Marzo 2, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Se lo facciamo nel modo giusto, possiamo ripiantare alberi e arbusti per immagazzinare carbonio e ripristinare la biodiversità

Se lo facciamo nel modo giusto, possiamo ripiantare alberi e arbusti per immagazzinare carbonio e ripristinare la biodiversità

Ecco come funziona la coltivazione del carbonio. Gli agricoltori piantano alberi su terreni agricoli abbandonati. Gli alberi assorbono il carbonio dall’atmosfera man mano che crescono, agendo come un bacino naturale per compensare alcune emissioni. Per gli agricoltori, questi impianti di stoccaggio del carbonio vengono ripagati in crediti di carbonio.

Sembra semplice. Ma negli ultimi anni, la tecnologia è stata criticata per le affermazioni secondo cui l’approccio non fornisce i crediti di carbonio necessari per compensare le emissioni di carbonio dell’Australia.

Questo avviene nel mezzo di a Una crisi di fiducia più ampia Nelle compensazioni e nei crediti di carbonio.

Come scienziato del restauro, penso che sia positivo che il settore sia sotto un maggiore controllo. Ma non dovremmo escludere l’agricoltura basata sul carbonio. Se implementata correttamente, la coltivazione del carbonio può anche ripristinare gli habitat perduti e contribuire ad affrontare la crisi globale della biodiversità. Poiché la Terra perde sempre più specie, è ora necessario un ripristino su larga scala.

Insegniamo la conservazione degli habitat esistenti e il ripristino delle terre degradate in habitat Ne trarrà beneficio l’86%. È tra le oltre 1.300 specie a rischio di estinzione in Australia. In un’iniziativa di agricoltura del carbonio ben gestita nell’Australia sudoccidentale, ad esempio, abbiamo visto un uccello raro, un uccello che si preoccupa eccezionalmente del luogo in cui vive.

Gli scienziati del restauro Susan Propper e Tina Parkhurst stanno prendendo in considerazione un progetto di biodiversità sul carbonio 10 anni dopo averlo piantato nell’Australia sudoccidentale.
Rachel Standish, CC BY-ND

La coltivazione del carbonio può essere vantaggiosa per tutti, se eseguita correttamente

Esistono modi buoni e cattivi per coltivare il carbonio. È sbagliato attribuire il merito alla ricrescita della vegetazione autoctona causata dalle piogge, ad esempio, piuttosto che alla ricrescita dopo la fine del pascolo del bestiame o di altri interventi umani intenzionali. È anche un errore prendersi il merito di “aver evitato la deforestazione”, lasciando intatta la vegetazione quando non si sarebbe mai pensato di rimuoverla. Dovremmo anche evitare di piantare alberi nelle praterie, che hanno una specie propria e non dovrebbero essere sostituiti.

READ  Studio: L'inquinamento atmosferico può influire sulla qualità dello sperma inquinamento dell'aria

Alcuni sforzi di agricoltura del carbonio sono stati gestiti come piantagioni, dove viene coltivata un’unica specie a crescita rapida come il mali blu. IL Presupposto qui Le monocolture come questa immagazzinano più carbonio di una miscela di specie?

Ma noi e altri ricercatori abbiamo scoperto che non è così. Pianta una varietà di alberi – come in una vera foresta – Può immagazzinare la stessa quantità di carbonio Come le monocolture.

Gli arbusti immagazzinano meno carbonio degli alberi ma svolgono un ruolo importante nel ripristino. Ad esempio, un groviglio di rami e foglie può fornire un rifugio sicuro ai piccoli uccelli. Anche i cespugli Migliorare la flessibilità del progetto Alla siccità e al fuoco rispondono in modo diverso, il che aiuta nella ripresa.

Non ci saranno sanzioni per gli agricoltori che piantano alberelli se il governo intende farlo Il mercato della riparazione della natura in vigore. I progetti sulla biodiversità possono guadagnare crediti di carbonio e biodiversità.

Ciò aprirebbe la porta alla vittoria. Gli sforzi per l’agricoltura del carbonio potrebbero raddoppiare come progetti di ripristino della natura, se evitiamo la piantumazione di alberi monocoltura e ci concentriamo sul ripristino della biodiversità immagazzinando carbonio. L’Australia ha 13 milioni di ettari di terreno degradatoCiò significa che c’è una vasta area da ripristinare senza confiscare terreni agricoli o influenzare la produzione agricola.

