Aprile 17, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Trovare un vaccino contro COVID-19 per proteggere dalle infezioni e dai danni cerebrali causati dal virus

Trovare un vaccino contro COVID-19 per proteggere dalle infezioni e dai danni cerebrali causati dal virus

riepilogo: Un nuovo vaccino COVID-19 sviluppato dai ricercatori del CNB-CSIC sembra proteggere dalle infezioni cerebrali e dai sintomi neurologici associati al coronavirus.

Fonte: Università di Siviglia

Sebbene le malattie respiratorie siano l’impatto principale di COVID-19, molti pazienti mostrano anche importanti sintomi neurologici, come anosmia (anosmia), mal di testa, malessere, perdita della percezione, epilessia, atassia, encefalopatia, tra le altre cose.

Tuttavia, questo effetto sul sistema nervoso dovuto al coronavirus non è stato descritto in dettaglio e non è noto se i vaccini sviluppati contro COVID-19 impediscano la diffusione di SARS-CoV-2 al sistema nervoso centrale e forniscano protezione contro le lesioni cerebrali .

Ora, utilizzando un modello murino suscettibile all’infezione da SARS-CoV-2, un team multidisciplinare di ricercatori spagnoli guidati dal Dr. Javier Villadejo e dal Dr. Juan José Toledo-Aral (IBiS, CIBERNED, Dipartimento di Fisiologia Medica e Biofisica della Facoltà di Medicina di Siviglia) e Juan García -Arriaza (Dipartimento di Biologia Molecolare e Cellulare del CNB-CSIC, CIBERINFEC e PTI Global Health del CSIC), in collaborazione con altri gruppi dell’Università di Siviglia e del Consiglio Nazionale delle Ricerche spagnolo (CSIC), dimostra la capacità di SARS-CoV-2 di infettare diverse regioni del cervello e causare danni cerebrali e come il vaccino CNB-CSIC protegga completamente dall’infezione cerebrale.

Questi risultati sono stati pubblicati in Neuroscienze naturali.

I ricercatori hanno studiato la progressione dell’infezione virale in diverse regioni del cervello, osservando che la moltiplicazione del virus si verifica principalmente nei neuroni, con conseguenti cambiamenti neurologici patologici come perdita di neuroni, attivazione delle cellule gliali e danni ai vasi sanguigni.

Abbiamo eseguito uno studio patologico e molecolare molto dettagliato delle regioni del cervello e dei tipi di cellule infettati dal virus. È affascinante Javier Villadiego spiega come il virus infetta diverse regioni e cellule nervose.

READ  Gli astronomi hanno scoperto quella che potrebbe essere la galassia più distante finora

Una volta identificato il modello di infezione nel cervello da SARS-CoV-2, i ricercatori hanno quindi valutato l’efficacia del vaccino contro COVID-19 sviluppato al CNB-CSIC. Per fare ciò, hanno immunizzato i topi con una o due dosi di vaccino MVA-CoV2-S, basato su un virus Vaccine Ankara (MVA) modificato che esprime la proteina spike (S) di SARS-CoV-2, e ne hanno analizzato la capacità di proteggere contro le infezioni e i danni cerebrali.

“I risultati ottenuti sono sorprendenti, dimostrando che anche una singola dose di vaccino MVA-CoV2-S previene completamente l’infezione da SARS-CoV-2 in tutte le regioni cerebrali studiate e previene i danni cerebrali associati, anche dopo la reinfezione con il vaccino. Questo dimostra la grande efficacia e immunogenicità del vaccino, che induce un’immunità sterilizzante nel cervello”, afferma Juan Garcia Arreaza.

I ricercatori hanno studiato la progressione dell’infezione virale in diverse regioni del cervello, osservando che la moltiplicazione del virus si verifica principalmente nei neuroni, con conseguenti cambiamenti neurologici patologici come perdita di neuroni, attivazione delle cellule gliali e danni ai vasi sanguigni. L’immagine è di pubblico dominio

Questi risultati rafforzano i dati precedenti sull’immunogenicità e l’efficacia del vaccino MVA-CoV2-S in diversi modelli animali.

