Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Resti umani arcaici rivelano come l’età della pietra seppelliva i propri morti: ScienceAlert

Resti umani arcaici rivelano come l’età della pietra seppelliva i propri morti: ScienceAlert

Gli archeologi hanno scoperto prove di pratiche di sepoltura neolitiche uniche nella Galeria del Silex in Spagna, dopo aver analizzato vasi di ceramica trovati con resti umani in due fosse.

Rappresenta un primo esempio delle varie usanze funerarie del Neolitico sotterraneo Penisola Iberica Nell’entroterra, la scoperta richiama l’attenzione sui Monti Atapuerca come un’importante frontiera per i primi esseri umani che trovarono una nuova casa nella zona.

“Le nuove prove… mostrano che potrebbe essere stato utilizzato come reperto funerario e aver esteso il suo utilizzo sin dai tempi più antichi Neoliticodurante Età del ramee continuò fino all’inizio Età del bronzo“,” Lui scrive Un team guidato dall’archeologo Antonio Molina Almansa dell’Università di Alcalá in Spagna.

I “pionieri” del Neolitico nel cuore dell’Iberia hanno lasciato poche tracce dei loro rituali funerari. Si spostavano spesso in piccoli gruppi e rimangono poche prove dei loro metodi di smaltimento rispettoso dei loro morti.

E in quella che oggi è la Francia, il Portogallo e l’Andalusia, le comunità dello stesso periodo spesso seppellivano i loro cari nelle grotte mentre passavano. Tuttavia, nella penisola spagnola, le prime usanze neolitiche tra coloro che iniziarono a stabilirsi in un luogo prevedevano di seppellire i morti nel terreno.

Risultati in La Galería del Sílex offre un netto contrasto con questa pratica.

La grotta è stata ritrovata nel 1972 Caratteristiche affreschi e incisioni rupestri, con frammenti di resti animali, resti umani e ceramiche sparsi ovunque.

I due gruppi di resti umani analizzati in questo studio sono notevoli perché erano collocati ciascuno sul fondo di due fosse separate situate a più di 300 metri (984 piedi) dall’ingresso.

READ  Non bloccata in Bihar, la crociera Ganga Vilas ha attraccato i turisti per esplorare la costa Inland Waterways Authority: The Tribune India

“La Galería del Sílex è un sito eccezionale”, affermano i ricercatori. Lui scrive“Perché fu sigillato alla fine dell’età del bronzo ed è sopravvissuto intatto fino ai giorni nostri.”

Tutti i resti umani rinvenuti nel sito sono stati identificati come pre-età del bronzo, ma la presenza di vasi di ceramica del primo Neolitico trovati insieme a resti umani nelle due fosse (conosciute come Cima A e Cima B) ha indotto a una rivalutazione.

La datazione al radiocarbonio su denti umani e ossa di quattro diversi individui trovati nelle due fosse fornisce un’interessante correzione. Mentre il corpo di Sima A. era effettivamente vivo durante la prima età del bronzo, tra il 1880 e il 1690 a.C., gli altri tre resti umani risalgono a un periodo compreso tra il 5307 e il 4897 a.C., il che li rende del Neolitico antico.

I resti di un individuo del Neolitico antico, identificato dal team come una giovane ragazza di circa 13-14 anni, sembrano essere stati accuratamente collocati a Sima A accanto a sei vasi di ceramica. I ricercatori ritengono che la ragazza sia stata deliberatamente sepolta insieme ai vasi come offerta funebre.

Molina Almansa e il suo team suggeriscono che ciò significhi che le persone che utilizzarono la grotta Galleria del Silex furono tra le prime nella zona a sviluppare pratiche funerarie complesse, poiché il posizionamento intenzionale nella grotta e lontano dall’ingresso sembra insolito per l’epoca.

“C’erano solo due grotte conosciute in questa zona con resti umani del primo periodo neolitico”, hanno detto. Lui scrive. “In entrambe le grotte, resti umani sono apparsi in contesti locali, indicando che non esisteva un luogo speciale designato per la sepoltura dei loro morti.”

READ  Un sollievo temporaneo per Trump poiché il tribunale di New York ritarda la cancellazione della licenza commerciale

Il fatto che le singole tombe si trovassero in una posizione diversa indica che potrebbe esserci stato qualcosa di speciale nell’area, che dovrebbe essere considerata rappresentativa del tipo di luoghi che i nostri antenati nomadi avrebbero scelto per costruire insediamenti più permanenti.

Aggiunsero: “Non c’è dubbio che fosse utilizzato per scopi funerari”. Spiegare“A causa della grande distanza tra il luogo in cui furono depositati i resti umani e l’ingresso dell’antica grotta.”

Una nuova analisi della Galería del Sílex fornisce uno sguardo prezioso sulla vita dei più antichi popoli neolitici della penisola iberica.

Sembra che queste persone facessero parte di una società complessa e sofisticata con una ricca cultura e un sistema di credenze.

Lo studio è stato pubblicato in Recensioni scientifiche quadruple.