos del governo di Jair Bolsonaro passerà alla storia come il livello più basso di povertà umana”, ha affermato il senatore Calheros.

L’ufficio stampa di Bolsonaro non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

La bandiera brasiliana copre una sezione di una grande nuvola vestita di verde e giallo raggruppata tra una spiaggia e una fila di costellazioni.
La popolarità di Jair Bolsonaro sta calando per la sua gestione della pandemia, ma ha ancora i suoi sostenitori.(Afp: Bruna Prado/File)

Il signor Lima ha rifiutato di essere nominato, descrivendolo come una posizione politica.

“Mettere il mio nome nel rapporto finale ha un motivo interamente politico ed elettorale”, ha detto Lima in una dichiarazione fornita dal suo ufficio stampa.

“Non sono stato indagato dalla commissione”.

È improbabile che Bolsonaro debba affrontare accuse formali, poiché dovranno essere presentate dal procuratore generale brasiliano, che è stato nominato dal presidente.

Il presidente ha precedentemente respinto l’indagine del Senato come uno “scherzo”.

Tuttavia, il rapporto evidenzia il crescente isolamento del leader di destra con l’avvicinarsi dell’anno elettorale.

La sua popolarità sta già calando, a causa della sua gestione della pandemia e dell’inflazione ostinatamente alta.

Reuters

READ  Da approvare il piano fallimentare di OxyContin che protegge la famiglia Sackler da future cause legali