L’Australia potrebbe trarne vantaggio

Come hanno sottolineato i critici dell’agricoltura del carbonio, i crediti di carbonio derivanti dalla piantumazione di alberi possono essere gommosi. Ma non dovremmo dipingere tutti i progetti con lo stesso pennello.

In Australia, numerose aziende offrono crediti di carbonio altamente integrati derivanti da progetti di piantagione di alberi autoctoni con biodiversità, ad es L’Australia è carbon positive E Rendere più verde l’Australia.

READ  Joe Biden smentisce il piano economico di Liz Truss, dice di non essere preoccupato per la forza del dollaro

Ripristinare la natura È probabile che diventi più attraente per gli investitori grazie al suo potenziale di crescita del capitale naturale e alle opportunità di lavoro.

Per quanto sia necessario il ripristino, lo sono anche le cure continue, come il controllo e l’abbandono dei selvaggi La pianta rimane intatta.



Per saperne di più: La politica climatica centrale dell’Australia paga le persone per piantare alberi che già esistono. I contribuenti – e l’ambiente – meritano di meglio


Sfortunatamente, il cambiamento climatico minaccia il ripristino ambientale, che può contribuire a ridurne gli effetti. Nelle zone aride dell’Australia, la siccità rende tutto più difficile Piantine per sopravvivere Per alberi o arbusti Crescono bene anche dopo che si sono stabiliti.

Sebbene molte piante autoctone dell’Australia siano abbastanza resistenti da resistere agli incendi, gli incendi frequenti rendono difficile la ripresa. Le piante hanno bisogno di tempo tra un incendio e l’altro per far crescere le radici e sviluppare banche di semi.

Vista degli alberi rigeneranti e del cielo blu
Abbiamo studiato come gli sforzi di rivegetazione di specie miste immagazzinano il carbonio presso la Ridgefield Research Farm dell’Università dell’Australia Occidentale.
Rachel Standish, CC BY-ND

La biodiversità è importante

Quando parliamo di biodiversità, parliamo della ricchezza della vita.

Ad oggi, gli sforzi di coltivazione del carbonio in Australia variano ampiamente nel modo in cui proteggono la biodiversità. Pensa alla differenza tra camminare attraverso una piantagione di bluegrass o di gomma da zucchero – dove ci sono pochi uccelli o altre specie – rispetto a camminare attraverso un pezzo di foresta nativa. Alcune fattorie di carbonio Può essere diverso.

Sforzi di ripristino che attirano più specie Verrà a lavorare Più come un vero e proprio ecosistema indigeno tipico della loro zona.

Ciò non significa che il lavoro di restauro sia facile. Trasformare un campo invaso dalle erbacce a causa di decenni di utilizzo agricolo È difficile. Anche le specie autoctone come i canguri e gli emù possono rappresentare una sfida mangiando le piantine.

Trattare gli esperimenti come parte della pratica e riferire apertamente successi e fallimenti può aiutare a far avanzare il settore. Ad esempio, la nostra ricerca sul restauro ha rilevato Ritorno degli arbusti originali Se ne viene data l’opportunità, ma non le specie inferiori.

In difesa della carbon farming

L’agricoltura del carbonio è una novità. Mentre alcuni sforzi potrebbero mirare a ingannare il sistema, ce ne sono molti altri che stanno sinceramente cercando modi per utilizzare la natura per immagazzinare il carbonio che abbiamo rilasciato nell’atmosfera. Man mano che questo nuovo approccio progredirà, ci saranno dei fallimenti. Ma il fallimento non significa necessariamente distruggere l’ambiente.

E come l’Australia, piace Molti altri paesiche fissa ambiziosi obiettivi di ripristino per proteggere il 30% del territorio e del mare entro il 2030, dovremo sperimentare, innovare, lavorare a fianco dei proprietari tradizionali e pianificare la nostra permanenza a lungo termine.

Stiamo già vedendo segnali di speranza che il lavoro di ripristino stia apportando benefici almeno ad alcune specie, come: Formiche E Uccelli della giungla.

Il ripristino può funzionare: per noi, per il clima e per la nostra specie. Assicuriamoci che funzioni.



Per saperne di più: Ecco come riformare l’approccio australiano ai crediti di carbonio del suolo in modo che siano effettivamente conteggiati ai fini dei nostri obiettivi climatici