Marzo 4, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Re Carlo afferma che il mondo si sta dirigendo verso “territori pericolosi e inesplorati” mentre la crisi climatica peggiora

Re Carlo afferma che il mondo si sta dirigendo verso “territori pericolosi e inesplorati” mentre la crisi climatica peggiora

Chris Jackson/Chris Jackson

Re Carlo III parla alla cerimonia di apertura del vertice globale sull’azione per il clima durante la COP28 il 1 dicembre 2023 a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti.



CNN

I segnali di allarme della crisi climatica vengono ignorati e il mondo si sta dirigendo verso un “territorio pericoloso e inesplorato” con conseguenze devastanti per la vita e i mezzi di sussistenza, ha detto venerdì re Carlo III ai leader mondiali.

Nel suo discorso di apertura ai delegati del Global Climate Action Summit, parte dei colloqui sul clima della COP28 a Dubai, il re ha affermato di pregare “con tutto il cuore affinché la COP28 costituisca un punto di svolta decisivo verso un’azione veramente trasformativa”.

“Ci sono stati alcuni progressi importanti, ma ciò che mi preoccupa profondamente è che siamo ancora molto lontani dalla strada giusta”, ha affermato, aggiungendo: “Stiamo portando il mondo naturale oltre norme e confini equilibrati in un pericoloso territorio inesplorato”.

Facendo riferimento alle condizioni meteorologiche estreme alimentate dai cambiamenti climatici quest’anno, tra cui una stagione di incendi senza precedenti in Canada, inondazioni mortali in Pakistan e Bangladesh e una siccità catastrofica nell’Africa orientale, il re ha detto ai delegati che “la speranza del mondo” dipende dalle decisioni prese durante il congresso. il vertice. .

Ha detto: “Stiamo conducendo un vasto e terrificante esperimento per cambiare tutte le condizioni ambientali contemporaneamente ad un ritmo che supera di gran lunga la capacità di adattamento della natura”.

Il re ha chiesto una serie di misure, tra cui il rafforzamento dei finanziamenti pubblici e privati, per affrontare la crisi climatica e aumentare rapidamente le energie rinnovabili.

READ  I parlamentari turchi sostengono l'adesione della Finlandia alla NATO

“Nel 2050, i nostri nipoti non ci chiederanno cosa abbiamo detto, ma vivranno con le conseguenze di ciò che abbiamo fatto o non fatto”, ha affermato. Ha aggiunto: “La terra non ci appartiene. Noi apparteniamo alla terra”.

Venerdì si è svolto il primo grande discorso del re sul cambiamento climatico da quando è diventato re l’anno scorso. il re L’anno scorso non ha partecipato alla COP27 Vertice in Egitto, dopo che l’allora primo ministro britannico, Liz Truss, gli aveva consigliato di non andare. La CNN apprese allora che il re e il governo avevano concordato congiuntamente che il vertice sul clima non era l’occasione adatta per il primo viaggio del re all’estero come sovrano.

Il presidente degli Emirati Arabi Uniti, Sheikh Mohammed bin Zayed Al Nahyan, che ha parlato alla cerimonia, ha annunciato un fondo di investimenti verdi da 30 miliardi di dollari, “progettato per colmare il divario di finanziamento del clima”.

I paesi in via di sviluppo spingono da tempo il mondo ricco a indirizzare maggiori finanziamenti al Sud del mondo per aiutarlo a realizzare la transizione verde. Ha parlato a Dubai, dove gli Emirati Arabi Uniti ospitano i colloqui.

Un anno dopo Registrazione delle temperature globaliCon condizioni meteorologiche estreme mortali alimentate, la pressione è alta alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28) affinché i leader compiano progressi ambiziosi nell’affrontare la crisi climatica. Ma i paesi rimangono divisi sul ruolo che svolgeranno in futuro i combustibili fossili, il principale motore del cambiamento climatico.

La Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28), apertasi ieri, è iniziata con grandi progressi a livello nazionale Fondo danni ufficialmente approvatoda decenni, per aiutare i paesi più colpiti dalla crisi climatica.

READ  Antiche impronte hanno riscritto la storia dell'umanità nelle Americhe

Ricevi la newsletter reale gratuita

Iscriviti a Royal News sulla CNNuna newsletter settimanale che ti offre informazioni privilegiate sulla famiglia reale, cosa fanno in pubblico e cosa succede dietro le mura del palazzo.

Tra i paesi che hanno assunto impegni immediati figurano gli Emirati Arabi Uniti e la Germania, che hanno entrambi promesso 100 milioni di dollari, e il Regno Unito, che ha annunciato 60 milioni di sterline, parte dei quali saranno utilizzati per “altri accordi”, secondo il comunicato stampa. Gli Stati Uniti hanno annunciato un impegno di 17,5 milioni di dollari, che alcuni esperti e gruppi di difesa hanno definito “imbarazzante”.

I leader mondiali, tra cui il primo ministro indiano Narendra Modi, il presidente brasiliano Lula da Silva, il primo ministro britannico Rishi Sunak e il primo ministro delle Barbados Mia Mottley, parleranno ai delegati più tardi.

Lauren Said Morehouse, Angela Dewan ed Ella Nielsen della CNN hanno contribuito al reportage