“Abbiamo precedentemente dimostrato in una serie di pubblicazioni che il vaccino MVA-CoV2-S che abbiamo sviluppato al CNB-CSIC induce in tre modelli animali (topi, criceti e macachi) una forte risposta immunitaria agli anticorpi leganti la proteina S del CNB -CSIC”, afferma Mariano Esteban, ricercatore del CNB-CSIC. Partecipante allo studio: “Il virus e gli anticorpi neutralizzanti contro varie varianti di preoccupazione per il virus, così come l’attivazione dei linfociti T, sono marcatori essenziali per il controllo delle infezioni”.

I risultati hanno importanti implicazioni a lungo termine per la comprensione dell’infezione causata da SARS-CoV-2. “I dati che abbiamo ottenuto sull’infezione da SARS-CoV-2 nel cervello sono coerenti con la neuropatologia osservata nei pazienti con COVID-19”, afferma José López-Barneo, un ricercatore IBiS che è coautore della pubblicazione.

“Il nostro lavoro è il primo studio di un vaccino efficace al 100% contro il danno cerebrale causato da SARS-CoV-2 in un topo suscettibile, e i risultati ottenuti suggeriscono fortemente che il vaccino può prevenire la persistenza di COVID-19 che è stato osservato in molte persone infette con SARS-CoV-2”, afferma Juan Jose Toledo-Aral.

READ  Gli scienziati hanno una 'conversazione' di 20 minuti con la megattera • Earth.com

I dati presentati in questo studio con inibizione completa della replicazione di SARS-CoV-2 nel cervello mediata dal vaccino MVA-CoV2-S, insieme a precedenti studi pubblicati dal gruppo e collaboratori sull’immunogenicità e l’efficacia del vaccino contro varie varianti di SARS-CoV-2, lo supportano. Sperimentazioni cliniche di fase I con un tale vaccino, o prototipi simili, per valutarne la sicurezza e l’immunogenicità”, sottolineano gli autori dello studio.

A proposito di questa ricerca di notizie sul COVID-19

autore: ufficio stampa
Fonte: Università di Siviglia
Contatto: Ufficio Stampa – Università di Siviglia
immagine: L’immagine è di pubblico dominio

Guarda anche

Questo indica danni al tessuto cerebrale

Ricerca originale: accesso libero.
Protezione completa contro l’infezione cerebrale SARS-CoV-2 e il danno nei topi transgenici suscettibili conferiti dal candidato al vaccino MVA-CoV2-SDi Javier Villadiego et al. Neuroscienze naturali


Riepilogo

Protezione completa contro l’infezione e il danno cerebrale da SARS-CoV-2 nei topi transgenici suscettibili conferiti dal candidato al vaccino MVA-CoV2-S

I vaccini contro SARS-CoV-2 si sono dimostrati sicuri ed efficaci, ma la loro efficacia protettiva contro le infezioni nel cervello rimane poco chiara.

Qui, in un modello di topo transgenico K18-hACE2 della grave malattia da coronavirus 2019 (COVID-19), riportiamo una caratterizzazione spaziotemporale dell’infezione da SARS-CoV-2 e la sua replicazione attraverso il cervello. La proliferazione cerebrale di SARS-CoV-2 si verifica principalmente nei neuroni, con conseguente perdita neuronale, segni di attivazione gliale e danno vascolare nei topi con infezione da SARS-CoV-2.

Una o due dosi di un vettore Ankara (MVA) del virus vaccinale modificato che esprime la proteina SARS-CoV-2(S) (MVA-CoV2-S) fornisce una protezione completa contro l’infezione cerebrale da SARS-CoV-2, prevenendo la replicazione del virus in tutte le aree del cervello e il loro danno associato. Questa protezione è stata mantenuta anche dopo la reinfezione da SARS-CoV-2.

READ  I nostri migliori consigli e storie sulla salute dal 2023

Questi risultati supportano anche l’uso di MVA-CoV2-S come candidato vaccino promettente contro SARS-CoV-2/COVID-19.